HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

 

 IL TERRORISMO VISTO DA AL QAEDA  

 

di GIOVANNI DE SIO CESARI
http://www.giovannidesio.it/

 

INDICE:

PREMESSA

MESSAGGIO DI BIN LADEN AGLI IRACHENI

RIVENDICAZIONE DELL'ATTENTATO DI ATOCHA IN MADRID

COMUNICATO PER LA DECAPITAZIONE DI N. BERG

VIDEO DI AL ZAWAHRI 

11 SETTEMBRE: UN COLPO DI GENIO ?

PROSPETTIVE DEL CONFLITTO

 

PREMESSA

 

Generalmente  la rivendicazione di un  attentato  non viene esaminato dai mass media  e viene dichiarato  folle, delirante, manifestazione di fanatismo. Invece si tratta, in genere, di una esposizione logica e  coerente almeno su  un piano culturale  islamico che va quindi valutata  attentamente.

 Gli Occidentali  conoscono pochissimo il resto del mondo mentre il resto dl mondo conosce bene la civiltà europea allo stesso modo in cui tutti conoscono l’inglese ma i madre-lingua inglese difficilmente parlano altre lingue. Conseguentemente tendiamo a interpretare  gli "altri" con le nostre categorie mentali facendo gravi errori di prospettiva. E’ davvero singolare partire  dalle categorie mentali occidentali, di destra o di sinistra, non importa, per spiegare un fenomeno tutto interno al mondo islamico che  ha come aspetto caratterizzante  proprio il rifiuto delle categorie mentali occidentali.  In questo errore di prospettiva  tendiamo poi a considerare i dirigenti  di al Qaeda  come se fossero beduini del deserto o pastori afgani:  si tratta invece di persone tutte non solo dotate di  ampia cultura  islamica ma che conoscono molto bene il mondo occidentale. Se il mullah Omar era in effetti un limitato "prete di campagna"  bin  Laden ha studiato nelle scuole migliori, le stesse frequentate  dai principi sauditi, trascorreva le vacanze in Svezia  e a quanto pare da  giovane vestiva  casual ed era appassionato di musica rock come un qualunque teen-agers americano.

Il suo vice,  al Zawahri era brillante   medico, nipote dell'Iman della università  Al Azhar  e quel tale Atta che ha guidato l'attacco alle torri gemelle aveva avuto tutte e due  i nonni rettori della stessa prestigiosa università. 

Intendiamo in questo lavoro con il termine di al Qaeda non solo la organizzazione propria di bin Laden ma tutti i gruppi che si ispirano al modello da esso rappresentato.

 Cercheremo quindi di comprendere il mondo del terrorismo islamico esaminando attentamente alcuni documenti di rivendicazioni fatti pervenire  da essi

 SU

 

MESSAGGIO DI BIN  LADEN AGLI IRACHENI

 

 Nel novembre del 2002 bin  Laden fece pervenire alla TV satellitare Al Jazeera una cassetta, in seguito considerata autentica dagli esperti della CIA. In essa erano contenuti due distinti messaggi, uno rivolto agli Iracheni e l’altro al popolo americano. In questo ultimo bin  Laden  ha minacciato nuovi attentati suicidi contro i “crociati”. Nelle minacce  sono compresi anche gli alleati degli Stati Uniti in Iraq, riservandosi  “il diritto di rispondere nel momento e nel luogo più opportuni a tutti i paesi che partecipano a questa guerra ingiusta, in particolare la Gran Bretagna, la Spagna, l'Australia, la Polonia, il Giappone e l'Italia”

 In seguito le minacce si sono concretizzate solo per la Spagna l’11 marzo 2004.

Noi esamineremo pero in questa sede solo il primo messaggio,  quello rivolto agli Iracheni

 

Testo del Messaggio
«Chi combatte senza avere in cambio soldi è un martire. E’ questa la mia seconda lettera indirizzata ai nostri fratelli musulmani in Iraq. Oh gente di Salahuddin. Il vostro Jihad è un Jihad benedetto, specialmente quello dei fratelli palestinesi.
Gli americani si sono messi nei guai andando in Iraq, sono rimasti impantanati nello stagno del Tigri e dell’Eufrate. Bush ha pensato che l’Iraq è ricco di petrolio e ora è rimasto bloccato.
Voi state combattendo questa guerra senza porre condizioni. Questa è una crociata contro il mondo islamico.
Oh giovane popolo dell’Islam ovunque nel mondo e in special modo nello Yemen, devi puntare sul Jihad e mostrare i tuoi muscoli. Segui la retta via e non seguire il popolo che segue i miscredenti che vuole sviarti da questa missione.
Stanno giungendo delle voci in Iraq, come sono giunte prima in Palestina, in Egitto e in Giordania e nello Yemen e negli altri paesi che parlano di un sistema pacifico e democratico che cooperi con i governi rinnegati e che sia al servizio di ebrei e crociati, senza combattere sulla via di Allah.
Essi invitano l’umanità a entrare nella religione miscredente della democrazia e invitano gli iracheni ad entrare nel Consiglio governativo iracheno che opera senza seguire l’Islam; essi fanno un grande errore e sono contro Allah, l’Islam è la religione di Allah e loro sono della Jahiliya
Dico agli iracheni: è davanti a voi la vittoria contro gli americani e le forze dei crociati. Essi vietano ciò che ha permesso Allah come il Jihad. Dico a tutti coloro che aiutano gli americani che in verità essi sono dei miscredenti rinnegati, così come il partito socialista Baath e i partiti democratici curdi. Quello del Consiglio governativo è un governo scelto dall’America, come quello di Karzai o quello di Abu Mazen ed è un governo traditore. C’è bisogno in Iraq di un governo islamico che segua l’Islam.
Dico ai fratelli iracheni che sono con voi nel vostro sforzo e nel vostro Jihad: dovete prodigarvi per instaurare uno stato islamico.
I danni che hanno subito gli americani dopo la guerra sono arrivati a tre miliardi di dollari e questo costringerà per il terzo anno agli americani ad approvare un bilancio straordinario.
Oh mujahidin iracheni vi dico, per finire, che voi siete l’esercito di Allah e siete la prima linea per difendere la comunità islamica del mondo, la Nazione di Maometto».

 

IL NOSTRO COMMENTO

Si inizia con  indicare come martire chi combatte senza  danaro in cambio. La frase di per se appare poco chiara e direi anche poco felice: forse si voleva indicare i combattenti islamici in contrasto con i giovani che si arruolano nella rinascente polizia irachena che invece sono spinti dal bisogno di guadagnare. Il termine arabo tradotto con “martire “ in italiano è, come è noto, “shaid” : esso significa” testimone” (come in greco “martire”) e viene  usato per indicare il combattente islamico che cade in combattimento e in questo modo dà testimonianza della sua fede

 Il Jihad nel Corano ha due  significati: uno di guerra agli infedeli e l’altra di sforzo personale nel cammino della fede. Nel linguaggio di al Qaeda    viene usato solo nel primo significato.

 La terra dell’Iraq viene qualificata come quella di “Salahuddin” (grafia  italiana più comune: Salah ad-Din ), noto in Occidente con il nome latinizzato di Saladino e questa indicazione ha una valenza altamente emblematica per un musulmano iracheno. Saladino infatti, di stirpe Curda, nacque proprio a Tigritt , governò Egitto e Siria e soprattutto pose fino al regno cristiano di Gerusalemme sconfiggendo i Crociati nella battaglia di Hattin  nel 1187.  Viene quindi considerato l’eroe nazionale arabo nelle guerre medioevali contro i crociati: un esempio che sembra attuale, tagliato su misura ai  fini di bin  Laden. Certamente a nessuno occidentale verrebbe in mente di ricordare Goffredo di Buglione ma, si sa, viviamo in mondi spirituali diversi

Dopo un accenno più o meno fuggevole al petrolio viene il punto più interessante. Parla di voci (propaganda  ) che parlano  di governi democratici e pacifici  che cooperino con i governi  rinnegati: si deducono allora elementi importanti delle concezione  dei fondamentalisti:

 

  1. essi considerano  l’idea della democrazia e  della collaborazione con gli Occidentali  (“crociati” nel loro linguaggio) e anche  della pace (in contrapposto al Jihad che non può essere vietato) come cose  contrarie all’Islam. 
  2. I governi rinnegati sono quelli che intrattengono buoni rapporti con l’Occidente, praticamente tutti i regimi arabi  e mussulmani (l’unica eccezione era l’Afganistan )
  3. fra gli asserviti all’Occidente  include non solo, comprensibilmente, Garzai (presidente dell’Afganistan ) e i partiti democratici curdi che appoggiarono l’intervento americano  ma anche i partiti Baath e Abu Mazen.  Ora un  partito bath (socialisti )  era quello di Saddam Hussein e l’altro ancora governa attualmente in Siria : non sono stati mai amici dell’Occidente e tanto meno di Israele ma piuttosto guardarono all’URSS e alla sinistra europea. Tuttavia per la mentalità fondamentalista si tratta sempre di tendenze che guardano  fuori dell’Islam e quindi assolutamente inaccettabili. Per quanto riguarda Abu Mazen , presidente del consiglio palestinese, è espressione della corrente che accetta la divisione della Palestina in due stati il che appare un tradimento della causa mussulmana che non transige sulla totale distruzione di Israele.

 

Si parla inoltre di “Jahiliya”: letteralmente  tale termine indica le tenebre  che erano sulla terra prima che Dio si rivelasse  a Muhammad: quindi si tratterebbe del paganesimo pre-islamico, adoratore degli idoli. Tuttavia è comune nel lessico degli estremisti indicare con questo termine tutto ciò che si allontana dall’islam mettendo dei feticci ( il danaro, la democrazia, la libertà sessuale) al posto di Dio e della Shari’ah: in effetti corrisponde a nostre espressioni  come  “ dio-danaro” o  “ idolo del successo” 

 

In sintesi  il comunicato sostiene  una guerra santa che, in effetti, se ha come primo obbiettivo gli USA in realtà è rivolta contro tutti i governi arabi e tutte le tendenze della comunità islamiche che muovano verso la democrazia e più in generale  verso il mondo moderno considerato  espressione diabolica e contro il quale è doveroso  solo il Jihad, “la guerra sul sentiero di Allah” come recita il comunicato . 

 SU

 

 

 LA RIVENDICAZIONE DEGLI ATTENTATI DI  ATOCHA

 

l’11 marzo 2004 avveniva in Madrid l'attentato più sanguinoso e anche in effetti l'unico in Occidente dopo quello delle Torri Gemelle. Esaminiamo brevemente  il documento di rivendicazione degli attentati ai treni di Atocha che riportiamo

TESTO 

 Se punite fatelo nella misura del torto subito" (Corano 16/126). "Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciati: la persecuzione è peggio dell'omicidio" (Corano 2/191).

 

In nome di Allah Il Clemente, il Misericordioso:

"Operazione Treni della Morte

Le brigate Abu Hafsi Al-Misri avevano già promesso nel comunicato precedente datato 11 del mese islamico di Muharram 1425 che corrisponde al 2 marzo 2004, che le brigate Abu Hafs avrebbero preparato una nuova operazione. Ed eccola, le brigate mantengono le loro promesse. Le squadre della morte sono riuscite a penetrare nel profondo dell'Europa crociata colpendola in maniera dolorosa".
Si tratta solo di una parte del pagamento di vecchi conti con la Spagna crociata alleata dell'America nella sua guerra contro l'Islam. Dov'è l'America o Aznar? Chi ti proteggerà da noi, chi proteggerà te la Gran Bretagna, il Giappone e l'Italia, e gli altri che operano con voi. Quando colpimmo le forze italiane a Nassiriya vi lanciammo un monito per voi e per gli agenti dell'America affinchè ritiraste la vostra alleanza contro l'Islam e non avete compreso il messaggio. Speriamo che lo comprendiate questa volta. Noi delle brigate Abu Hafs Al-Misri non ci rattristiamo per la morte di quelli che vengono definiti civili".

"E' forse permesso loro uccidere i nostri bambini, le nostre donne ed i nostri anziani ed i nostri giovani in Afghanistan, in Iraq, in Palestina ed in Kashmir ed è invece vietato a noi uccidere loro? Dice Allah, gloria a Lui l'Altissimo: "E a chi vi attacca rispondete nello stesso modo." Fermatevi davanti a noi e liberate i nostri prigionieri e uscite dalle nostre terre e noi ci fermeremo. I popoli alleati dell'America devono fare pressioni sui propri governi affinchè si ritirino subito dall'alleanza con gli americani contro l'Islam)".
Vi avvertiamo che le brigate della morte arriveranno vicino a voi molto presto, vedrete i vostri morti a migliaia, se Allah vorrà, questo è un avvertimento. In un'altra operazione la brigata dell'esercito di Al-Quds ha colpito la festa dei massoni ebrei ad Istanbul, ed è la festa principale dei massoni nella quale ne sono stati uccisi tre dei loro capi, e se non ci fosse stato un errore tecnico sarebbero morti tutti i massoni ma il decreto divino ne ha uccisi solo tre, e la loda spetta ad Allah".
Diciamo inoltre alle brigate Bilal ibn Rabah che la direzione è d'accordo su quanto proposto, l'operazione avrà inizio con l'arrivo del delegato. E diciamo inoltre alle Brigate Abu Ala Al-Harithi che la direzione ha deciso che lo Yemen sarà il terzo pantano per i dittatori del nostro tempo che sono gli americani, la punizione per il governo apostata verrà nella seconda fase dopo quella di Musharraf".
Per questo bisogna mettere in allerta tutte le cellule e iniziare l'operazione presso (4515 SB). E non dimenticate il massacro, non dimenticate Abu Ala Al-Harithi, non dimenticate il dotto Al-Rabbani che lo Yemen ha consegnato all'Egitto e lo sceicco Abdel Qader Abdel Aziz che è stato arrestato tre mesi dopo i fatti dell'11 settembre. E diciamo a coloro che uccidono i dotti islamici sunniti in Iraq che la pagheranno".

E diciamo ai musulmani nel mondo che il colpo del vento nero della morte ( il colpo atteso contro l'America) ora si trova nella fase finale al 90% e se Allah vuole è vicino. (Nel momento giusto i Mujahidin) vinceranno i fedeli della vittoria di Allah. Un avviso per la Umma: non avvicinatevi alle istituzioni civili e militari americane e dei loro alleati. Allah è il più grande, l'Islam è prossimo. - Brigate Abu Hafs Al-Misri (Al-Qaeda ) –

 Giovedì 20 Muharram 1425 corrispondente al 11 marzo 2004".

 

 

IL NOSTRO COMMENTO  

La concezione fondamentale che ispira lo scritto è la divisione del mondo in due parti nettamente distinte: la terra dall’Islam e la terra degli infedeli. Secondo la tradizione islamica infatti si distingue: “dar al islam” (terra dei credenti) da “dar al harbi”, letteralmente “terra della guerra” , cioè dove è lecito portare la “jihad”, la guerra santa. Non si parla però ORA  di portare la guerra agli infedeli nelle loro terre MA di cacciarli via dalle terre dell’Islam: una guerra difensiva insomma, non  offensiva.  Va notato che la “umma” (cioè la comunità dei credenti) non coincide con  “ dar al islam: (terra dell’islam). Infatti le “genti del libro” (cioè cristiani e ebrei) sono accettati in terre islamiche come “dhimmis” ( cioè protetti) in cambio di un tributo detto “gizyàh” che sostituisce il tributo coranico imposto ai mussulmani detto  “zakat” e questo è avvenuto da sempre. D’altra  parte  gli islamici   possono trovarsi in “dar  al-kufr” (nella terre degli infedeli, termine più benevole di “dar al harbi” ) come gli  emigrati nel mondo moderno. Ciò che non viene ammesso è che gli infedeli si trovino in terra dell’Islam in armi o comunque con un potere politico:  se questo  avviene TUTTI i credenti hanno il dovere di combatterli per scacciarli. Non importa se essi sono stati chiamati da nazioni islamiche: per questo non tengono conto, per esempio, che gli Americani hanno combattuto la prima  Guerra del Golfo perchè chiamati da  paesi islamici come Arabia  Saudita o  Queit, che in Afganistan hanno trovati alleati fra i  popoli del nord e consenzienti tutti i paesi islamici ecc. Non pensano cioè come noi occidentali in termini mondiali: i mussulmani non entrano nei contrasti fra gli infedeli e gli infedeli non debbono entrare nei contrasti fra musulmani.

Gli occidentali vengono  definiti CROCIATI: il termine è stato  avvalorato anche da una famosa gaffe di Bush (a ulteriore dimostrazione  della nessuna conoscenza degli occidentali del mondo arabo). Nel nostro linguaggio comune infatti “crociata” sta per lotta contro il male in generale (crociata contro la droga, il lavoro minorile, la prostituzione ecc. ) ma nel mondo arabo esso conserva il suo significato originario di aggressione cristiana contro l’Islam. Per questo  i fondamentalisti vedono gli occidentali come “Kafir”, cioè  “miscredenti”  secondo il termine coranico, espressione del  cristianesimo, e anche dell’ateismo, della non-fede comunque  e le vicende medio orientali come lotta fra civiltà cristiana e civiltà islamica, concezione assolutamente estranea al nostra modo di pensare che ormai ha archiviato da secoli ogni idea di guerra di religione

Pertanto essi richiedono semplicemente che i “Kafir” (infedeli) escano dal “dar al islam” ( terre dei fedeli) considerando “terre dei fedeli” anche TUTTA  la Palestina e il Kashmir, e che comunque  gli infedeli lascino ogni ruolo politico e militare nella terre islamiche. 

 

Interessante è la giustificazione del terrorismo. ”L’uccisione di  civili   non deve rattristare  gli islamici”, in quanto essa sarebbe  giustificata dal principio coranico  “e a chi vi ATTACCA rispondete nello stesso modo” che in effetti riecheggia il biblico “occhio per occhio” Non vi è alcun riferimento alle convenzioni internazionali e all’ONU considerate come estranei allo spirito dell’islam ma solo all’Islam stesso  che se da una parte proibisce inutili crudeltà e quindi anche la uccisione di civili ma dall’altra , tuttavia secondo la interpretazione prima ricordata lo permetterebbe. Essi si considerano quindi legittimi combattenti e non terroristi.

Ricordano insieme le vittime civili in Iraq, Afganistan, Israele e Kashmir: non si distingue fra Americani, Israeliani e, da notare, nemmeno   Indu (stranamente non vengono ricordate la Cecenia e la Russia), si tratta comunque di ” infedeli” che uccidono dei “credenti.”

Non si distingue fra uccisioni di civili non deliberate da altre che invece sono deliberate (cioè il terrorismo)

Gli attentati hanno lo scopo  di impaurire i popoli affinchè facciano pressioni sui governi. Essi ritengono che gli occidentali siano troppo legati alla  vita: il concetto costituisce un leit-motiv di molti comunicati

Si minacciano attentati devastanti contro gli Usa e gli altri paesi occidentali: il fatto che essi non si siano verificati non dipende certamente dalla volontà di al Qaeda   ma solo evidentemente dalla impossibilità di attuarli   ma è chiaro che essi non si fermeranno spontaneamente

 

Vi è il richiamo continua ad Allah. Essi infatti ritengono di combattere una guerra religiosa e per questo non contano le forze in campo in modo realistico ma fanno affidamento soprattutto sull’aiuto  di Dio che è certamente piu potente degli infedeli (Allah akbar, Dio è grande , cioe onnipotente, infatti , è la affermazione fondamentale)

 

 Infine notiamo che si usa la datazione islamica, sia pur tradotta in quella internazionale, per segnalare ancora il loro  riferimento alla comunità  islamica

 SU  

 

COMUNICATO PER L’ESECUZIONE DI N.  BERG

 

Il filmato della decapitazione di Berg ha scosso il mondo intero: tuttavia quasi mai è stata data la traduzione del comunicato che veniva letto. Generalmente  si crede  che esso sia  la lettura  della sentenza di morte per Berg  ma ciò non è affatto vero. Il comunicato infatti, sorprendentemente, non parla affatto né di Berg né dell’imminente decapitazione  e questo, a nostro parere, ci sembra avvalorare i dubbi su quella esecuzione che potrebbe essere stata fatta in altro momento o su un uomo già ucciso. D’altra parte tutta la vicenda di Berg appare poco chiara, sembra più un oscuro  affare di spie che di un occasionale ostaggio.

Tale problema però  ora non ci interessa particolarmente. Esaminiamo  invece il testo letto che è soprattutto una esortazione propagandistica per il Jihad  e come tale rivolto  non agli Occidentali ma ai mussulmani

Testo del messaggio 

 Lode a Dio che piega il sole con un cenno e che raggiunge  gli infedeli sconfiggendoli.

Dio con la sua giustizia ci guarda tutti i giorni , benedizione su tutti coloro le cui case sono illuminate dall’islam.

Nazione dell’Islam,
la prima luce dell’alba  già si intravede così come si comincia a intravedere la vittoria. Dio ci ha onorato a Falluja con una vittoria da Lui stesso propiziata e appoggiata.

 Nazione dell’Islam,

c’è ancora forse una scusa  per restare indifferenti ? Come può riuscire a dormire un mussulmano  mentre vede sgozzare l’Islam, mentre vede calpestare la sua dignità , mentre  vede la fonte dl disonore  e delle sevizie nella prigione di Abu Chraib ?

Dove è la vostra indignazione  per il trattamento ricevuto dalla religione di Dio ? Dove è la vendetta  per gli abusi e i soprusi contro le donne e gli uomini mussulmani dentro le prigioni dei crociati?

Dio vi ringrazia  ma  vi chiede: perchè non vedete che Dio si è mostrato? Perchè non vedete da soli  i giovani dell’islam sempre volenterosi e dediti al sacrificio?

 Possibile  che non apprendiate da loro  cosa significa sacrificio?

 Per quanto ancora somiglierete alle donne  e non fate altro che gemere, e urlare e piangere?

Tra i sapienti c’è chi si rivolge ai popoli liberi del mondo, chi spera in Kofi Annan, che implora l’aiuto di Aub Moussa (segretario della lega araba), chi promuove manifestazioni pacifiste  come se non avesse mai ascoltate le parole di Dio “ o mussulmani, incitate i credenti al combattimento. Non siete ancora sazi della guerra santa fatta attraverso i congressi  e le riunioni culturali ?

 Non è ancora giunta per voi il momento della vera guerra santa  fatta sguainando la spada  con la quale fu inviato in terra il signore dei profeti? Oppure, come al solito disapproverete la nostra azione per compiacere gli americani?

 Che il Profeta sia benedetto, Lui è il nostro migliore difensore  lui che ha ordinato di tagliare la testa  ai prigionieri della battaglia di Badr

 Noi vediamo in  lui la nostra guida

Quanto a te Bush , cane dei crociati , con  l’aiuto di Dio , devi aspettare che arrivino giorni molto difficili Insieme ai tuoi soldati ti pentirai di aver posto piede in Iraq e di avere alzato la spada contro i mussulmani

 Quanto a voi, mogli e madri degli americani  noi vi diciamo che abbiamo offerto  all’amministrazione americana lo scambio di questo prigioniero  con alcuni prigionieri  di Abu Ghraig  ma l’amministrazione ha rifiutato.

Noi vi diciamo che è stato offesa la dignità delle musulmane e dei mussulmani nelle prigioni di Abu Ghraig e in  altre prigioni. Per questo voi  dovete  aspettare  bare e ancora bare seguite da altre bare.

 

 IL NOSTRO COMMENTO

Viene ricordata la battaglia di Badr. Evidentemente si rivolge ai mussulmani perchè difficilmente un Occidentale coglierebbe il senso di questo richiamo. Nel 634, 3° anno dell’Egira, presso i pozzi di Sadr,  circa  300 mussulmani affrontarono quasi mille soldati provenienti dalla Mecca che avevano avuto il compito  di proteggere una carovana. I seguaci di Maometto rimasero vincitori. Si trattò di un piccolo scontro ma nella storia dell’Islam ebbe una grande importanza e si parlò anche di visioni di Maometto, di intervento di angeli, di atti eccezionali di eroismo: è considerata comunque la prima battaglia del jihad.
(così come noi occidentali ricordiamo quella di Costantino e la visione della croce. Ndr.)
La sorte dei superstite viene variamente  descritta: alcuni vennero poi rilasciati ma altri furono decapitati per ordine diretto di Maometto. Il comunicato, ricordando l’episodio vuole legalizzare  e giustificare l’uso della decapitazione per i nemici dell’Islam visto che già nella prima battaglia Maometto stesso dispose in tal modo. 

 Tutto lo scritto è soffuso di uno spirito religioso con i continui richiami alla fede, al Corano, agli haidith, in tono drammatico ed escatologico: essi sentono di avere la verità e la vittoria, non c‘è spazio per ogni compromesso che sarebbe un tradimento della Santa Causa.

Viene cosi, senza alcuna esitazione, affermato il netto, inequivocabile rifiuto dell’Onu e di qualsiasi mediazione, del confronto culturale,  del pacifismo e il conseguente  richiamo alla guerra “vera” , combattuta e sanguinosa, l’unica in grado di liberare l’Islam dai suoi nemici.

Si richiama la “umiliazione”  dei mussulmani nelle carceri  che ha colpito particolarmente il mondo islamico, soprattutto per i suoi risvolti sessuali.

Gli avvenimenti di Falluja sono sentiti come una vittoria: nel momento in cui gli americani si fermano per evitare ulteriori massacri e per tentare un accordo questo atto viene sentito di per se come una vittoria.

Si allude  a una richiesta di scambio di prigionieri ma le autorità americane invece hanno sempre smentito: non sapremo se  tale richiesta è stata realmente avanzata  o meno ma, come abbiamo notato, tutta la vicenda è poco chiara.

L’impressione generale che ne ricaviamo  è quella della impossibilità del dialogo fra Occidentali e fondamentalisti. Il linguaggio  stesso del comunicato pare quello di  mille anni fa: nessun moderno  ( non solo europeo ma anche cinese, giapponese o indiano ) si esprimerebbe in questi termini  o peggio trasmetterebbe una tale cassetta.

Il fondamentalismo arabo pare uscito fuori da un romanzo  di storia medioevale.

 L’ultima parte del comunicato è rivolto invece agli occidentali che vengono definiti   “crociati” e ai quali viene minacciata una serie infinita di lutti non solo per l’invasione dell’Iraq ma per avere aggredito i mussulmani che la causa  propria del jihad. 

 

Ci si è chiesto anche perchè l’uccisione è avvenuto tramite la decapitazione. Probabilmente essa è stata sentita come la  più conforme alla tradizione islamica. Veramente in Iraq  era in uso  la impiccagione e anche la fucilazione ma evidentemente sono sembrate troppo moderne e occidentalizzanti. La decapitazione tuttavia avrebbe bisogno di persone particolarmente esperte nell’uso della spada che, evidentemente, sono difficili da reperire: per questo l’esecuzione è stata particolarmente straziante.

Noteremmo che la sensibilità araba è diversa, almeno per gli integralisti, che ritengono che  la punizione degli colpevoli debba essere eseguita in pubblico per  ammonimento a tutti .

Teniamo presente che qualche secolo fa anche  la sensibilità occidentale era molto diversa. Nella Rivoluzione Francese davanti alla  ghigliottina  stavano le donne che applaudivano a ogni testa caduta: e la ghigliottina era già un fatto altamente umanitario perchè prima le  pene erano molto più terribili : non solo decapitazione, ma  torture come mezzo giudiziario ordinario,  e squartamenti e altri orrori, tutto davanti a folle  plaudenti  per non parlare dei roghi della "Santa" Inquisizione o delle croci erette lungo le strade dai civili romani. Dall' '800 in poi invece, queste pratiche sono diventate insostenibili. Questo spiega la impossibilità di noi moderni di guardare l'esecuzione di Berg : in altri tempi da noi o nei paesi arabi tuttora, invece l'esecuzione deve essere "esemplare", cioè deve essere fatta vedere e infatti l’esecuzione di Berg viene registrata proprio perchè essa venga vista: il fine di quella cassetta è quella di dare un esempio cioè di  atterrire gli occidentali: forse riescono nel loro scopo.
(Harris, il comandante del "Bomber Command" dell'ultima guerra mondiale, se avesse avuto a disposizione la TV avrebbe fatto vedere a tutto il mondo le ceneri fumanti di Dresda, con l'unico scopo di terrorizzare)

 SU

 

VIDEO DI AL ZAWAHRI 

 

La televisione del Qatar al Jazeera ha trasmesso il giorno 9 settembre 2004  un video con immagini del numero due della rete terroristica di Al Qaeda,  al Zawahri. Nel video  afferma che i movimenti delle forze militari americane in Afghanistan sono "limitati", e la vittoria vicina.

Alcuni passaggi sono stati letti in realtà dallo speaker di Al-Jazeera, che ha riassunto alcuni punti, mentre altri sono stati trasmessi interamente,

Riportiamo i passaggi salienti del messaggio video:

 

 La sconfitta americana in Iraq e in Afghanistan è diventata solo una questione di tempo, a Dio piacendo;

L'intera parte orientale e meridionale dell'Afghanistan - sono diventati terreno libero per i mujaheddin;

I combattenti della resistenza irachena hanno mandato a gambe all'aria i piani statunitensi;

In Iraq  i mujaheddin hanno sventato il piano americano, dopo la debolezza mostrata dal governo interinale;

nei due paesi gli americani sono presi fra due fuochi: se restano moriranno dissanguati, e se si ritirano avranno perso tutto;

I nemici sono confinati nelle loro roccaforti. Gli americani si nascondono nelle loro trincee e si rifiutano di uscire a fronteggiare i mujaheddin, mentre questi li bombardano, sparano e li isolano'';

Continuiamo a dare la caccia agli americani e ai loro alleati, anche in casa loro;

I rinnegati che offrono agli americani le basi militari e l'aiuto per uccidere i musulmani si debbono preparare  per il giorno della resa dei conti, perché gli americani sono già pronti alla fuga.

 

 IL NOSTRO COMMENTO  

 Tutto il messaggio ha l'evidente scopo di  rincuorare i combattenti islamici  prospettando  un vittoria che, anche se non è immediata, la ritengono comunque certa. Naturalmente dare una prospettiva certa di vittoria è elemento fondamentale in ogni guerra: nessuno esercito combatte se non crede più di poter vincere. Anzi si sa bene che la convinzione della vittoria conta più ancora che  l'effettiva potenza militare. A Waterloo  i francesi non furono materialmente  sconfitti anzi ormai erano vincitori: ma  quando videro apparire le avanguardie prussiane alle loro spalle fuggirono disordinatamente  perchè pensarono (probabilmente  a torto) che non avrebbero potuto fronteggiare il nuovo nemico.  Per i combattenti islamici la situazione è però diversa. Le sorti della guerra non dipendono dagli uomini e dalle loro armi ma solo e sempre da Allah che è  onnipotente ( Allah Akbar ) e che ogni cosa decide: quindi ogni  insuccesso può venire interpretato non come un segno del profilarsi di una sconfitta  finale ma solo di un prova inviata loro da Allah che comunque darà la vittoria finale agli islamici appena essi se ne renderanno degni.

 Diciamo usando un terminologia della epistemologia  moderna che il fondamentalista  islamico è "impermeabile all'esperienza": ha già una sua verità assoluta : ogni fatto viene inquadrato  in quella prospettiva e in un modo o nell'altro la conferma: manca cioè di quello che Popper definirebbe la possibilità della falsificazione delle ipotesi, del confronto critico con i fatti.

Da quanto si sa della personalità di al Zarawri dobbiamo presumere che egli effettivamente crede in quello che dice, il suo discorso non è affatto un inganno propagandistico tanto comune nel laico occidente.

 

Tuttavia egli sente il bisogno di mostrare effettivamente che la vittoria si profila come segno della volontà di Allah.

 E' da notare  che il quadro che  egli traccia ha scarsi riferimenti religiosi: egli vuol mostrare come la realtà delle operazioni convalidi la certezza della vittoria finale.  Mostra quindi che solo apparentemente i crociati hanno conquistato  terre islamiche ma  che in effetti la maggior parte delle  territorio sfugge al loro controllo (e in parte è proprio così). Essi sono asserragliati, assediati dai combattenti islamici, in disperata  e inutile difesa e non all'attacco.

 Il punto essenziale del discorso è che i crociati in un modo o nell'altro sono destinati alla sconfitta: se andranno via saranno sconfitti e se resteranno saranno sconfitti lo stesso perchè sanguineranno sempre di più. Non sembra minimamente impressionare il fatto che le perdite dei crociati siano ben minori di quelle islamiche: nella prospettiva della jihad ogni caduto è uno shaid ( un martire) che gode delle gioie del paradiso e non va pianto ma invidiato. emulato: la morte di uno shaid ne suscita  altri cento.  Invece i crociati non sopportano le perdite, non possono sanguinare all'infinito perchè essi non hanno la consolazione della fede: questo è il vero e profondo motivo della sconfitta finale degli infedeli: la fede vince le armi.

 In particolare  egli poi si rivolge a quei mussulmani che collaborano con i "crociati": i crociati andranno via, fuggiranno e allora chi   salverà i collaborazionisti   dalla giusta ira  di Allah che si abbatterà su di essi per mano dei mujadin  vittoriosi? 

 A nostro parere questa pare la parte più inquietante del messaggio : quale bagno  spaventoso di sangue si preparerebbe in Iraq se mai gli occidentali dovessero veramente ritirarsi?
 

CHI E' AL ZAWAHRI

Ayman al Zawahri, nato nel 1951, medico e chirurgo, proviene da una illustre famiglia  egiziana: suo nonno fu imam dell’università Al Azhar del Cairo. Fin dall'adolescenza aderì alla setta  dei "Fratelli mussulmani  mussulmani," Fu  arrestato e scontò tre anni di carcere per il suo coinvolgimento nell’omicidio del presidente Anwar Sadat. Fu anche  in Afghanistan negli anni Settanta e Ottanta, durante l’occupazione sovietica del paese. Più tardi, cercò di costituire una base della Jihad egiziana in Cecenia e Daghestan.
Confluito in Al Qaida, Zawahri ne è considerato  l'ideologo.  Scomparve dalla circolazione con l’inizio dell’intervento militare in Afghanistan, nell’ottobre 2001.
 Al Zawahri, è stato più volte ripreso accanto a bin  Laden in fotografie e video fra cui il più noto è quello del  10 settembre 2003 nel quale  i due camminavano in una zona montana. Al  Zawahri in quell’occasione promise all’Occidente una risposta «epocale» nel caso di una «nuova aggressione» contro i musulmani ed esortò i combattenti islamici a seppellire gli americani «nel cimitero dell’Iraq».

 SU

 

11 SETTEMBRE 2001 : UN COLPO DI GENIO ?

 

 Ci poniamo innanzi tutto  il problema di quali fossero i motivi profondi, non occasionali che spinsero un gruppo di islamici all’attacco all’America del  11 settembre 2001

Possiamo attribuire l’azione a una reazione contro la politica USA  ma  solo a livello generale cioè non a particolari atti politici ma alla presenza stessa degli USA  e degli Occidentali nel mondo islamico.

 Negli anni precedenti  infatti gli Usa erano  stati alleati dei movimenti più religiosi in funzione anticomunista mentre i movimenti laici  guardavano in genere alla Russia, e anzi gli USA aveva appoggiato lo stesso bin  Laden in Afganistan. Non a caso il più fedele alleato degli Usa  è stata la monarchia wahabita dell'Arabia ( i wahabiti sono il movimento di riferimento di bin  Laden), l'unica ad avere osservata sempre la shari'ah. 

La politica Usa era fortemente sbilanciata verso l'Islam più integralista e di questo infatti viene giustamente accusata .

Perchè mai allora l'incredibile attacco alle Torre Gemelle e al Pentagono?
Bisogna partire dal mondo arabo  per spiegare un  fenomeno  tutto interno al mondo arabo- islamico

 

DA MODELLO A “SATANA”

  Prima degli anni 80  prevalsero nel mondo  arabo  correnti  che più o meno esplicitamente si ispirarono alla cultura occidentale, in genere al modello socialista. Basterà ricordare  il Nasserimo ma anche i Morabitum del Libano, gli stessi Palestinesi di al Fatah, i partiti  Bath di Siria ed Iraq  (il partito baath era un partito socialista).  Ma questa opera di modernizzazione non ha dato i frutti sperati per motivi che qui non esaminiamo. Correnti allora integraliste islamiche che qui indichiamo con il temine generico e improprio di "fondamentalismo" hanno preso consistenza e rilievo, ed é nata quindi una lotta tutta interna al mondo arabo-musulmano fra coloro che intendevano portare avanti l'opera di modernizzazione in senso occidentale e coloro che invece ritenevano che il rinnovamento poteva venire solo da un ritorno integrale all'Islam. In particolare   Khomeini  definì l'America  il "grande Satana". Il termine "Satana "  più ancora che  "nemico"  può essere inteso come "tentatore" . Infatti l'Occidente con il suo benessere, con le sue vetrine scintillanti, con la sua potenza economica può  essere considerata la tentazione di seguire una via diversa da quella indicata da Allah. L'Occidente, da un punto di vista del rigorismo islamico è  il "male": è egoismo eretto a sistema, immoralità contrabbandata come libertà, prostituzione come costume abituale. Bisogna allora contrapporre a tanto  male il ritorno integrale al Corano, la purificazione da ogni influsso occidentale. Come è stato autorevolmente affermato  il fondamentalismo avversa l'America e l'Occidente non per quello che " FA"  ma per quello che "È" e che potrebbe contagiare anche l'Islam : questo è il punto fondamentale.

 

SI ALZA IL TIRO

 Il conflitto fra le due fazioni arabe, come era forse inevitabile in un mondo come quello arabo  non democratico,  è passato dal piano puramente culturale al confronto politico e militare. In Iran esplose la rivoluzione scita, una vera rivoluzione popolare,  come concordano  tutti gli osservatori. In qualche altro paese prevalse qualche regime integralista ma nel complesso  le élites rivolte all'occidente hanno mantenuto il potere. Anche nei paesi dove il fondamentalismo  si era affermato i frutti non erano stati quelli sperati e alla fine degli anni 90 l'integralismo politico ispirato all'Islam sembrava in declino. L'Iran si era impantanata in una guerra inutile contro l'Iraq costata  un milione di morti, Il FIS in Algeria si era ridotto a  puro  terrorismo, in Afganistan  i Talebani avevano superato ogni misura  (si arrivò alla  distruzione dei  televisori !). A questo punto alcuni gruppi hanno ritenuto che il vero nemico da colpire non fossero i regimi arabi laici ma gli occidentali considerati loro protettori.  Gruppi come quelli di al Qaeda  hanno cioè alzato il tiro colpendo gli USA nella speranza di unire tutti il mondo arabo musulmano in una guerra comune contro l'Occidente e fare apparire cosi i regimi arabi non islamici come una emanazione dell'Occidente, del grande Satana, regimi collaborazionisti.

 Il conflitto  è tutto interno al mondo mussulmano ed è debordato al di fuori di esso quando la parte soccombente ha tentato di riprendere vigore coinvolgendo gli Occidentali  in un conflitto che non li riguardava e che essi difficilmente riescono anche a comprendere. 

 Il fondamentalismo ha conseguito cosi il risultato che si era prefisso: l’America ha portato la guerra in Medio Oriente e il fondamentalismo, che ormai andava spegnendosi ha ritrovato nuova forza e vigore, si è potuto congiungere  al nazionalismo arabo ( che è movimento diverso e per molti tratti antagonista), ha innalzato la bandiera della resistenza all’invasione, della lotta contro i “crociati” (secondo la incauta definizione  suggerita proprio da Bush), ha perfino trovato ampia comprensione nella sinistra  occidentale (che invece per essi è il “male” in assoluto).

 L’invasione dell’Iraq ha coronato il sogno di ogni fondamentalista: una guerra grande e generale di resistenza del  popolo  islamico contro l’invasore cristiano senza perdersi in  guerre inconcludenti e fratricide nell’ambito stesso della Umma (comunità dei fedeli). I pasdaran iraniani  morivano lottando contro l’esercito iracheno anche esso islamico cosi come i talebani Pashtun lottavano contro Tagiki e Usbeki, anche essi fervidi mussulmani: potevano questi fatti essere considerati jihad?  Era poco convincente ma lottare contro un esercito crociato marciante in “dar al islam “ (terra dell’Islam) questo si che è facile dichiararlo “ jihad.”

In questa prospettiva l’11 settembre può essere considerato una grande vittoria del radicalismo islamico, un vero colpo di genio che ha trasformato una guerra interna in una grande guerra religiosa e nazionale.

 SU  

 

 

PROSPETTIVE DEL CONFLITTO

 

E’ impossibile riuscire a prevedere gli esiti di un conflitto  quando esso è in corso: si rimane colpiti dagli avvenimenti particolari più recenti ma il corso delle operazioni può rovesciarsi  e  spesso si possono vincere molte battaglie e perdere la guerra. Tuttavia possiamo  prendere in esame gli elementi  fondamentali in gioco e valutarli al di là degli avvenimenti immediati . Alla fine  1940 si poteva essere colpiti dalla serie impressionanti di vittorie della Germania  e pensare che essa aveva ormai  vinta la guerra (errore che fece Mussolini) ma se si fosse analizzato le immense risorse  industriali degli Usa e le immense risorse umane dell’ URSS e della Cina  si poteva prevedere  quale sarebbe stato l’esito finale della guerra. 

 Prescindiamo allora dalle operazioni militari in corso in Iraq, in Afganistan e in qualche altra parte del mondo e vediamo le prospettive e le forze in campo

 Non ci poniamo il problema se gli USA potevano reagire all’attacco dell 11 settembre in  un modo diverso da come hanno fatto: hanno reagito con campagne militare e questo è un dato di fatto da cui non si può prescindere.
 Parimenti ci sembra inutile discutere all’infinito se l’intervento militare sia stato e in quale misura  condizionato da interessi petroliferi, di potenza, magari personali: tutto ciò è ininfluente: la guerra purtroppo è una realtà, non conta se si poteva evitare o se essa copra altri interessi.

 Un prima domanda che ci poniamo è se se è possibile una mediazione, una composizione più o meno pacifica della  controversia.

 Ma quali sono le richieste del fondamentalismo? Sono chiare, inequivocabili ripetute in tutti i comunicati: l’Occidente deve uscire fuori dal “dar al islam “ (terre dell’Islam) come premessa alla instaurazione di un una repubblica (meglio: emirato) islamico  (cioe alla  conquista del potere da parte del fondamentalismo )  L’Occidente può aderire a questa richiesta?

Noi crediamo che sia assolutamente impossibile.  Innanzi tutto va considerato che un passo fondamentale sarebbe la sparizione di Israele ( che occupa terre islamiche): gli occidentali non lo  permetterebbero mai e d’altra  parte gli arabi non sembrano nemmeno in grado di farlo. Non varrebbe a nulla la formazione di uno stato autonomo palestinese: anzi  esso sarebbe visto solo come un primo passo e una vittoria per una seconda guerra di annientamento.

In una prospettiva poi più ampia, in un mondo tanto globalizzato non è realistico pensare che gli occidentali si disinteressino di una parte tanto importante del mondo.  La visione di un mondo diviso in due parti distinte ( musulmana e non mussulmana) è al di fuori di ogni realtà moderna  e d’altronde non lo è mai stato se si considera che l’islam nel corso della sua storia ha incessantemente combattuto contro gli infedeli. 

 Si consideri  poi che il medio oriente contiene   le maggiori riserve di petrolio del mondo: non solo l’America  (come spesso superficialmente  si dice)  ma tutto il mondo ha interessi vitali  in  quelle terre che invece sono politicamente oltremodo instabili. Di fronte a una crisi petrolifera   i paesi MOLTO  ricchi (USA) avrebbero  DELLE difficoltà, i paesi pure industrializzati (Italia) avrebbero  GROSSE difficoltà, i paesi EMERGENTI (est asiatico) RICADREBBERO miseramente nel sottosviluppo, e per ultimo per  i paesi  sottosviluppati sarebbe la CATASTROFE.

 Si pensi poi  alle decine di milioni  di mussulmani che vivono in occidente. Si consideri poi che l’Occidente non ha mai imposto le proprie  civiltà agli arabi ma essi si sono avvicinati all’Occidente (come tutto il resto del mondo, d’altronde). Se al Cairo o a ad Algeri le donne non vanno velate  questo non è una imposizione  dell’Occidente ma una loro scelta: questo discorso  per noi ovvio non viene inteso dal fondamentalismo  che vorrebbe stendere intorno all’islam un specie di nuova cortina di ferro.

Non  essendo i possibile quindi un compromesso vediamo quali sono le forze in campo.

 Da parte del fondamentalismo abbiamo poche organizzazioni fra di loro poco coordinate  (non esiste  nemmeno alcuno con il quale eventualmente  trattare) riescono ad aver vaste simpatie nelle masse arabe, in certi ambienti particolari ma in realtà restano pur sempre isolati: un iracheno può anche ballare sui soldati americani uccisi ma accettare come propri governanti  gli uccisori sarebbe tutta altra cosa. 

Tuttavia anche in  pochi possono costituire un gravissimo  pericolo. La civiltà moderna infatti è molto complessa ma proprio per questo molto vulnerabile. Solo qualche migliaio di  shaid (cioe Kamikaze) potrebbero portare il caos in Occidente e mettere in crisi l’economia moderna che ha bisogno soprattutto della fiducia  nel futuro. L’uso di armi non convenzionali potrebbe  poi portare a disastri incalcolabili.

Dall’altra parte vi è la enorme potenza industriale economica e militare degli USA. Il resto del mondo dalla Russia alla Cina, dall’India all’Europa per il momento fa molti distinguo e riserve ma in sostanza dovendo scegliere il campo è dalla parte dell’America: il disaccordo riguarda il modo di combattere il fondamentalismo non il fatto che esso va combattuto.  In queste condizione qualunque azione di successo del fondamentalismo  si ritorcerebbe contro di essi stessi. In realtà è quello che è avvenuto dopo l’11 settembre: l’azione è stata spettacolare ma la conseguenza è stato che l’unico governo fondamentalista (in Afganistan) è stato abbattuto, al Qaeda  è stata dispersa, i  fondamentalisti vengono vigorosamente perseguiti in tutti i paesi arabi e non, e soprattutto è tramontata la possibilità che essi possano assumere il potere in qualunque paese.

 In queste condizione certamente il fondamentalismo uscirà distrutto: il problema però è quanto migliaia o milioni di esseri umani  debbono ancora morire per una guerra persa in partenza.

 Ma perché i fondamentalisti non si rendono conto di ciò? Il fatto è che  essi fanno affidamento sull’aiuto e la volontà di Allah. 

Una prescrizione biblica vietava agli ebrei di fare un censimento perchè essi non dovevano contare sul loro numero ma sulla volontà di Dio: i ferventi islamici fanno lo stesso ragionamento.

Sono sempre esistiti nel passato movimenti “millenaristi” pronti a imprese impossibili fidando sull’aiuto divino: le loro imprese sono sempre finite in un disastro: lo stesso avverrà presumibilmente anche per il fondamentalismo 

 SU

 

Aggiornato al 14 settembre 2004

di GIOVANNI DE SIO CESARI http://www.giovannidesio.it/

vedi il "IL PIANETA ISLAM"

 

HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI