Conclusioni


Le ragioni del progressivo declino dell’Eurocomunismo.

L’ipotesi iniziale da cui sono partito, secondo la quale il progetto eurocomunista sarebbe fallito soprattutto per l’estemporaneità dello ’dislocamento’ politico e ideologico del P.C.F., si è mostrata in buona parte esatta, anche se non può essere considerata come l’unica causa che ha condotto all’appannamento della proposta eurocomunista. In effetti, pur essendo questa, probabilmente, la ragione principale, ve ne sono altre, alcune imputabili a tutti e tre i partiti, altre riferibili in modo esclusivo agli altri due componenti del movimento eurocomunista.

L’Eurocomunismo ha preso avvio dalla comune consapevolezza dei tre partiti che essi, da soli, non avrebbero potuto proporre un loro modello di società socialista alternativo a quello sovietico senza incorrere negli anatemi di Mosca e nel rifiuto delle società nelle quali si erano sviluppati. Tuttavia, troppo raramente le tre anime dell’Eurocomunismo hanno mostrato una reale unità di intenti. Sovente, infatti, ogni partito è sembrato portare avanti una strategia di tipo “nazional-comunista”, irrimediabilmente condannata al fallimento [Salvadori, 1978].

Significativa testimonianza delle laceranti divergenze tra i partiti eurocomunisti è la circostanza per cui, nel 1979, in occasione delle prime elezioni per il Parlamento Europeo, non solo non esisteva un programma comune tra i nove partiti comunisti della C.E.E. ma, cosa ancor più grave, la distanza tra l’analisi politica ed economica avanzata dal P.C.I. e quella elaborata dal P.C.F. era enorme, quasi fossero due programmi assolutamente inconciliabili. 

Occorre poi ricordare anche gli errori di valutazione compiuti dai tre partiti congiuntamente.
Innanzitutto vi è stato un grave fraintendimento a proposito della reale natura della coesistenza pacifica, un peccato di ingenuità messo molto bene in risalto da Bonanate e di cui si è già parlato nel corso della tesi.
Erronea si è mostrata, inoltre, anche la convinzione secondo cui la fase di transizione antimonopolista si sarebbe potuta verificare all’insegna della stabilità democratica e senza forti scossoni politici e sociali. Una visione senza dubbio troppo ottimistica di un momento storico che, nelle intenzioni dei tre partiti, avrebbe dovuto portare i loro rispettivi Paesi verso una società socialista avanzata e segnare, nei fatti, l’inizio del processo di smantellamento del sistema capitalista.

Un’ultima osservazione riguarda i progetti di riforma strutturale dell’economia presentati dai tre partiti eurocomunisti. Questi erano condizionati, in linea generale, dalla prospettiva di un forte tasso di crescita delle economie dei rispettivi Paesi nel medio e nel lungo periodo, cosa che la realtà ha dimostrato del tutto irrealistica [Mandel, 1978].

Ma oltre a questi errori di valutazione commessi da tutte e tre le formazioni politiche, ve ne sono altri riconducibili ai singoli partiti.

Come ho messo precedentemente in evidenza, il P.C.F. si è mostrato ben presto l’elemento più inaffidabile della coalizione eurocomunista. I limiti del partito francese sono emersi sia sul piano politico nazionale che su quello internazionale. Per quanto concerne il primo ambito, il partito di Marchais, dopo aver contribuito, in maniera determinante, alla nascita dell’Union de la Gauche insieme con il P.S., al fine di costituire un’autentica alternativa di sinistra, quando ormai tutto lasciava presagire un imminente trionfo elettorale, ha compiuto un’improvvisa inversione di rotta, provocando così non solo il fallimento della prospettiva di conquistare il governo del Paese, ma anche la fine stessa dell’alleanza. Tra le ragioni addotte per tentare di spiegare questa sorta di “harakiri” compiuta dal partito comunista francese, interessante è quella secondo la quale esso avrebbe agito in questo modo per paura di trovarsi a gestire una difficile situazione di crisi economica, la quale lo avrebbe obbligato ad assumere misure fortemente antipopolari. Inoltre il P.C.F. si sarebbe anche reso conto che il vero motore della coalizione di sinistra era ormai divenuto il partito di Mitterand.

Tuttavia, pur giudicando molto valide queste spiegazioni, ritengo che alla base di questa scelta, per molti versi assurda, vi siano soprattutto ragioni di ordine ideologico, in particolare l’ostinato rifiuto di andare fino in fondo nel processo di omologazione con il resto della cultura politica francese, per timore di perdere la propria identità.
 Non si deve, infine, dimenticare che il P.C.F. ha pagato a caro prezzo il fatto di non aver mai avuto tra le sue file un grande pensatore politico, come invece il P.C.I. con Gramsci, il quale fosse in grado di elaborare un autonomo progetto per la costruzione di una società socialista nazionale. In effetti, l’influenza di Mosca sul P.C.F. è sempre stata molto rilevante, al punto che, al termine dell’esperienza eurocomunista, mentre il P.C.I. ha imboccato in modo risoluto la strada del dialogo e del progressivo incontro con la socialdemocrazia europea, il partito francese ha optato per un ritorno all’antico, riportandosi sotto l’ala ancora benevola del Cremlino e riproponendosi come il partito comunista occidentale più fedele di Mosca.

Lo smacco per il fallimento del progetto eurocomunista ha lasciato, tuttavia, un segno indelebile nel partito transalpino. Molti tra i suoi più illustri intellettuali, fortemente pessimisti riguardo alla capacità del partito di sapersi trasformare e evolvere secondo le nuove esigenze della società francese di inizio anni ’80, hanno preferito abbandonarlo, accentuando, in questo modo, la già profonda crisi del partito e il suo progressivo autoisolamento dalla vita politica nazionale.

Anche il partito comunista italiano, comunque, non è stato esente da errori.
Se da un lato è senza dubbio vero che la sua svolta democratica aveva radici ben più profonde e forti rispetto a quella operata dal P.C.F., dall’altro anche il P.C.I. è parso, a volte, prigioniero di vecchie idee che appartenevano ancora a quel tipo di comunismo di impronta stalinista che, nei fatti, il partito italiano aveva da tempo superato. Così, per citare un caso, il tema della rivoluzione non è mai stato completamente accantonato nei discorsi dei leader comunisti, anche se l’intensità dei toni si era decisamente via via sempre più attenuata.

Alcuni intellettuali di area socialista, a proposito della dislocazione ideologica del P.C.I. e, in particolare, in riferimento al nuovo modo di intendere concetti quali la democrazia e le libertà individuali, hanno rivendicato il fatto che questi principi facevano parte integrante del patrimonio socialista già da molti decenni. Effettivamente, il partito di Berlinguer ha dato sovente l’impressione di voler a tutti i costi rivendicare la continuità col passato più che mettere in evidenza le novità presenti nella sua nuova duplice strategia del Compromesso storico e dell’Eurocomunismo.

Questo legame forzato col passato è così diventato, in certe occasioni, un vincolo, diciamo, ’asfissiante’. E’ accaduto soprattutto nel caso delle relazioni con il mondo comunista e, in particolare, con il suo centro, l’Unione Sovietica. L’ossessione di non rompere, almeno formalmente, i legami con la Patria della Rivoluzione ha condotto il partito italiano ad assumere comportamenti quanto meno ambigui, che hanno giustificato dubbi sulla sua reale volontà di costruire una società socialista democratica e rispettosa della libertà. Così, in occasione del durissimo attacco portato dai sovietici nei confronti del leader spagnolo Carrillo, la difesa d’ufficio assunta dal partito di Berlinguer nei confronti del segretario del P.C.E., oltre a suonare come una critica velata verso lo stesso Carrillo, le cui dichiarazioni sono state giudicate intempestive, ha messo drammaticamente in luce tutta la debolezza dell’impianto solidaristico eurocomunista. L’immagine del P.C.I. è uscita intaccata da questa vicenda, in quanto ha dato a molti l’impressione di un partito poco coerente nelle sue prese di posizione, avendo affermato, da un lato, che il socialismo senza libertà non era vero socialismo, ma essendosi mostrato incapace, dall’altro, di rompere in modo definitivo con un regime che di socialista aveva ormai solo il nome.

Per quanto riguarda il P.C.E., infine, più che di errori di strategia o di evoluzioni ideologiche troppo timide, il vero problema è stato rappresentato dalla grande difficoltà incontrata dai comunisti spagnoli nell’inserirsi nella nuova realtà politica del dopo-Franco, quando il partito ha riacquistato la piena libertà d’azione. Altri grossi problemi sono stati, senza dubbio, il pesante clima di ostilità ancora molto diffuso in diversi settori sociali del Paese e, soprattutto, il difficile rapporto con i cattolici e con i socialisti, tutti fattori che condussero il partito a un risultato elettorale più che modesto.
Ma ciò che ha reso veramente problematica la situazione del partito spagnolo è stata la grossa frattura creatasi tra il vertice del P.C.E., deciso a compiere una radicale svolta nei rapporti con Mosca, e la base, al contrario ancora fortemente filosovietica. Questo fatto ha provocato una serie infinita di lotte intestine che hanno prodotto dapprima, nel 1981, un disastroso risultato elettorale e, pochi anni dopo, addirittura l’uscita dello stesso Carrillo dal partito.

Dunque non una sola causa, ma una serie di circostanze hanno, nel loro complesso, contribuito a far fallire il più importante tentativo operato in Occidente di riformare il comunismo in senso democratico, senza che si dovesse ammettere la preferibilità del sistema capitalistico riformato.

Fine


Bibliografia.
A. Fonti bibliografiche
Alami Idrissi, (1978), Etude comparative du centralisme democratique à travers le P.C.F., le P.C.E., le P.C.I., Paris, Universitè de la Sorbonne.
Alfa Senior, (1972), Lineamenti e prospettive nel “Contratto di legislatura” tra socialisti e comunisti in Francia, in «Critica Sociale», LXXVI, n.º43, 445-446.
Allum Percy, (1979), L’Italia tra crisi e emergenza, Napoli, Guida.
Amendola Giorgio, (1974), Intervento alla Conferenza di Bruxelles dei partiti comunisti dell’Europa Occidentale, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 215-216.
Bartolini Stefano, (1983), Il P.C.I. e il P.C.F.: vie nazionali e contesti nazionali, in Belligni Silvano (a cura di), op. cit., 163-179.
Baudouin Jean, (1978), Le P.C.F. et le socialisme aux couleurs de la France: evolution et contradictions du communisme français, Rennes, Universitè de Rennes 1.
— (1980), Les phenomenes de contestation au sein du P.C.F., in «R.F.S.P.», XXX, n.º1, 78-110.
Belligni Silvano (a cura di), (1983), La Giraffa e il Liocorno. Il P.C.I. dagli anni ’70 al nuovo decennio, Milano, Franco Angeli.
Berlinguer Enrico, (1969), Discorso alla Conferenza mondiale dei partiti comunisti, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 200-205.
— (1973a), Riflessione sull’Italia dopo i fatti del Cile in «Rinascita», XXX, n.º39, 5-7.
— (1973b), Via democratica e violenza reazionaria, in «Rinascita», XXX, n.º40, 4-6.
— (1973c), La proposta del Compromesso storico, in «Rinascita», XXX, n.º41, 3-6.
— (1973d), Intervento al Comitato Centrale del 17-18 dicembre, in Tatò Antonio (a cura di), op.cit..
— (1974a), Intervento alla Conferenza di Bruxelles dei partiti comunisti dell’Europa Occidentale, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit..
— (1974b), Rapporto al C.C. in preparazione al XIV Congresso del P.C.I., 10-12 dicembre, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit..
— (1975a), Relazione al XIV Congresso del P.C.I., 2-3 marzo, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit..
— (1975b), La “questione comunista”: 1969-75, a cura di Tatò Antonio, II vol., Roma, Editori Riuniti.
— (1976a), Discorso in occasione del XXV Congresso del P.C.U.S., Mosca 27 febbraio, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 227-231.
— (1976b), Rapporto al C.C., 13-14 maggio, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit., 117-125.
—(1976c), Discorso alla manifestazione comune P.C.F. - P.C.I., Parigi 3 giugno, in Tatò Antonio (a cura di), op.cit., 126-138.
— (1976d), Intervento a «Tribuna Politica» del 15 giugno, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit., 149-166.
— (1976e), Discorso alla Conferenza Paneuropea dei partiti comunisti, Berlino 29-30 giugno, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 252.
— (1976f), La politica internazionale dei comunisti italiani, 1975-76, a cura di Tatò Antonio, Roma, Editori Riuniti.
— (1977a), Discorso conclusivo al XV Congresso del P.C.I., in Tatò Antonio, (a cura di), op. cit..
— (1977b), Discorso in occasione della celebrazione del 60º Anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, in Tatò Antonio (a cura di), op. cit..
— (1977c), Comunisti e cattolici: chiarezza di principi e base di un’intesa, in «Rinascita», XXXIV, n.º50, 5-6.
— (1978), Intervista a «Repubblica», in Tatò Antonio (a cura di), op. cit..
— (1980), Discorso al Parlamento Europeo, 16 gennaio, in Tatò Antonio (a cura di), op.cit..
— (1981), Intervento a “Tribuna Politica” del 15 dicembre, in Tatò Antonio (a cura di), op.cit..
— (1982), Intervento al C.C. del 11 gennaio, in Tatò Antonio (a cura di), op.cit..
Berlinguer Giovanni, (1977), La legge sull’aborto, in «Rinascita», XXXIV, n.º4, 1-2.
Berlinguer Luigi, (1985), Garantismo, diritti individuali e diritti collettivi, in «Problemi del socialismo», XXI , n.º6, 141-158.
Berti Gian Paolo, (1976), La Conferenza di Berlino Est, in «Mondoperaio, XXIX, n.º7, 88-90.
Bettiza Enzo, (1978), Il comunismo europeo, Milano, Rizzoli
Bibes Georges, (1979), Dimensions partisanes et affinités croisées, in «R.F.S.P.», XXIX, n.º6, 1032-1044.
Blackmer Donald - Tarrow Sidney, (1975), Communism in Italy and France, Princeton University Press, Princeton, trad. it. (1976), Il comunismo in Italia e in Francia, Milano, E.T.A.S. Libri.
Bonanate Luigi, (1978), L’Eurocomunismo ovvero: «il gioco delle parti», in «Scientia - Rivista internazionale di sintesi scientifica», LXXII, 133-150 (parte I) e 561-574 (parte II).
Brown Archie - Schoplin Georges, (1979), La sfida alla leadership sovietica, in Filo della Torre Paolo - Levi Arrigo (a cura di), op. cit., 169-195.
Buci-Glucksmann Christine, (1979), Pour un Eurocommunisme de gauche, in Duhamel Olivier - Weber Henry (a cura di), op. cit., 125-154.
Bufalini Paolo, (1975), Intervista a «L’Unità», in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
Calamai Marco, (1978), Il partito nuovo dei comunisti spagnoli, in «Rinascita», XXXV, n.º17, 7-8.
Carrillo Santiago, (1972), Discorso inaugurale all’VIII Congresso del P.C.E., in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
— (1975), Intervista a «La Stampa», in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
— (1976), Discorso alla Conferenza paneuropea dei partiti comunisti, Berlino 29-30 giugno, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 253-255.
— (1977a), L’ “eurocomunismo” e lo Stato, Roma, Editori Riuniti.
— (1977b), Intervento al C.C. del 3 ottobre, in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
— (1978), Discorso conclusivo al IX Congresso del P.C.E., in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
Cesarini Marco - Nassi Enrico, (1978), L’Eurocomunismo, Milano, Rizzoli.
Claudin Fernando, (1977), L’Eurocommunisme, Paris, Maspero.
Daix Pierre, (1978), La crise du P.C.F., Paris, Editions du Seuil.
D’Angelillo Massimiliano - Poggi Leonardo, (1986), I comunisti italiani e il riformismo, Einaudi, Torino.
Del Noce Augusto, (1978), Futuro prossimo: ipotesi, giudizi, discussioni sull’Eurocomunismo, Bologna, Cappelli.
D’Eramo Marco, (1976), Le contraddizioni dei comunisti francesi, in «Mondoperaio», XXIX, n.º11, 92-93.
— (1978), La Francia dopo le elezioni, in «Mondoperaio», XXXI, n.º4, 107-112.
Duhamel Olivier - Weber Henri (a cura di), (1979), Changer le P.C.? Debats sur le “gallocommunisme”, Paris, P.U.F..
Filo della Torre Paolo - Levi Arrigo (a cura di), (1979), Eurocomunismo: mito o realtà?, Milano, Mondadori.
Fisichella Domenico, (1979), Quel Giano Bifronte del P.C.I.: da Togliatti a Berlinguer e oltre, Milano, Editoriale Nuova.
Flores d’Arcais Paolo, (1979), Eurocomunismo come antinomia, in «Mondoperaio», XXXII, n.º1, 95-99.
Fracassi Claudio, (1978), L’U.R.S.S. di fronte all’Eurocomunismo, in Del Noce Augusto (a cura di), op. cit., 69-94.
Garimberti Paolo, (1977), I viaggi di Berlinguer, in «Mondoperaio», XXX, n.º9, 19-21.
Griffith William, (1977), L’Eurocomunismo sarà il terzo grande scisma comunista? La rivalità tra U.R.S.S. e U.S.A. nell’Europa Meridionale, in Segre Sergio (a cura di), op. cit., 163-179.
Guerra Adriano, (1981), Che ne è ora dei comunisti?, in «Rinascita», XXXVIII, n.º50, 7-9.
Hogdson Godfrey, (1979), Eurocomunismo: cosa rispondono gli Stati Uniti, in Filo della Torre Paolo - Levi Arrigo (a cura di) op. cit., 65-94.
Holland Stuart, (1979), L’economia neocomunista, in Filo della Torre Paolo, Levi Arrigo (a cura di), op. cit., 231-280.
Ingrao Pietro, (1981), In Polonia e altrove c’era e c’è altro da fare, in «Rinascita», XXXVIII, n.º51, 3-4.
Kanapa Jean, (1977), Intervento al C.C. del 6 aprile, in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
Kindersley Richard, (1981), In search of Eurocommunism, Oxford, St, Antony’s College.
Kriegel Annie, (1984), Le systeme communiste mondial, Paris, P.U.F..
Lambert John, (1979), I comunisti e la C.E.E., in Filo della Torre Paolo - Levi Arrigo (a cura di), op. cit., 139-168.
Lange Peter, (1976), Che fare nei confronti del comunismo italiano?, in Segre Sergio (a cura di), op. cit., 147-162.
Laot Laurent, (1977), Les organizations du mouvement ouvrièr français aujourd’hui: P.C.F., P.S., C.G.T., C.F.D.T., Paris, Editions Ouvrières.
Lavau Georges, (1976), Il P.C.F., lo Stato e la Rivoluzione. Un’analisi delle politiche, delle comunicazioni e della cultura popolare del P.C.F., in Blackmer Donald - Tarrow Sidney (a cura di), op. cit., 57-100.
— (1979), A quoi sert le P.C.F.?, in Duhamel Olivier - Weber Henry (a cura di), op. cit., 197-218.
— (1981), L’U.R.S.S. et eux... (le P.C.F. et le socialisme existant: 1964-1981), in Marcou Lilly (a cura di), op. cit., 189-210.
Levesque Jacques, (1986), Le P.C.I., l’U.R.S.S. et l’ordre international, in «R.F.S.P.», XXXVI, n.º1, 141-180.
Linz Juan, (1978), Il sistema politico spagnolo, in «R.I.S.P.», VIII, n.º3, 396-404.
Lombardi Riccardo, (1974), Compromesso storico e alternativa nella strategia della sinistra italiana, in «Mondoperaio», XXVII, n.º1, 33-44.
Luciani Giacomo, (1977), Il P.C.I. e il capitalismo occidentale, Milano, Longanesi.
Machin Howard, (1983), National communism in Western Europe: a third way to socialism?, London - New York, Methuen.
Mandel Ernest, (1978), Critique de l’Eurocommunisme, Paris, Maspero.
Marchais Georges, (1976a), Una via democratica al socialismo, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 225-227.
— (1976b), Discorso alla Conferenza paneuropea dei partiti comunisti, Berlino 29-30 giugno, in Valli Bernardo (a cura di), op. cit., 255-256.
Marcou Lilly - Riglet Marc, (1976), La Conference des partis, communistes européens, (Berlin, juin 1976), in «R.F.S.P.», XXVI, n.º6, 1054-1079.
— (1981), L’U.R.S.S. vue de gauche, Paris, P.U.F..
— (1986), Les pieds d’argile: le communisme mondial au present: 1970-1986, Paris, Ramsay.
Milch Jerome, (1976), Il P.C.F e l’amministrazione locale. Continuità e cambiamenti, in Blackmer Donald - Tarrow Sidney (a cura di), op. cit., 225-250.
Morgan Annette, (1983), Foreign politics, Eurocommunism and national communist strategies, in Machin Howard (a cura di), op. cit., 70-89.
Moynot Jean Luc, (1981), Differences eurosyndacales (C.G.T, C.G.I.L., Commissions Ouvrières) dans la deuxième moitiè des années ’70, in Marcou Lilly (a cura di), op. cit., 274-292.
Olivi Bino, (1978), Carter e l’Italia. La politica estera americana, l’Europa e i comunisti italiani, Milano, Longanesi.
Pasquino Gianfranco, (1983), Il P.C.I. nel sistema politico italiano degli anni ’70, in Belligni Silvano (a cura di), op. cit., 41-80.
Pfister Thierry, (1979), La gauche rompue, in Duhamel Olivier - Weber Henry (a cura di), op. cit., 155-176.
Pierini Franco, (1977), I comunisti spagnoli quarant’anni dopo, in «Mondoperaio», XXX, n.º5, 109-111.
Pinto Lyra Rubens, (1974), Le P.C.F. et l’integration europèene: 1951-73, Nancy, Universitè de Nancy II.
Pribicevic Branko, (1981), Eurocommunism and the new party, in Kindersley Richard (a cura di), op. cit., 157-184.
Pudal Bernard, (1989), Prendre parti: pour une sociologie historique du P.C.F., Paris, Presse de la fondation national des sciences politiques.
Ripa di Meana Carlo, (1974), La Bad Godesberg silenziosa del comunismo italiano, in «Critica Sociale», LXVI, n.º13, 100-102.
Rizzo Aldo, (1977), La frontiera dell’Eurocomunismo, Bari, Laterza.
Ronzitti Natalino, (1972), I comunisti Italiani tra grande e piccola Europa, in «Mondoperaio», XXV, n.º1, 16-19.
Roucaute Yves, (1981), Le P.C.F. et les sommets de l’Etat: de 1945 à nos jours, Paris, P.U.F..
Rubbi Antonio, (1980), L’iniziativa internazionale del P.C.I., in «Rinascita», XXXVII, n.º15, 8.
Salvadori Massimo, (1978), Eurocomunismo e socialismo sovietico. Problemi attuali del P.C.I. e del movimento operaio, Torino, Einaudi.
— (1979), I paradossi del comunismo italiano, in «Mondoperaio», XXXII, n.º1, 85-94.
Schwab George, (1981), Eurocommunism. The ideological and political-theoretical foundations, London, Aldwych Press.
Segre Sergio (a cura di), (1977), A chi fa paura l’Eurocomunismo, Rimini-Firenze, Guaraldi.
Tarrow Sidney, (1983), Historic compromise or bourgeois majority? Eurocommunism in Italy 1976-79, in Machin Howard (a cura di), op. cit., 124-153.
Tatò Antonio, (1984), Conversazioni con Berlinguer, Roma, Editori Riuniti.
— (1989), Berlinguer, attualità e futuro, Roma, L’Unità.
Tierski Roland, (1979), Le P.C.F., parti du passé ou parti d’avenir?, in Duhamel Olivier - Weber Henry (a cura di), op. cit., 219-244.
— (1981), Il problema del centralismo democratico, in Timmermann Heinz (a cura di), op.cit., 309-334.
Timmermann Heinz, (1981), I partiti comunisti dell’Europa Meditterranea, Bologna, Il Mulino.
Vacca Giuseppe, (1978), Qual è lo Stato che dobbiamo difendere, in «Rinascita», XXXV, n.º15, 5-6.
Valli Bernardo (a cura di), (1977), Gli Eurocomunisti, Milano, Bompiani.
Vasconi Luciano, (1976), Facciamo il punto sull’Eurocomunismo, in «Mondoperaio», XXIX, n.º7, 85-87.
Villetti Roberto, (1977), Il P.C.I tra revisionismo e tradizione, in «Mondoperaio», XXX, n.º4, 16-20.
Waller Michael, (1987), Les partis communistes ouest europèens à l’heure Gorbatchev: dossier, Paris, La Documentation Française.
Wright Vincent, (1983), The French Communist Party during V Republic: the troubled path, in Machin Howard (a cura di), op. cit., 90-123.

B. Documenti

Alf Sophie, (1979), Documentazione sui partiti comunisti d’Europa, fotocopie.
II Conferenza Nazionale del P.C.E., (1975), Documenti, in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
XXII Congrés du Parti Communiste Français, (1976), Atti e risoluzioni, in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
IX Congreso del Partido Comunista d’España, (1978), Atti e risoluzioni, in Alf Sophie (a cura di), op. cit..
XIV Congresso del Partito Comunista Italiano, (1975), Atti e Risoluzioni, Roma Editori Riuniti.
XV Congresso del Partito Comunista Italiano, (1977), Atti e Risoluzioni, Roma, Editori Riuniti.
Dichiarazione congiunta P.C.E.-P.C.I., (1975), in Valli Bernardo, op. cit., 216-218.
Dichiarazione congiunta P.C.F.-P.C.I., (1975), in Valli Bernardo, op. cit., 218-220.
Dichiarazione congiunta P.C.E.-P.C.F.-P.C.I. al vertice di Madrid, (1977), in Segre Sergio, op. cit., 216.


Mauro Bruscagin 
Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 
Facoltà di Scienze Politiche - 
Tesi di laurea in Scienze Politiche

TORNA ALL'INDICE


  ALLA PAGINA PRECEDENTE  *   SCHEGGE    DI   STORIA 

CRONOLOGIA GENERALE  

By Francomputer