ANNO 1945 (provvisorio)

SCIENZA E SCOPERTE
(in costruzione)

*** ARTHUR CLARKE Espone per la prima volta l'idea di lanciare satelliti artificiali geostazionari intorno alla terra all'altezza dell'equatore per coprire - afferma su una rivista di telecomunicazioni - l'intera copertura delle comunicazioni sul pianeta. Il 14 febbraio 1963 verrà  lanciato il suo primo satellite, il Syncom 1.
Clarke é un fisico, ma ha la passione di scrivere libri di fantascienza. Uno dei suoi capolavori é il profetico (quando ancora non esistevano le possibilità di inviare un razzo vettore idoneo nello spazio) : 2001 ODISSEA NELLO SPAZIO

*** SELAMN WALSMAN scopre la steptomicina una sostanza che riesce a combattere non solo i batteri Gram-positivi come la Penicillina, ma anche quelli Gram-negativi. Prenderà il Nobel 1952 e fra le curiosità, é lui Walsman, a dare a questa sostanza il none di antibiotico.
.

CULTURA E COSTUME
(in costruzione)

*** IL "QUINTO VANGELO" di SAN TOMMASO

Nel dicembre dei 1945, nel deserto egiziano e precisamente in una località denominata Nag Hammadi, è stata compiuta una importante scoperta archeologica: insieme a una serie di pergamene, è stato riportato alla luce il Vangelo di San Tommaso. A differenza degli altri vangeli che sono diventati parte del Nuovo Testamento, quello di San Tommaso è in realtà una raccolta di 114 frasi pronunciate da Cristo. Non contiene materiale narrativo, non vi sono riferimenti alla storia della nascita, della vita o della morte di Gesù, ma semplicemente sue dichiarazioni precedute dalle parole "E Gesù disse".
Tali affermazioni sono definite come le "parole segrete pronunciate da Gesù" e la raccolta è attribuita a Giuda Tommaso il Gernello, più noto come l'apostolo Tommaso o "Tommaso il dubbioso". Secondo gli studiosi, il Vangelo di San Tommaso risalirebbe alla metà del primo secolo; se la datazione fosse esatta si tratterebbe della più antica registrazione di frasi di Cristo (a quanto pare, i quattro vangeli dei Nuovo Testamento sarebbero stati scritti tra la la fine del primo e la fine dei secondo secolo, almeno cento anni dopo la morte di Gesù). Sussistono tuttavia dei dubbi riguardo alla natura gnostica di alcune frasi, che potrebbe essere indizio di una datazione più tarda.
Lo Jung Institute riuscì a portare segretamente negli Stati Uniti una copia di quel documento che da allora viene indicato come "il quinto vangelo". (By: Maverikke)

*** EDUARDO DE FILIPPO porta sulle scene una commedia dove rispecchia l'amarezza della guerra, quella civile, la caduta del fascismo, il periodo tormentato che abbiamo visto sopra in Storia, pieno di tragedie e nello stesso tempo pieno di indifferenza.
E' Napoli milionaria, dove Gennaro, il protagonista al ritorno dalla guerra trova un figlio ladro, una figlia prostituta e una moglie che si é arricchita facendo la borsa nera. Lo spaesato é lui, il compianto lui, lo scemo di guerra é lui "...perché mai sono tornato dalla guerra, qua nessuno ne vuole sentire parlare, do' anche fastidio.

*** TRILUSSA (Carlo Alberto Salustri) In una raccolta pubblica le sue famose poesie in dialetto romanesco, Acqua e Vino Ommini e bestie. Con le varie intonazioni, con il loro riflettere venture e sventure pubbliche e private questi suoi versi rappresentano il repertorio completo di quella poesia che ha saputo conquistarsi la popolarità. Una satira che non é un pugno in un occhio, ma la pacca sulle spalle, con la sua morale scettica e sorridente.

*** CURZIO MALAPARTE scrittore e giornalista del Corriere, pubblica Kaputt. Non propriamente un romanzo, l'opera narra le molte esperienze vissute come corrispondente sui diversi fronti della guerra mondiale, in Ucraina, Germania, Polonia, Finlandia. A contatto con i nazifascisti , con gli isolati e affamati soldati prigionieri, con gli ebrei nell'orrido ghetto di Varsavia, con i poveri contadini russi. In un grande affresco Malaparte vive con vittime e carnefici la dissoluzione dell'Europa. Un romanzo storico. Una cronaca.

*** ELIO VITTORINI - Pubblica il romanzo Uomini e no. L'intera opera racconta le vicende della guerriglia urbana partigiana dentro una Milano presidiata dai tedeschi e dai fascisti. Nella lotta clandestina inserisce episodi raccapriccianti, la repressione disumana. Sono pagine piene di analisi interiori in una lotta dove sembra non esserci più un futuro. Pur impegnato e con idee comuniste, Vittorini in questo suo romanzo lascia da parte la politica, e si sofferma soprattutto sul mondo psicologico di quegli eventi. Ed é lui a inaugurare il filone narrativo memorialistico sulla Resistenza. Un capolavoro non letterario, ma una bruciante testimonianza di un periodo folle della storia italiana.
Resta sempre discutibile il titolo perchè si schiera emotivamente (la guerra è appena finita) solo da una parte, in quella che considera composta da "uomini" (che nel Sud però i parroci cacciano dalle chiese, non li ammettono alla comunione e ai sacramenti. "Sono dei senza Dio", si giustificano)
Nei fatti Vittorini è irrazionale, negli aspetti psicologici è molto migliore.

*** CARLO LEVI - Pittore e scrittore pubblica uno dei migliori libri della letteratura del dopoguerra. Cristo si é fermato a Eboli. Un affresco del mondo meridionale arcaico e arretrato ma ricco di tradizioni e di valori. Un racconto-diario poetico ma anche di denuncia delle condizioni del "pianeta meridione". Mandato al confino dal regime fascista in questo piccolo paese, Levi scopre questo nuovo mondo, si cala nell'abisso di miseria e di ignoranza di questa terra a lui sconosciuto, e con una letteratura realistica si impegna a denunciare le ingiustizie sociali, gli arroganti ricchi sfruttatori, le oppressioni,   la immane fatica, la fame e le malattie di un popolo, che non vive da cristiani ma che fa una vita da animali.
Per un intellettuale scoprire queste cose solo quando si va al confine è grave.

*** GEORGE ORWEL - (pseudonimo di ERIC BLAIR) pubblica uno dei più famosi libri di tutti i tempi. La fattoria degli animali. Poche pagine, ma incisive come il Candido di Voltaire, è diventata la sua piccola opera straordinariamente universale.

Il senso politico della favola é una inquietante satira (e alla luce del poi, una profetica e tragica storia) sulla dittatura sovietica, sul fallimento della Rivoluzione e sul futuro cupo e disumano della Russia. Stalin ha vinto la guerra, domina il partito, ma con la sua nomenclatura bolscevica é anche la sventura della Russia.

*** BETRAND RUSSEL pubblica Storia della filosofia occidentale. Un'opera dove confluiscono le sue riflessioni storiche, ma soprattutto si sofferma alle nuove molteplici connessioni culturali, sociali e politiche relative ai temi di urgente attualità che avverte come una esigenza fondamentale, necessarie alla diffusione di un nuovo discorso filosofico saturo di nuove problematiche e verso una nuova evoluzione del pensiero.

*** A Milano esce la rivista settimanale L'EUROPEO diretto da Benedetti, EPOCA diretto da Repaci, OGGI diretto da Rusconi, il POLITECNICO diretto da Vittorini, e il quotidiano L'ITALIA LIBERA.
Fra i giornali sportivi vede la luce TUTTOSPORT e STADIO.

CINEMA -
*** LAURENCE OLIVER il grande attore inglese, inizia la sua carriera di regista portando sullo schermo le tragedie del teatro shakesperiano. Tre capolavori di cui il primo Enrico V, seguirà poi Amleto, e nel 1956 Riccardo III.

*** MARCEL CARNE' presenta in il film Gli amanti perduti Il titolo originale era Les enfants du Paradis, ma arrivato in Italia oltre al titolo che viene cambiato, trattandosi di un film che racconta la passione e l'avventura di due amanti, viene abbondantemente tagliato nelle scene dette "volgari".

*** ROBERTO ROSSELLINI presenta il film Roma citta' aperta il primo film di quel movimento artistico detto del NEOREALISMO che influenzerà un po' tutti i registi. E' il primo film dove Rossellini fu accolto con freddezza in Italia (che non voleva vedere più nemmeno una scena di quanto aveva vissuto). Il film ebbe un grande successo all'estero. I critici intellettuali italiani, anche loro "distratti" lo scopriranno solo dopo anni, e si accorsero che era un capolavoro. Scoprendo anche la protagonista: l'attrice Anna Magnani. La scena della morte di Pina è entrata nella storia del cinema di tutti i tempi. Otto Preminger scrisse "La storia del cinema si divide in due ere, una prima e una dopo il film di Rossellini".
Con Paisa' e Germania anno zero il film andrà a comporre la cosiddetta "Triologia della guerra" di Roberto Rossellini.

MUSICA

*** BELA BARTOK compone uno dei suoi migliori concerti (l'ultimo) : il Terzo concerto per pianoforte e orchestra. Come colpito da un presentimento, completamente diverso dai precedenti quasi ossessivi, la composizione é pervasa da un misticismo struggente, "L'adagio religioso" é un capolavoro!

COSTUME

Gli americani nei loro "Campi" in Italia dove hanno messo veri e propri dancing, fanno conoscere alle "segnorine" italiane che accorrono numerose, il ballo boogie-voogie. E regalano la cioccolata, le sigarette, il chewing gum e qualche scatola di carne e di latte condensato da portare a casa.

RABAGLIATI canta "Bambina innamorata", a Napoli si canta Munastero di Santa chiara, e a Torino va in scena WANDA OSIRIS con Capo Cabana. Mentre a Mariano Comense, Paietta l'8 settembre, lo celebra organizzando il primo Festival dell'Unita'. Ma la festa ha sotto le tende i mitra pronti. Mentre fuori il mondo sta cambiando; nelle edicole tornano i fumetti di Gordon, Superman, ricompaiono dopo quasi 8 anni che non si parlava piu' di Hollywood, del suo cinema e delle sue attrici, le riviste delle attrici Star, e Tutta Hollywood, un mondo lontanissimo anni luce, colorato, opulento, giocoso, tornano gli echi degli spettacoli di Broadway, i Musical, i Carousel, i lustrini, le piume di struzzo, le paillette, un mondo che in America non si era mai fermato, e che torna a far sognare e anche a far scoprire e a far vedere agli italiani, chi sono, cosa hanno e come vivono i vincitori. Un impatto tremendo, ci si sente nel confronto degli straccioni.

Nel sud, il clero inizia i suoi primi passi nell'emarginare gli attivisti partigiani socialisti e comunisti. I vescovi non li ammettono alla comunione e ai sacramenti. E' un altro schiaffo morale per chi ha lottato e ha rischiato; vengono considerati  banditi, dei senza Dio. (In contrasto con Vittorini che li ha invece "eroicizzati".

<< ritorno anno 1945 - continua anno 1946 > >


CRONOLOGIA GENERALE    ALLA PAGINA PRECEDENTE