HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

SETTEMBRE 1999

.

Allarme "micro" criminalità.
di notte, di giorno, al mare, ai monti e in ogni luogo. In casa, al bar, dal giornalaio.
D'Alema: "No, non siamo nel  Far West". - I cittadini: "E' peggio, perchè qui sono solo i delinquenti ad avere le armi in mano. D'Alema, dimostri coraggio, come anonimo cittadino, provi andare un paio di volte a un qualsiasi bancomat, da solo in autostrada, abitare in un villino, camminare con un orologio d'oro al polso, ecc. senza scorta. La Jervolino "Provi attraversare Parco Sempione a MI da sola!"
a MI - Ciampi:  "Niente allarmismi,  non  siamo  allo sbando".
a VE -Maniero: "Lancio l'allarme, si sta riformando la banda". E' l'epoca del supergarantismo. Alcuni hanno il record "50 denunce" ma sono liberi. E pronti a vendicarsi dei denuncianti.
Nel Vicentino 15.500 reati di criminalità in sette mesi. Furti, rapine, scippi. Uno ogni mezz'ora. Un "visitato": "li ho affrontati con la pistola in mano, mi hanno riso in faccia, "vuol mettersi nei guai?", e non trovando soldi mi hanno costretto a dargli le chiavi della macchina in garage".

VEDI ANCHE LA  CARTOLINA N.83  MICROCRIMINALITA'

 (  RITORNA  CON "PAGINA PRECEDENTE" )

(Cronistoria del mese - Testi  a cura di Giacomo Pacini)

1 SETTEMBRE M (122 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA . Dopo la lettera inviata al Corriere della Sera in cui DI PIETRO accusava i DS di voler chiudere Tangentopoli "timorosi per il possibile effetto che potrebbero avere sulla politica le sentenze su BERLUSCONI", si apre un nuovo scontro fra centro sinistra e l'ex PM, dopo che gia' la maggioranza non aveva apprezzato le firme da Di Pietro poste sui referendum di AN contro il proporzionale e il finanziamento ai partiti. VELTRONI "quelle di Di Pietro sono ipotesi offensive e frutto di teoremi" MASTELLA "vedrete che Di Pietro ci fara' perdere le regionali" e Tiziana PARENTI dice" Di Pietro vorrebbe essere il leader del centro-destra al posto di Berlusconi". Ma anche dal Polo arrivano dure reazioni, LA LOGGIA di FI afferma"Di Pietro ci conferma che quelli contro Berlusconi sono processi politici". Ed intanto si riparla di un possibile patteggiamento straordinario per evitare quello che ad oggi pare il piu' grande pericolo per i processi di Tangentopoli: la prescrizione.
* POLITICA ESTERA - RUSSIA.- "So tutto sui conti esteri di ELTSIN" . A parlare e' Korzhakov, un ex stretto collaboratore del premier russo "lui e sua figlia spostavano di continuo i loro conti, anche se non so di preciso i punti di arrivo". L'inchiesta era stata avviata dopo che la magistratura svizzera aveva scoperto tre carte di credito intestate ad Eltsin ed alla figlia i cui fondi sarebbero stati forniti dall'uomo d'affari kossovaro Pacolli, colui che si era aggiudicato negli anni scorsi l'appalto per i lavori di ristrutturazione del Cremlino. Ma il Cremlino e' sotto tiro anche per un' altra inchiesta che ipotizza lo "storno" dei fondi che il FMI aveva concesso alla Russia dopo il crack finanziario dell'agosto 1998. Gli interessati pero' negano con forza e parlano di complotto per indebolire Eltsin in vista delle elezioni di dicembre.
* USTICA: FINALMENTE LA VERITA'? Il giudice PRIORE deposita l'ordinanza di rinvio a giudizio per 10 generali, 4 dei quali accusati di alto tradimento. Per 19 anni avrebbero sviato ed insabbiato le indagini sulla tragedia del DC-9 Itavia, decollato da Bologna e precipitato, il 27 giugno 1980, sui cieli di Ustica. Quella sera, nella ricostruzione fatta da Priore, si sarebbe svolta una vera e propria battaglia aerea con velivoli NATO (americani e francesi) alla caccia di uno o piu' mig libici. Uno di essi si sarebbe posto sotto il DC-9 ; un missile diretto contro i libici potrebbe aver provocato uno spostamento d'aria tale da distruggere un'ala del DC-9 e bloccarne il motore destro, causandone la caduta. Ma se la dinamica dell'incidente pare certa, non e' sicuro che l'aereo andatosi a porre sotto il DC-9 fosse libico; potrebbe essere avvenuto pure l'inverso, cioe' che fosse stato un velivolo NATO a celarsi sotto l'aereo passeggeri, e che in tal caso il missile sia stato lanciato da un mig libico. Pare tuttavia assodata la presenza, quella sera, sui cieli di Ustica di almeno una dozzina di aerei e pure di una portaerei. Un codice di emergenza venne trasmesso da due aerei italiani (f-104) con a bordo NALDINI e NUTARELLI rientrati alla base di Grosseto poco prima della tragedia e che si erano ritrovati nelle vicinanze del DC-9 nella prima parte del suo viaggio. Ma Naldini e Nutarelli non potranno mai dare la loro versione dei fatti, entrambi sono deceduti nella tragedia che a Ramstein (nel 1989) vide coinvolte le Frecce Tricolori.

2 SETTEMBRE G (121 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA. Malumore fra i Democratici per le iniziative di Di Pietro. Francesco RUTELLI ed Enzo BIANCO, sindaci di Roma e Catania ed esponenti del movimento non condividono che l'ex pm abbia firmato i referendum di AN, Arturo PARISI, coordinatore dei Democratici, fa da mediatore e parafrasando Deng dice "noi siamo contro il topo proporzionale, l'importante e' che il gatto lo prenda". Il gatto sarebbe appunto il referendum di AN.
* ESTERI. Gli Stati Uniti ad Eltsin "non daremo piu' soldi se il Cremlino non ci dara' adeguate garanzie".
* VATICANO. Il PAPA in vista del Giubileo annuncia "la Chiesa chiedera' perdono per gli errori del passato, per le divisioni dottrinali, per l'inquisizione o per tutte le volte che e' mancata nella difesa dei diritti umani o si e' mostrata compiacente verso qualunque forma di totalitarismo".
* USTICA. Si apre una nuova inchiesta sul "livello superiore nazionale ed internazionale delle coperture" Priore chiama in causa decisamente francesi ed americani. VELTRONI "ora gli alleati dicano la verita'" . Intanto si ipotizza pure che quella tragica sera, nel mirino degli aerei NATO potesse esserci il colonnello GHEDDAFI in persona, ritenuto a bordo di uno dei MIG. Intanto amare le parole dell'ex proprietario dell'Itavia, la compagnia del DC-9, DAVANZALI "io dissi subito che era un atto di guerra, ma venni incriminato, si disse che la colpa era delle deficienze strutturali del mio aereo". Ma i generali accusati di aver voluto depistare ribattono a tutte le accuse "nessun atto di guerra! Fu un attentato, il resto sono invenzioni. 

3 SETTEMBRE V (120 gg. al 2000) - ITALIA -  BERTINOTTI apre al centro-sinistra "si puo' discutere in vista di un accordo per le regionali di primavera", ma le reazioni della maggioranza, specie nelle sue componenti di centro, sono fredde. Nel Polo non si esclude intanto una possibile aperture verso la Fiamma di RAUTI, ma anche qui i centristi appaiono dubbiosi.
ESTERO - Ormai si parla di Russiagate. Dopo le voci ecco i primi nomi delle persone sospettate.. In un documento compilato dal giudice svizzero Devau ed inviato a tutte le banche di Ginevra sopra un elenco di 24 nomi cosi' sta scritto "siete invitati a far sapere se le persone sotto elencate hanno avuto rapporti bancari con voi". Tra le 24 persone ci sono Borodin, l'ex vicepremier russo Sovotesk e l'alto funzionario Kruglov.
MEDIO ORIENTE - In questi giorni dovrebbe essere firmata l'intesa fra Israeliani e Palestinesi che renda operativi gli accordi di Wie Plantation. Ma tra Barak ed Arafat si riaccende la questione dei prigionieri palestinesi detenuti in Isreale. Arafat vuole che avvenga il rilascio dei detenuti politici e non solo di semplici ladruncoli, cosi' li ha definiti il leader dell'OLP, come avvenuto quando premier israeliano era Netaniauh, che si oppose al rilascio di quelli che defini' "detenuti sporchi di sangue israeliano".

4 SETTEMBRE S (119 gg. al 2000) -   ITALIA   - ESERCITO PROFESSIONALE - Approvata la legge che lo istituisce; per i nati dopo il 1986 niente piu' servizio militare obbligatorio. Dal 2004 l'esercito sara' solo su base volontaria. Scognamiglio, ministro della difesa, la definisce una riforma "storica", anche se non tutto il governo, come ad esempio il ministro Amato e' concorde. GASPARRI di AN, dice "l'esercito professionale e' una vecchia battaglia della destra". Il mondo del volontariato appare perplesso, teme la fine del servizio civile.
* POLITICA IT. - AN ha raggiunto le 500mila firme necessarie per i referendum, tour de force finale per i Radicali di Pannella e della Bonino per i loro 20 quesiti.
* MEDIO ORIENTE - Fatto l'accordo fra Israele e Palestina. Dopo una lunga e convulsa trattativa notturna si e' giunti allo sblocco degli accordi di Wie Plantation. Israele ha accettato di ritirarsi da un ulteriore 11% dei Territori occupati nel 1967 dopo la guerra dei 6 giorni. Verranno poi liberati 356 prigionieri palestinesi, anche se nessuno che abbia ucciso soldati israeliani. Restano aperte ancora varie questioni, prima fra tutta quella su Gerusalemme est, ma e' comunque questa intesa e' un importante passo avanti.
* RUSSIAGATE - Spunta un conto segreto del tesoriere di Eltsin, in Svizzera, cosa che gli interessati in passato avevano sempre negato di aver fatto. Intanto il procuratore russo Skuratov , che sta collaborando con la magistratura svizzera nelle inchieste, conferma "le indagini coinvolgono pure Eltsin e sua figlia". Ma a Mosca pare essere tornati ai tempi del KGB, lo stesso Skuratov, e' sotto accusa dopo che un filmino girato di nascosto ritrae un uomo, che pare proprio Skuratov, in atteggiamenti inequivocabili con due prostitute. Ma il procuratore si difende "sono solo calunnie, mi vogliono infangare per fermare le indagini".

5 SETTEMBRE D (118 gg. al 2000) - BERLUSCONI - , al convegno degli industriali a CERNOBBIO, lancia il modello spagnolo "AZNAR fa la politica che vorremmo fare noi ed in 2 anni ha ridotto la disoccupazione della Spagna" Ma i DS replicano "e' assurdo pensare di importare il modello spagnolo in un paese come l'Italia visto il nostro debito pubblico frutto di 40 anni di finanza allegra". Gli ricordano che in Spagna vietano gli spot politici, e lui dribbla "mica dobbiamo copiare tutto"
* SCALFARO fa il suo ritorno sulla scena politica al convegno del PPI e , nemmeno troppo velatamente, chiama in causa proprio Berlusconi "mi preoccupa il dominio dei poteri forti in politica, che se infischiano di governo e parlamento e da soli se la cantano grazie al dominio sui mezzi di comunicazione, oltretutto sono inaccettabili certe spese per le campagne elettorali". LA LOGGIA di FI replica "ha gettato la maschera, mostra di essere stato un presidente di parte". Ed intanto BOSSI annuncia che la secessione e' un progetto abbandonato "ci orienteremo verso al devolution alla scozzese" dice.
* ESTERI - L'INDONESIA annuncia l'esito del referendum sull'indipendenza di Timor est. Il 75% ha votato si. HABIBIE, presidente indonesiano, dice di accettare il risultato e si appella ai militari presenti a Timor est perche' anch'essi accettino il risultato ed evitino qualsiasi reazione violente. Ma pare difficile che milizie che per 20 anni hanno lottato contro l'indipendenza ed il separatismo accettino il referendum.
* ARAFAT in visita a Roma dice "e' finalmente ripartita la pace che i popoli chiedevano". Intanto si annuncia la riapertura dell' aeroporto di Gaza e la ripresa dei lavori per il porto della citta'. In ottobre verra' poi creata una strada riservata ai palestinesi che colleghera' Hebron alla Cisgiordania.

6 SETTEMBRE L (117 gg. al 2000) - ISRAELE . A 24 ore dall'accordo fra BARAK ed ARAFAT , due auto-bombe esplodono ad Haifa e Tiberiade. Restano uccisi i tre terroristi kamikaze, senza nessuna vittima fra i civili. Si sospetta che i tre possano far parte dei fondamentalisti di HAMAS. Arafat "purtroppo ce lo aspettavamo, ma saremo fermi contro il terrorismo".
* TIMOR EST Le milizie filo-indipendentiste, non accettano il risultato del referendum e scatenano il terrore a DILI, capitale di Timor est. Si parla di almeno 200 vittime e di case devastate a tutti coloro sospettati di essere dalla parte dell'indipendentismo. Presi di mira soprattutto i religiosi. Le frammentarie notizie che giungono da Dili e che descrivono la furia dei paramilitari fanno temere un' escalation della violenza.
* GERMANIA - Dura sconfitta per SCHROEDER nelle elezioni regionali nella Saar e nel Brandeburgo. I cristiano democratici della CDU riconquistano dopo 14 anni la maggioranza. Nel Brandeburgo i neonazisti salgono per la prima volta sopra il 5% ed entrano in parlamento. Ma in forte crescita sono pure i neocomunisti eredi della SED, che fanno registrare una grande affermazione soprattutto a Postdam.

7 SETTEMBRE M (116 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA - Continua la "diaspora" nella Lega. Dopo COMENCINI, ormai da tempo uscito dal partito di BOSSI, COMINO e GNUTTI un altro esponente di rilievo, Alessandra CALVO , sindaco di Alessandria, annuncia di voler lasciare la Lega per aderire al movimento "futuro nord" di Comino. Lapidario MARONI "sono transfughi di destra; non ci toglieranno alcun voto". - - Momento difficile anche per un altro partito; AN, dopo la delusione del voto europeo, al fine di non accentuare le divisione interne (Adriana POLI BORTONE e Alessandra MUSSOLINI ad esempio sono fortemente critiche verso i referendum) decide di rinviare il proprio congresso a dopo le elezioni regionali di primavera. - - Dopo l'apparizione, con relative polemiche, di SCALFARO al convegno del PPI, MASTELLA arriva a proporre la creazione di una grande federazione di centro con Scalfaro presidente onorario.
ESTERI TIMOR EST: le milizie filo-indonesiane scatenano il terrore. Sta accadendo quello che si temeva; i militari dell'isola non accettano il risultato del referendum e si scagliano contro coloro che sono sospettati di aver votato si all'indipendenza. Le poche testimonianze che giungono parlano di centinaia di morti e migliaia di persone costrette a fuggire dalle loro case date alle fiamme. "la situazione e' del tutto fuori controllo" dicono le autorita' indonesiane.
*** SCONCERTO IN ISRAELE, non appartenevano ad Hamas i tre terroristi kamikaze, ma erano arabo-israeliani , eredi dei palestinesi rimasti in patria dopo la nascita dello stato di Israele ne 1948, con regolare passaporto israeliano.
*** "PAPA PACELLI aiuto' Hitler a prendere il potere", lo sostiene John CORNWELL nel suo ultimo lavoro "ho analizzato con attenzione fonti d'archivio; duole dirlo, ma Papa PACELLI gioco' un ruolo determinante nell'ascesa al potere di Hitler". Il Vaticano reagisce duramente "tutto falso, Cornwell non ha consultato alcun archivio, Papa Pacelli fece moltissimo per salvare gli ebrei dallo sterminio".

8 SETTEMBRE G (115 gg. al 2000) -   POLITICA ITALIANA  - I Radicali annunciano esultanti "abbiamo raggiunto le firme necessarie per i nostri 20 referendum". E a FOLENA, DS,che dice "mi piacerebbe sapere dove hanno preso i soldi per organizzare la raccolta delle firme", rispondono "ci siamo tassati tutti, abbiamo perfino venduto Radio Radicale", e nell'occasione Marco PANNELLA ed Emma BONINO attaccano pure Berlusconi "il suo appoggio alla nostra battaglia liberale e' stato nullo, ci ha lasciati soli".
*** ESTERI - DILI in balia delle milizie. Dalla capitale di Timor Est arrivano immagini di teste mozzate e cadaveri lanciati in mare, chi puo' cerca rifugio nella sede ONU di DILI. Le Nazioni Uniti danno un ultimatum a Giacarta "o si riporta un minimo di ordine entro 48 ore o valuteremo l'invio di un contingente internazionale".
*** RUSSIA. - Riappare lo spettro della guerra cecena. Guerriglieri islamici all'attacco in Cecenia e Daghestan, gia' numerosi i villaggi conquistati. Il loro leader, Basaev e' chiaro "creeremo un societa' islamica". Mosca minaccia l'invasione della repubblica, ma torna alla mente il massacro subito dai soldati russi nel 1994 nello stesso territorio.

9 SETTEMBRE V (114 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA - MINA sul REFERENDUM. SORO , capogruppo PPI, "quelli di PANNELLA sono quesiti di centrodestra, se passano il vaglio della corte costituzionale potremmo fare a meno di fare le elezioni e consegnare le chiavi di Palazzo Chigi a Berlusconi". PANNELLA "andranno ad elezioni anticipate per bloccare i referendum; in passato e' gia' successo 3 volte".  - - *** Si rompe l'alleanza AN-SEGNI? Per LA RUSSA, AN, quella con Segni ed il suo elefantino e' stata un'unione "che i nostri elettori non hanno capito, mi dispiace, ma per il bene di entrambi e' meglio dividerci".
*** ESTERI Giacarta respinge l'ultimatum ONU e si dice contraria a qualunque invio di contingenti internazionali per riportare la pace a Timor est. Ma DILI e' ormai una citta' fantasma, le vittime si contano adesso nell'ordine di migliaia.

10 SETTEMBRE S (113 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA -  PATTO DEI 500 GIORNI. 5 ore di riunione a Palazzo Chigi tra D'ALEMA e i capigruppo della maggioranza, in un vertice voluto per "rilanciare il centrosinistra da oggi alle future elezioni politiche, che , D'Alema tiene a precisare, si terranno alla normale scadenza della legislatura: nel 2001 e ritrovare la coesione interna. *** "Accordo generale sulla finanziaria (niente interventi sulle pensioni di anzianita', ma tagli ai privilegi") e su riforme quali l'elezione diretta del presidente della regione ed il federalismo. Resta spinosa la questione della par condicio e degli spot elettorali; i Democratici chiedono che non venga fatta una legge che proibisce qualunque spot, ma D'Alema e' perplesso "l'idea degli spot contrasta con i miei principi e con quelli di tutti i paesi europei". Ma forti sono pure i timori per i referendum radicali, MUSSI, capogruppo DS alla camera, lo dice chiaramente "se passano andremo tutti i casa, stiamo pensando ad interventi legislativi per attenuare l'effetto specie dei referendum economici", proprio quelli che Gavino ANGIUS, capogruppo DS al senato ha definito gia' in estate "una grave minaccia ai diritti dei lavoratori". *** "Non tradisco il centrosinistra", DI PIETRO, sotto accusa per la firma posta ai referendum di AN, in una lettera all' Espresso ribadisce"io sono stato eletto coi voti del centrosinistra, e non ne tradiro' la fiducia". *** Ed intanto in un'intervista al Corriere della Sera, Marcello DELL'UTRI , FI, afferma "il tempo dei giustizialisti alla Di Pietro e' finito; non voglio creare problemi al partito popolare europeo , ma non rinuncio a candidarmi a vicepresidente della commissione giustizia a Bruxelles", nomina bloccata tempo fa e considerata discutibile , anche da esponenti conservatori, per i problemi giudiziari di Dell'Utri, che pero' tiene a precisare "fino a prova contraria ho la fedina penale immacolata".
*** ESTERI Scoppiano due ordigni in un palazzo di Mosca: 60 morti. L'attentato rivendicato dai ribelli islamici. Schlesinger, ex direttore della CIA ed ex ministro, al Corriere della Sera "non mi stupirei se Eltsin a questo punto decidesse per una svolta politica autoritaria, pressato dal Russiagate e dal pericolo terrorismo".

11 SETTEMBRE D (112 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA - Per i DS "e' finalmente giunto il momento di tagliare le pensioni d'oro, a cominciare dalla classe dirigente". DINI al Corriere avverte "dobbiamo riprendere la bandiera liberaldemocratica lasciata al POLO, che abbiamo perso con l'uscita di Prodi. Spero percio' che in un futuro non si insista piu' con proposte quali le 35 ore lavorative". *** SEGNI si rivolge ad AN "non abbandonate cosi' in fretta l'idea dell' Elefante , dell'alleanza con noi, col tempo si dimostrera' vincente", ma FINI non lascia spazio a dubbi "quell'alleanza e' stato un errore, gli elettori non l'hanno accettata, alle prossime elezioni regionali in primavera andremo da soli". *** Sulla parcondicio le forze politiche provano con difficolta' a cercare un punto d'incontro, i DS propongono "si agli spot, ma solo sulle tv locali per esporre agli elettori il programma del candidato del collegio", mentre Forza Italia propone "pari opportunità per entrambi i poli a livello nazionale", cosa non condivisa dai DS, "BERLUSCONI puo' fare spot gratis, noi per farli dovremmo pagare lui". *** PROBLEMA CRIMINALITA' Paolo CORSINI, sindaco di Brescia, del centrosinistra, in una lettera al Corriere della Sera afferma "lo stato ci ridia la sicurezza perduta , non si puo' piu' essere in balia delle bande, e questi sono temi che non hanno colore politico". E proprio oggi il governo ha dato via libera all'assunzione di 6000 nuove persone nelle forze dell'ordine.
*** ESTERI - TIMOR EST. La situazione continua a peggiorare, ora nell'isola si e' scatenata la caccia ai religiosi, che le forze paramilitari identificano come i veri sostenitori ed organizzatori del movimento indipendentista. Il Papa in persona arriva a chiedere l'invio di una forza di pace per salvare l'isola.

2 SETTEMBRE L (111 gg. al 2000) - LOTTA ALLA DISOCCUPAZIONE - TORNA IL MILIONE DI POSTI DI LAVORO? D'Alema "in materia di occupazione il bilancio del governo e' positivo, abbiamo creato 500mila posti in piu' e crediamo di raggiungere il milione per fine legislatura. Berlusconi "altro che 500mila posti, sono tutti lavori precari", ma D'Alema precisa "e' bene rendersi conto che l'era del posto fisso e' finita, in futuro in misura sempre maggiore si passera' da un'occupazione all'altra, si provi a togliere dalle statistiche sull'occupazione degli USA il numero dei lavoratori precari, avremo cifre di disoccupazione pari a quelle di Reggio Calabria".
QUESTIONE MICROCRIMINALITA'. Veltroni da Brescia annuncia una svolta nella linea dei DS "mano dura coi criminali, vadano in carcere dopo la prima condanna". Proprio il sindaco di Brescia, Corsini, aveva invocato maggiore protezione da parte dello stato contro le "bande criminali". Ed intanto a Bologna la casa editrice "Il Mulino" pubblica un libro che raccoglie tutte le lettere, oltre diecimila, che negli anni i cittadini bolognesi avevano inviato al Comune chiedendo maggior tutela contro la crescente criminalita'. Gran parte dei motivi della sconfitta della sinistra a Bologna, come riconosce l'ex-sindaco Vitali, sono in quelle pagine. 
INGHILTERRA Ha lavorato per decenni al servizio di Mosca. Melita Harwood, oggi ottantasettenne, assunta negli anni 30 alla British non-ferrous metal research association, ha per anni passato informazioni riservate al NKVD prima ed al KGB poi, rivelando anche i programmi segreti sul nucleare. A scoprirla sono state le rivelazioni di Mitrochin, ex-archivista del KGB, raccolte oggi in un libro dello storico Andrew.

13 SETTEMBRE M (110 gg. al 2000) -  QUESTIONE SICUREZZA - Interviene pure Violante, presidente della Camera, "e' davvero ora di colpire i criminali comuni come i mafiosi". Ma Fini, leader di AN, in un'intervista a Repubblica attacca "trovo patetico che Veltroni e la sinistra mostrino adesso la faccia dura e parlino in certi termini di sicurezza, la sinistra cerca di copiare la destra, ma si dimostra neofita in materia"  - POLITICA - Bossi prova a rilanciare la guerra contro Roma "raccoglieremo firme per la devolution alla scozzese, ma sia chiaro: mai alcun accordo col regime, anzi saranno firme contro Roma ladrona". -  GERMANIA - Crollo continuo per Schroeder. A picco la SPD nelle elezioni in Turingia e Renania, a rischio nel ballottaggio fra 15 giorni pure roccaforti storiche per la socialdemocrazia quali Colonia e Dortmund. Ormai, oltre ad essere nettamente battuta dalla CDU nelle elezioni regionali, la SPD e' di fatto incalzata pure dagli ex-comunisti della PDS. 

14 SETTEMBRE M (109 gg. al 2000) - QUESTIONE SICUREZZA - Carlo Leoni (responsabile giustizia DS) replica a Fini "dice bugie, la destra e' priva di una vera politica anticriminalita', fa demagogia, ma e' di fatto interessata solo ad avere l'impunita' per i potenti". Il Polo risponde "sono dichiarazioni isteriche", ma da sinistra si ribatte "nessun isterismo, foste voi nel 1994 a votare il decreto salvaladri che rimise in liberta' imputati eccellenti e numerosi responsabili di episodi di microcriminalita'". Ma lo scontro fra maggioranza ed opposizione continua pure sulla spinosa questione della Par-Condicio, mentre il Polo continua a definire illiberale il divieto totale di spot, Giulietti (DS) si appella alla maggioranza "troviamo l'unita' su questo tema, cio' sarebbe un segnale forte verso Berlusconi che prima definisce superflua l'incidenza degli spot, e poi li pone come pregiudiziale prima di qualsiasi colloquio sulle riforme".
RETE ITALIANA AL SERVIZIO DEL KGB? Nel libro che Andrew ha scritto in base alle rivelazioni di Mitrochin si parla diffusamente di politici, diplomatici e giornalisti italiani al servizio dei sovietici negli anni della guerra fredda. ANCORA TERRORE A MOSCA -  Un'altra bomba esplode nella capitale russa provocando 80 morti. Sotto
accusa i guerriglieri ceceni, anche se prove certe della loro colpevolezza non ne sono state ancora rinvenute 

15 SETTEMBRE G (108 gg. al 2000) - POLITICA ITALIANA - PAR CONDICIO. Berlusconi "pronti al referendum se passa la legge", "la sinistra, dice il leader del Polo, ha preparato una legge liberticida, ma vedrete che gli italiani reagiranno , ed infatti noi siamo pronti a fare un referendum contro di essa. Mussi (DS) "tutte mistificazioni, vogliamo soltanto adeguare l'Italia agli standard europei, dato che solo da noi assistiamo ad un diluvio di spot fatti da uan sola parte"
ECONOMIA - La grande finanza alla guerra delle assicurazioni. Lanciata una maxiofferta  pubblica da parte delle Generali sull'Ina, il cui presidente Siglienti, dice "e' un'offerta ostile, dovremo valutare eventuali future contromosse" Sullo sfondo resta lo scontro Cuccia-Agnelli
PRESUNTE SPIE ITALIANE AL SERVIZIO DI MOSCA. -Atre rivelazioni. Secondo le  memorie di Mitrokin, i sovietici dopo la guerra avevano piazzato uomini chiave in numerosi ed importanti ministeri europei. In Italia 2 spie, chiamate Questor e Censor, avrebbero passato tutti i segreti del Viminale. Ma "talpe" sarebbero state presenti pure alla Farnesina e nelle ambasciate italiane nei paesi dell'est, e particolarmente esteso lo spionaggio industriale. Ma il KGB, si sarebbe preoccupato anche di avere contatti nel mondo dell'informazione, perche' la stampa non creasse un clima sfavorevole all'Unione Sovietica. Dal mondo politico finora l'unica dichiarazione e' stata quelle dell'ex ambasciatore nei paesi dell'est Aillaud "nessuna rete di spie, mi pare che oggi a Mosca si faccia di tutto per vendere segreti che non esistono".
TIMOR EST.- GIAKARTA cede: si definitivo all'invio di un contingente di pace per ristabilire l'ordine sull'isola. 

16 SETTEMBRE V (107 gg. al 2000)  PARLAMENTO EUROPEO - FIDUCIA A PRODI. Anche il Polo a Bruxelles ha votato la fiducia alla commissione europea presieduta da Prodi che , con un voto a larga maggioranza pure dei conservatori, governera' fino al 2005. Tra le forze italiane il no di Rifondazione e della Lega, con l'eccezione di Formentini. Cio' rischia di creare un nuovo strappo nel partito di Bossi. Speroni attacca "quello di Formentini e' un atto grave, che va sanzionato", ma l'ex sindaco di Milano dice "io non vorrei lasciare la Lega, ma bisogna uscire dalla logica dello scontro frontale, evitare l'isolamento, rischiamo di consegnare il paese a Berlusconi". Ed intanto Dell'Utri (FI), dopo le polemiche, rinuncia alla presidenza della commissione europea sulla giustizia.
PROBLEMA SICUREZZA.- Un sondaggio fra i commercianti del nord rivela che il 18% e' disposto ad acquistare un'arma, mentre il 6% gia' la possiede. Diliberto, ministro della giustizia, dice "e' ora di frenare le scarcerazioni facili e di accelerare i processi per direttissima, altrimenti si lascia spazio alla demagogia della destra" 
POLITICA ITALIANA- SARDEGNA O ......LOMBARDIA? Salta la nomina di PILI (appoggiata dal Polo, ma sfiduciata dall'editore Grauso) alla presidenza della Sardegna. Pili e' accusato di aver copiato intere parti del suo programma da quello che Formigoni presento' 4 anni fa per la Lombardia. Lui replica "si sono estrapolati concetti da un contesto piu' ampio, da Formigoni ho preso si e no 4 pagine". Ma a destare piu' clamore e' il passo in cui si parla di Sardegna regione con 11 provincie (quante ne ha la Lombardia), quando l'isola ne ha solo 4.

17 SETTEMBRE S (106 gg. al 2000)   - EMERGENZA CRIMINALITA' - D'AMBROSIO, procuratore di Milano, "non mi sorprende che stia salendo il numero delle persone disposte ad armarsi, se lo Stato non garantisce protezione, la gente finira' col difendersi da sola". Ed intanto in provincia di Brescia un imprenditore spara ed uccide un ladro che tentava di entrare in casa. L'uomo dice "volevo solo spaventarlo", e nella zona nessuno lo condanna "tutti noi avremmo fatto lo stesso".
POLITICA ITALIANA - Berlusconi "non deve stupire che a Bruxelles il Polo abbai votato per Prodi, il suo programma e' come il nostro", ma dai DS si risponde "Berlusconi vorrebbe appropriarsi di Prodi ed avvicinarlo sempre piu' al Partito Popolare Europeo, ma si sbaglia, Prodi restera' nel centrosinistra" - FORMENTINI "non penso che Bossi mi cacci per aver votato la fiducia a Prodi, ma deve sapere che faro' di tutto per uscire dall'angolo in cui ci siamo rinchiusi, faro' di tutto perche' Berlusconi non prenda il potere"
MOSCA - TERZA BOMBA IN POCHI GIORNI. A Volgodonsk, vicino una centrale nucleare, esplode un ordigno che causa 17 morti. - TIMOR EST Si preparano a partire pure 600 militari italiani, il contingente internazionale sara' di 8000 uomini e a guida australiana.

18 SETTEMBRE D (105 gg. al 2000)  - QUESTIONE SICUREZZA. - Parla Vigna "agire presto, temo il dilagare della giustizia fai da te", dopo D'Ambrosio quindi, anche il superprocuratore antimafia lancia l'allarme. Per Violante "bisogna dare piu' poteri alla polizia, va garantita prima la sicurezza e poi la giustizia". Ma tra i Poli la polemica continua, Fini ribadisce ancora "solo noi siamo in grado di affrontare l'emergenza criminalita', e' da tempo che ne parliamo, il governo arriva tardi";  e da sinistra "il Polo vorrebbe essere giustizialista coi poveracci e garantista con l'imputato eccellente" - PAR CONDICO. - Proposta del Polo: spot a pagamento con parita' di condizioni sulle tv private, spazi gratuiti sulle pubbliche in proporzione alla consistenza di ogni partito. Mussi "aperture positive, ma il nodo resta il solito: o vietiamo tutti gli spot, o li lasciamo tutti gratuiti".
PARLA ANDREW, l'autore del libro che raccoglie le memorie di Mitrokin "sono documenti attendibili, in Italia l'arruolamento comincio' nel primissimo dopoguerra, quando il PCI era al governo e cospicui furono i finanziamenti dell'URSS per le campagne elettorali, i russi pero' volevano screditare Berlinguer dopo lo strappo con Mosca".
ESTERI - L'Algeria dopo lunghi anni di terrore fuori dai tempi bui? Il 98% degli algerini dice si al referendum che sancisce il "piano di riconciliazione" del presidente Bouteflika.  Verrano amnistiati quei detenuti islamici non resisi responsabili di massacri indiscriminati.

19 SETTEMBRE L (104 gg. al 2000)  - EMERGENZA CRIMINALITA' - Il Polo contro le misure anticriminalita' del governo "vogliono creare un vero stato di polizia , avremo PM- sceriffi arbitri unici della politica criminale"  Folena (DS) risponde "incredibile, prima ci danno di lassisti, ora quasi di volere un colpo di stato, la verita' e' che il Polo continua a non avere un progetto e fa solo propaganda" Ed intanto Di Pietro intervistato dal TEMPO dice "so che dentro AN c'e' disagio verso Berlusconi, la cui posizione sulla giustizia e' impresentabile, alla base della criminalita' c'e' anche quel centrodestra che per anni ha demonizzato i PM e le forze dell'ordine, mescolando a causa di Berlusconi interessi personali con vicende collettive.
POLITICA ITALIANA - Veltroni si dice favorevole al referendum di AN per l'abolizione della quota proporzionale e scatena la bagarre nel centrosinistra: i Verdi si dicono "in totale disaccordo", i socialisti ribattono "ma che fa vuole accordarsi a Fini?" e Mastella "la legge deve essere fatta in parlamento".
MUORE LEO VALIANI. A 90 anni scompare uno dei padri della Repubblica. Arrestato  come antifascista riusci' ad evadere finche' nel 1944 fu segretario del Partito d'Azione nel nord Italia. Dopo la guerra fu eletto all' assemblea costituente. Scrisse numerosi saggi storici e lavoro' al Corriere della Sera diretto da Spadolini, nel 1980 Pertini lo proclamo' senatore a vita. 

20 SETTEMBRE M (103 gg. al 2000) - Il EMERGENZA CRIMINALITA' - Il governo presenta il "pacchetto anticriminalita'": piu' rigore nella concessione di benefici ai detenuti, obbligo per il pubblico ministero di procedere per direttissima in caso di flagranza e pene piu' severe per furti e scippi, ma su altre questioni quali l'uso del braccialetto elettronico per detenuti agli arresti domiciliari e le norme sulle scarcerazioni restano divisioni nella maggioranza. -Intanto D'Ambrosio rivolto al Polo dice "l'opposizione si e' mossa in ritardo, se avevano delle proposte dovevano farle prima, altrimenti che opposizione e'? Lo dissi pure ad un congresso di Forza Italia e venni applaudito". Gasparri (AN) risponde "e' dal 1997 che le proposte le presentiamo , la colpa dei ritardi e' solo del parlamento, e da FI si precisa "D'Ambrosio faccia il suo mestiere, non faccia il politico". 
- POLITICA - TORNA A PARLARE PANNELLA. "temo un golpe sui referendum e sulla nostra rivoluzione liberale da parte del partito della conservazione ovvero D'Alema, Cofferati, Berlusconi e Fossa." E proprio su questo tema, i referendum, torna il malumore dentro AN; la cosiddetta ala sociale del partito, nella persona di Adriana Poli Bortone, critica duramente Fini per la sua strategia referendaria e per il sostegno ai radicali "AN si sta omologando, non sappiamo piu' cosa siamo, come si fa a sostenere i quesiti dei radicali? Pannella per certi versi e' peggio di Bertinotti!" -  PERUGIA. Processo ANDREOTTI  alla stretta finale. I giudici entrano in camera di consiglio, dovranno decidere se,come sostiene l'accusa Andreotti fu davvero il mandante dell'omicido del giornalista Mino Pecorelli.
GERMANIA - ELEZIONI IN SASSONIA. Scroheder ormai alla deriva. L'ennesima sconfitta nelle regionali si trasforma stavolta in un tracollo totale: la CDU vince, ma la SPD del cancelliere scende all'11% addirittura doppiata dai neocomunisti della PDS.

21 SETTEMBRE M (102 gg. al 2000) - - QUESTIONE SICUREZZA - 'Alema annuncia che nella prossima finanziaria oltre 900 miliardi saranno stanziati per assumere piu' di 1000 nuovi magistrati ed aumentare gli organici di polizia. Ma dal Polo, Berlusconi attacca "la sinistra confonde garantismo col perdonismo , nei primi di ottobre il Polo delle liberta' lanciera' il Security day in cui illustreremo quelle che sono le nostre proposte contro il crimine, la sinistra vuole solo leggi speciali e PM onnipotenti." Mattarella , vicepresidente del consiglio, in un'intervista al Corriere risponde "servono provvedimenti reali, e li stiamo prendendo, e non slogan".
ECONOMIA - Il FMI promuove l'Italia "annunciata una forte ripresa nel 2000, con un tasso di crescita doppio rispetto a quello dell'anno corrente". E' MORTA RAISSA GORBACIOV. La moglie dell'ultimo leader sovietico e' deceduta in Germania all'eta' di 67 anni. Da alcuni mesi le era stata riscontrata una grave forma di leucemia.

>
22
SETTEMBRE G (101 gg. al 2000) -  CASINI (CCD), "si deve poter sparare agli scafisti in certi casi, con quelle persone che scaricano sulle nostre coste centinaia di immigrati possiamo dirci in guerra, e oggi bisogna sparare se necessario" e Fini aggiunge "e' giusto, le forze dell'ordine devono essere messe in condizione di potersi difendere". A rispondere e' direttamente D'Alema "sconcertante, pensare che fino ad ieri ci accusavano di volere uno stato di polizia", e da sinistra si aggiunge "dietro queste dichiarazioni c'e' il fatto che il Polo si sta vedendo sfilare quella che credeva essere una sua bandiera, ovvero la sicurezza e reagisce in modo demagogico".
ESTERI - Le forze dell'ONU sbarcano a Timor Est. La capitale Dili, dopo 2 settimane in balia delle milizie, e' ormai una citta' fantasma.

23 SETTEMBRE V (100 gg. al 2000) - ECONOMIA ITALIA -Il governo alcuni provvedimenti della nuova finanziaria. Sara' di 15 mila miliardi e prevede , tra le misure principali, sconti tributari per le famiglie a basso reddito e la riduzione dell'aliquota irpef dal 27% AL 26%. D'Alema "e' la piu leggera di sempre", tra i sindacati solo la Cisl esprime dubbi. Per il Polo "non c'e' niente di nuovo, non ve nella direzione dello sviluppo". - POLITICA - Berlusconi contro il referendum di Fini."meglio la legge fatta in parlamento del quesito contro il proporzionale, che di sicuro la Consulta bocciera'" -  PRIMO SI ALLA CAMERA ALLA RIFORMA DELLA SCUOLA  - Addio ad elementari e medie. Ci sara' un primo ciclo di 7 anni ed un ciclo secondario di 5 diviso in indirizzi specifici.

24 SETTEMBRE S (99 gg. al 2000) - POLITICA -AN difende il suo referendum "Berlusconi si sbaglia, la Consulta non lo bocciera'". Ma sulla questione torna il freddo nei rapporti fra AN e FI, Maceratini, uno degli esponenti di AN considerato piu' vicino a Berlusconi dice "stiamo marciando divisi, speriamo almeno di colpire uniti", e Segni, che sostiene il referendum di Fini pur non essendo piu' alleato di AN "Berlusconi vuole creare una campagna di intimidazione contro il quesito, ma non sara' cosi', questo paese e' piu' serio di quanto Berlusconi non creda".  Intanto Di Pietro si rivolge direttamente a Fini e dice "Berlusconi ti sta usando, stai diventando il suo portavoti, AN rischia di scomparire", ma l'ex pm  attacca poi direttamente il leader del Polo sull' annosa questione della giustizia "ricordo che Berlusconi aveva detto diverso tempo fa di aver appreso da 2 testimoni [2 CARABINIERI] prove agghiaccianti di mie manovre contro di lui, quei 2 testimoni ieri hanno patteggiato un anno e 8 mesi per calunnia; allora sa dirmi Berlusconi quali erano i particolari agghiaccianti?" Da FI risponde La Loggia (capogruppo al Senato) "Di Pietro e' accecato dalla sua arroganza politica, da lui non accettiamo lezioni". PAR CONDICIO Il dialogo resta difficile fra i Poli: il governo afferma di non avere intenzione di modificare la legge che proibisce tutti gli spot, i rappresentanti del Polo lasciano per protesta la commissione Affari Costituzionali in cui appunto si discuteva di par condicio. - ECONOMIA- Ritorna l'inflazione. Aumento del 1,9% a causa del prezzo della benzina e delle  bollette.

25 SETTEMBRE D (98 gg. al 2000) -  ASSOLTO ANDREOTTI  - Dopo 102 ore di camera di consiglio la Corte d'Assise di Perugia emette il verdetto: tutti assolti gli imputati per il delitto Pecorelli. Tra essi, oltre ad  Andreotti, figuravano l'ex magistrato Vitalone, i boss Gaetano Badalamenti e Pippo Calo' oltre ai due presunti esecutori materiali del delitto. L'accusa, basandosi su dichiarazioni di pentiti fra i quali Tommaso Buscetta, sosteneva che  l'omicidio fosse stato voluto da Andreotti e Vitalone, perche' il giornalista Mino Pecorelli era a conoscenza di segreti sul caso Moro e sullo scandalo Italcasse. Badalamenti e Calo' avrebbero poi organizzato le modalita' dell'assassinio incaricandone Michelangelo La Barbera (giudicato un affiliato di Cosa Nostra) e l' ex terrorista nero Massimo Carminati. Tutti assolti per non aver commesso il fatto. Andreotti "non avevo perso fiducia nella giustizia, si chiude una pagina dolorosa, non cerco rivincite, sapevo di avere ragione, ma occorreva qualcuno che me la dasse". Inevitabile la ridda di dichiarazioni politiche. Dal Polo parte un duro attacco al sistema dei pentiti; Berlusconi "si conclude, almeno spero, l'era dei teoremi folli, questo processo e' stato un danno incalcolabile  oltre che per Andreotti per il paese stesso". E da FI si aggiunge "bisogna rivedere la legge sui pentiti , chi ripaghera' Andreotti delle umiliazioni subite?" Esultano intanto tutti gli ex-DC dei due schieramenti "la storia va riscritta," dicono all'unisono "la DC non era una banda di mascalzoni". Grande soddisfazione anche dal Vaticano. A sinistra Veltroni dice "rispetto la sentenza , ma non accettero' il linciaggio dei magistrati, e comunque lo vedete che si puo' avere fiducia nella magistratura?", Di Pietro "merita rispetto Andreotti per come ha affrontato gli anni del processo, ma la sentenza smentisce anche tutti quelli che parlano di tribunali "politicizzati". Bertinotti, segretario di Rifondazione, "resta sempre aperto il giudizio politico sulla DC e sui suoi rapporti con lo stato e tutte le strutture occulte". E Bossi, segretario della Lega, afferma "vince la ragione di stato, la questione nazionale romana, non certo la lotta alla mafia". Ed adesso inevitabilmente l'attenzione si concentra sull'altro processo che vede Andreotti imputato, a Palermo, con l'accusa di aver avuto rapporti con i boss mafiosi. 

26 SETTEMBRE L (97 gg. al 2000) -  BUFERA SUI PENTITI - Del Turco, presidente commissione Antimafia, "dei pentiti si e' fatto un uso sbagliato, la legge va rivista al piu' presto", dichiarazioni che trovano il pieno consenso di Forza Italia. E duro sulla questione e' pure l'Osservatore Romano, quotidiano della Santa Sede "la sentenza su Andreotti ha travolto la partitocrazia e tutto il sistema dei pentiti". Fini intanto frena gli entusiasmi di FI "la legge sui pentiti va di sicuro rivista, tuttavia questa sentenza assolve Andreotti e non l'andreottismo" E Leopoldo Elia (PPI) attacca direttamente Forza Italia "oggi FI esulta, ma ci sono imputati che dovrebbero prendere esempio da Andreotti che ha affrontato il processo senza polemiche o sparate antimagistratura e non si e' sottratto al giudizio dei giudici, vero esempio di stile civico che qualcuno altro dovrebbe imparare" Il riferimento e' chiaramente a Berlusconi e soprattutto Previti, che ha saltato diverse udienze di processi nei suoi confronti adducendo come giustificazione gli impegni di parlamentare. POLITICA  - Altro importante addio nella Lega , se ne va Formentini. L'ex sindaco di Milano, da tempo critico col partito, decide di lasciarlo "la Lega si e' chiusa in un angolo"dice Formentini," ed adesso e' indecente che ci siano tentazioni di alleanza col Polo, la destra e' impresentabile, avremmo dovuto guardare al centrosinistra". Bossi "e' un gesto squalificante ed un vero suicidio politico quello di Formentini , tra l'altro prima si e' fatto eleggere eurodeputato e poi ci lascia" Tra i due Poli intanto dialogo sempre piu' lontano sulla questione delle riforma costituzionali , Veltroni "Berlusconi e' un irresponsabile, basta pastrocchi consociativi col Polo, ritroviamo l'unita' e rilanciamo un nuovo Ulivo"; e Fini "nessun dialogo col governo, la nostra sara' un'opposizione durissima". 

27 SETTEMBRE M (96 gg. al 2000) -  27 SETTEMBRE Di Pietro "sì ad un'inchiesta su Tangentopoli" lo dice in una lettera al Corriere della Sera in cui aggiunge "la sentenza Andreotti sta rinfocolando la polemica contro i giudici, io so che le procure di Milano e Palermo non hanno niente da temere ed allora adesso l'unico modo per imbrigliare i potenti e' metterli di fronte alle loro responsabilita'; facciamo quindi l'inchiesta parlamentare, vedrete che la magistratura non ha nulla da nascondere". Sui pentiti intanto interviene Vigna, superprocuratore Antimafia "i collaboratori di giustizia, come io li chiamo e non pentiti, restano indispensabili se vogliamo indagini ben fatte, serve solo piu' rigore, impedire i contatti tra loro ed evitare dichiarazioni a rate, quello che sanno lo devono dire tutto e subito". Ed a Repubblica uno dei giudici popolari del processo Andreotti, restando chiaramente anonimo, dice "la nostra decisione di assolverlo e' stata unanime, valutando i racconti dei pentiti, abbiamo visto che non c'erano prove e nessuno di noi ha avuto dubbi". 

28 SETTEMBRE M (95 gg. al 2000) -  DOPO LA PROPOSTA FATTA DA DI PIETRO PER UNA COMMISSIONE D'INCHIESTA SU TANGENTOPOLI. I DS " siamo contrari, e' una cosa morta e sepolta", ma all'interno della maggioranza i socialisti di Boselli attaccano "se rifiutano l'inchiesta danno l'impressione di avere qualcosa da nascondere", ed intanto anche il PPI si dimostra favorevole. Cautela nei commenti del Polo dove si mette in evidenza come la proposta di una commissione d'inchiesta l'avesse gia' in passato fatta il centrodestra, FI "noi eravamo compatti nel crearla, ma la maggioranza era divisa", ed il CCD "dubitiamo che Di Pietro mantenga questa linea". Intanto e' oggi Fini a pubblicare una lettera sul Corriere in cui invita a riaprire il capitolo sulla cosiddetta Gladio Rossa, ovvero quella presunta struttura di vigilanza del PCI che avrebbe addestrato per anni militanti comunisti sotto la supervisione di Mosca", inchiesta archiviata nel 1994. 
SUPERVERTICE ANTICRIMINALITA'. 500 tra prefetti , questori e capi di polizia e carabinieri riuniti da D'Alema a Roma per discutere le proposte del governo e decidere su quali ulteriori provvedimenti prendere contro la criminalita'. D'Alema "l'Italia non e' il far-west , ma si deve fare di piu' , presidiare il territorio, garantire la certezza della pena e lottare contro il degrado delle citta'" e aggiunge "in futuro avremo meno agenti nelle caserme e di piu' sulle strade per meglio tutelare i cittadini". 
ESTERI -  TIMOR EST. Eccidio di religiosi. Prosegue con difficolta' il tentativo di riportare la pace sull'isola. I miliziani filoindonesiani massacrano 9 religiosi, fra cui una suora italiana. 

29 SETTEMBRE G (94 gg. al 2000) - COMMISSIONE D'INCHIESTA SU TANGENTOPOLI. - APERTURA DEI DS. Veltroni"va bene l'indagine, ma la si affidi ad un comitato di saggi super partes nominati dai presidenti di Camera e Senato". E' una proposta che ricompatta la maggioranza e trova una cauta disponibilita' anche nel Polo. E Borrelli, procuratore generale di Milano, dice "indaghino pure, noi non abbiamo niente da temere" -- PAR CONDICIO - Nuova proposta del governo "no alla totale proibizione di spot, ma devono essere vietati nell'imminenza delle elezioni", il Polo risponde "ancora non ci siamo, rendiamoli almeno permessi sulle tv locali prima delle elezioni". - IMBARAZZANTE ERRORE. Lo Stato si dimentica della strage del 1973. Alla ripresa del processo per la bomba che nel 1973 scoppio' alla questura milanese provocando 4 morti lo Stato non si presenta parte civile contro il responsabile dell'atto (Gianfranco Bertoli). Infuriata la Jervolino, ministro dell'Interno "cio' e' gravissimo ed e' avvenuto all'insaputa del ministro". 4 funzionari del Viminale rischiano adesso il posto per aver commesso l'errore. 
ESTERI -  GERMANIA Dopo le continue sconfitte dei mesi precedenti la SPD di SCHROEDER si risolleva nelle elezioni regionali Dopo le continue sconfitte dei mesi precedenti la SPD di SCHROEDER si risolleva nelle elezioni regionali nella RUHR, e nei ballottaggi conserva roccaforti storiche per la socialdemocrazia come soprattutto a Dortmund.

30 SETTEMBRE V (93 gg. al 2000) -  - POLITICA E GIUSTIZIA - "Si indaghi su Berlusconi per le stragi di mafia del 1992", a parlare e' il PM Anna Palma durante la requisitoria , a Caltanissetta, del processo sull'omicidio Borsellino, "in quel periodo i boss avevano rapporti sufficientemente provati con Berlusconi e Dell'Utri, dato questo che va ulteriormente approfondito, ovvero va capito se la strage fu compiuta dalla mafia ad insaputa dei suoi interlocutori o fu suggerita". Molto dura la reazione di Berlusconi "pazzie solo pazzie" e Pisanu, capogruppo FI alla camera "fanno di tutto per distruggere Berlusconi" e Tiziana Maiolo aggiunge "intervenga il CSM, quel tribunale rischia di diventare un manicomio".  -- POLITICA - CONGRESSO DEL PPI. Nel suo discorso introduttivo Marini attacca i DS per quelle che chiama "voglie egemoniche all'interno della coalizione". Intanto pare Castagnetti il piu' probabile successore alla guida del partito al posto dello stesso Marini.

IN BREVE DALL'ITALIA

3 - Il Consiglio dei ministri approva il disegno di legge per la graduale abolizione del servizio militare di leva.
3 - 1.200 kg di cocaina sequestrati a Gioia Tauro. E' il sequestro piu' grande mai effettuato in Europa.
3 - Con la trasformazione in societa' per azioni dell'EAMO cade l'ultimo residuo delle partecipazioni statali.
14 - Opas delle Generali-Mediobanca sull'Ina. il Consiglio d'amministrazione dell'Ina definisce 'ostile' l'offerta.
17 - D'Alema firma il decreto sulla vendita dell'Enel. La golden share sara' mantenuta almeno per cinque anni.
17 - Muore l'attore Riccardo Cucciolla, 75 anni.
18 - Muore il senatore a vita Leo Valiani, 90 anni. 
24 - Processo Pecorelli: la corte d'Assise di Perugia assolve il sen. Giulio Andreotti e Claudio Vitalone.
29 - Quattro ergastoli per l'uccisione del giudice Livatino.
29 - Renato Ruggiero si dimette da presidente dell'Eni.
29 - La Camera approva la legge che istituisce il servizio militare volontario femminile.
29 - Il Consiglio dei ministri approva la finanziaria, che  prevede una riduzione della spesa per 15.000 miliardi.
29 - Il Senato approva in via definitiva la legge costituzionale per il voto degli italiani all'estero.
30 - Festa per il restauro della facciata di S.Pietro. 
ALTRI TITOLI DI GIORNALI
1   Cofferati apre sulla riforma delle pensioni: metodo contributivo per tutti ed accesso dei dipendenti al «trattamento di fine rapporto».
2   Forti critiche di Confindustria all’esproprio del trattamento di fine rapporto. Contrari all’apertura di Cofferati anche D’Antoni e, un po’ meno, Larizza. Parisi dice che D’Alema potrà continuare a fare il presidente del Consiglio.
3   Il governo vara la trasformazione da esercito di leva a esercito di professionisti. Opposizione dei comunisti italiani. Parisi non va da Mastella a Telese.
4   Scalfaro torna alla politica, attacca Berlusconi e sponsorizza Franceschini. Fossa disponibile a trattare sulle liquidazioni future. D’Antoni chiede un referendum fra gli iscritti contro l’applicazione a tutti i lavoratori del metodo contributivo.
5   Agnelli afferma che, senza stabilità dei governi, l’Italia perde competitività. D’Alema offre a Berlusconi di fare le riforme. Fini dice che le riforme le farà il referendum.
8   Cossiga propone un «grandissimo centro» che vada da Prodi ad Amato. I democratici rispondono che preferiscono lavorare per un centro-sinistra e non per la gamba del centro.
9   Successo del vertice di maggioranza: promesse di riforme ed elezioni nel 2001.
10   Fini divorzia da Segni: liste separate alle regionali. Il presidente della Repubblica a Napoli: lavoro e riforma elettorale.
13   Ciampi incontra Berlusconi per sbloccare le riforme.
14   Le Assicurazioni generali di Trieste annunciano un’o.p.a. ostile nei confronti dellIstituto nazionale delle assicurazioni (Ina).
15   Il neoeletto presidente della giunta sarda Mauro Pili (FI) è subito sfiduciato perché ha copiato la dichiarazione programmatica da quella di Formigoni, presidente della Lombardia.
16   Discorso di commiato di Prodi a Montecitorio: «lascio il Parlamento, non l’Italia».
17   La politica si accorge dell’allarme quotidiano per la criminalità. Violante: «la sicurezza viene prima della giustizia». Il giudice per le indagini preliminari di Milano rigetta l’ennesima richiesta di rinvio per assenza giustificata presentata da Previti.
18   Muore a Milano il novantenne senatore a vita Leo Valiani.
21   Seminario dei ministri per affinare il programma degli ultimi 500 giorni: occupazione e lotta alla criminalità in primo piano.
22   Il segretario della Cisl D’Antoni critica duramente la legge Finanziaria del governo.
24   La giuria di Perugia assolve Andreotti e Vitalone «per non avere commesso il fatto», ossia per non avere ordinato l’assassinio del giornalista Pecorelli.
25   In chiusura della festa dell’Unità, Veltroni rilancia l’Ulivo.
27   Incontro, senza precedenti, fra il presidente del Consiglio D’Alema, il ministro degli Interni Jervolino e circa 500 prefetti, questori e comandanti delle forze dell’ordine sul tema «combattere la criminalità».
28   Si apre il dibattito su una commissione d’indagine su «tangentopoli» riproposta da Di Pietro.
29   Il governo vara una legge Finanziaria leggera da 15.000 miliardi.
30   Al congresso del Ppi, Marini rilancia il centro-sinistra contro l’egemonia Ds. Gli amministratori locali del centro-sinistra rilanciano l’Ulivo come soggetto politico.

NEL MONDO

1 - ARGENTINA: precipita un aereo dopo il decollo dall' aeroporto di Buenos Aires. Muoiono 80 persone.
4 - MEDIO ORIENTE: a Sharm el Sheik (Egitto), israeliani e  palestinesi firmano gli accordi di 'Wye Plantation 2'.
4 - RUSSIA: a Buinaksk un'autobomba causa 64 morti. L'8 e il 13  due bombe esplodono a Mosca, 92 e 118 morti. Il 16 una bomba a Volgodonsk causa 17 morti. Sotto accusa gli islamici ceceni.
5 - TIMOR EST: milizie filoindonesiane danno il via ai  massacri. Alcune fonti stimano in 500-1.000 i morti, altre in
decine di migliaia. Circa 200 mila i timoresi est deportati.
 7 - GRECIA: una scossa di terremoto di magnitudo 5,9 con a nord di Atene causa 143 morti.
15 - TIMOR EST: l'Onu approva la risoluzione per l'invio di una Forza multinazionale di pace. Il 21 arrivano i primi soldati.
15 - UE: il Parlamento europeo concede la fiducia alla Commissione europea presieduta da Prodi. Il 17 giuramento.
16 - ALGERIA: referendum sulla 'concordia nazionale' voluto dal presidente Bouteflika. Votanti 85,03%. I si' sono il 98,6%.
20 - RUSSIA: muore in Germania per leucemia Raissa Gorbaciova.
21 - TAIWAN: una scossa di terremoto di magnitudo 7,6 con epicentro a sud-ovest di Taipei causa 2.105 morti.
30 - GIAPPONE: per un incidente nella centrale nucleare di Tokaimura restano contaminate 69 persone. 

SPORT

4 - F 1: il pilota brasiliano Rubens Barrichello andrà al team della Ferrari.
8 - Calcio: Euro 2000; Italia-Danimarca 2-3 a Napoli.
10 - Pallanuoto: Italia donne campione d'Europa.
11 - Atletica: Grand Prix a Bernard Barmasai e Gabriella Szabo.
11 - Pallanuoto: Italia bronzo ai campionati europei a Firenze.
12 - F 1: Gp d'Italia a Frentzen su Jordan.
12 - Pallavolo: Italia campione d'Europa a Vienna.
13 - Tennis: Us Open a Andre Agassi, che torna n. 1 mondiale.  Festeggia con Steffi Graf e nasce un amore.
13 - Calcio: si dimette Carolina Morace dalla panchina della Viterbese.
14 - Calcio: Champions league; Fiorentina-Arsenal 0-0 e Bayer Leverkusen-Lazio 1-1 nella prima giornata.
14 - F 1: Eddie Irvine passa alla Jaguar nel 2000.
15 - Calcio: Champions League; Chelsea-Milan 0-0.
22 - Calcio: Champions League; Barcellona-Fiorentina 4-2.
22 - Calcio: quattro giornate a Ba del Perugia con la prova tv.
25 - Pallavolo: Europei donne; a Roma bronzo per l'Italia.
26 - Ciclismo: il tedesco Jan Ullrich vince il Giro di Spagna.
26 - F 1: Johnny Herbert, su Stewart-Ford, vince il Gp d'Europa.
26 - Tennis: Italia salva della retrocessione in coppa Davis.
30 - Calcio: Coppa Uefa; le 5 italiane al secondo turno.

FINE SETTEMBRE 1999

PROSEGUI CON OTTOBRE 1999 >