HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

(pagine in continuo sviluppo  (sono graditi altri contributi o rettifiche)

< < Vedi QUI i singoli periodi in
"RIASSUNTI DELLA STORIA D'ITALIA"

ANNO 1404


*** Nasce  LEON BATTISTA ALBERTI
*** LE AMBIZIONI DI FILIPPO MARIA VISCONTI


VENEZIA, governata dal Doge STENO, quest'anno occupa Vicenza, Feltre, Belluno, Bassano. I veneziani si spingono fino a Verona, ma Padova resta dominio dei CARRARA. La città patavina diventa un fastidioso cuneo in mezzo ai territori della terra ferma veneziana.

Venezia non aveva tollerato  i Carrara  signori di Padova, che si erano alleati ai Genovesi durante la guerra di Chioggia. Anche se Venezia aveva vinto, la presenza così vicina dei Carrara seguitava a costituire una minaccia permanente della Repubblica. Dopo la ripresa delle ostilità, i Veneziani escogitano una alleanza con Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano. L' intera famiglia dei Carraresi viene catturata e trucidata. Segue poi la definitiva occupazione veneziana di Padova, Vicenza e Verona. Ma i problemi nascono ora con i Visconti.

Sono conquiste che da questo momento in poi,  Venezia divisa internamente (lo abbiamo già anticipato)   fra i fautori di una politica esclusivamente marittima e coloro che invece spingono un intervento nelle vicende di terraferma,  sarà non solo sempre più coinvolta nella terraferma in continue lotte per la supremazia  per non perdere ciò che ha conquistato, ma costantemente è costretta a subire al suo interno le critiche di questa sua politica, contrastata dal "partito del mare". 
Un clima non ideale quando inizierà fra breve una serie di guerre fino al 1420. Il doge Francesco FOSCARI dovrà faticare moltissimo per convincere i suoi concittadini ad allearsi ai Fiorentini per porre un freno alle ambizioni di FILIPPO MARIA VISCONTI che a sua volta preme da ovest per conquistare territori a est di Bergamo, poi di Brescia, e infine mira anche oltre Verona, cioè sul Veneto della Serenissima. Queste guerre dai veneziani saranno combattute con quasi sempre truppe mercenarie guidate da condottieri poco affidabili, fino alla Pace di Lodi del 1454, che sancirà solo un precario equilibrio fra le parti in lotta. A questa data, Venezia possiede un cospicuo dominio sulla terraferma, dal Friuli fino alla Lombardia con Bergamo e Brescia, ma per nulla sicura di conservarle.  Lo vedremo nei prossimi anni.

*** NOVITÀ ENERGIA. In Olanda entrano in funzioni I PRIMI MULINI A VENTO di origine araba, che a loro volta avevano mutuata l'invenzione dalla Cina ancora nell'anno 700. Erano particolarmente diffusi nelle campagne dove si utilizzavano per la macinazione dei cereali. Sempre in Cina era diffuso per lo stesso scopo il Carro Mulino, questo si recava e operava a domicilio dei piccoli agricoltori che disponevano solo  piccole quantita' di cereali e non avevano le attrezzature necessarie per la macinazione.
Ma in Italia quest'attrezzo-servizio non e' ancora comparso. Sarà introdotto molto piu' tardi.

In Olanda utilizzando i mulini e la vite di Archimede, sono impiegati per il drenaggio di vaste zone di territorio allagate con molta frequenza dalle acque del mare nelle alte maree. Costruendo degli sbarramenti (dighe), sono così isolati alcuni terreni che con il continuo e gratuito pompaggio delle acque, restituiscono vaste aree coltivabili o per i grandi pascoli di bovini.
Una tecnica che permetterà all'Olanda di recuperare dal mare dei vastissimi territori.

*** Nasce  LEON BATTISTA ALBERTI

Figlio illegittimo di Lorenzo Alberti, nacque a Genova il 14 febbraio 1404 dopo che la famiglia era stata bandita da Firenze ad opera degli Albizzi a causa del suo coinvolgimento nel tumulto dei Ciompi.

Poche notizie si hanno dei suoi primi studi: sappiamo che iniziarono a Venezia, dove il padre si trasferì per motivi di affari, e che continuarono nel 1415 prima a Padova, alla scuola del ciceroniano Gasparino Barzizza, poi a Bologna, dove frequentò la facoltà di diritto e dove nel 1421 ebbe la notizia della morte del padre. 
Gli anni seguenti dovette affrontare difficoltà ed amarezze causate da discordie e soprusi familiari 
Nel 1428 conseguì la laurea in diritto canonico, dopo aver studiato anche matematica e fisica. 
Trasferitosi nel 1428 a Firenze (dopo la revoca da parte della Signoria del bando che aveva colpito la sua famiglia) fu molto probabilmente (sino al 1431) in Francia e in Germania al seguito del cardinale Albergati.
Nel 1432 divenne segretario del patriarca di Grado, Biagio Molin, e fu da questi fatto nominare abbreviatore apostolico (notaio) alla corte pontificia. Rimase nell'orbita della corte papale fino al 1464, quando papa Paolo II abolì il collegio degli abbreviatori. Il legame con la corte papale gli permise di dedicarsi alla sua attività di letterato e di studioso senza più avere difficoltà finanziarie. 
Nel 1432 intanto aveva ottenuto il priorato di San Martino a Gangalandi presso Signa.
Nel 1435 seguì papa Eugenio IV a Firenze dove entrò in contatto con l'ambiente artistico fiorentino in cui operavano, tra gli altri, Brunelleschi, Ghiberti, Paolo Uccello e Luca della Robbia. 
Dal 1436 fu poi a Bologna e a Ferrara, dove nel 1438 si aprì il Concilio delle Chiese romana e bizantina.  Consulente per le opere architettoniche alla corte di Lionello d'Este a Ferrara nel 1438, si occupò in particolare del monumento equestre di Niccolò I e del campanile della cattedrale.
Nel 1439 tornò a Firenze dove organizzò nel 1441 il Certame coronario sul tema dell'amicizia. 
Nel 1444 fu nuovamente a Roma dove collaborò al programma di interventi urbanistici voluto da Niccolò V, dedicandosi in particolare alla sistemazione del Borgo Curiale, e soprintendendo al restauro di alcuni importanti monumenti antichi ( tra gli altri San Pietro e Santo Stefano Rotondo), alle opere di fortificazione e agli acquedotti.
Tra il 1447 e il 1451 si pone la costruzione di Palazzo Rucellai a Firenze; al 1450 circa risale il progetto per il Tempio Malatestiano di Rimini, al 1455 la facciata fiorentina di Santa Maria Novella (terminata nel 1470). Fu a Mantova nel 1459 con Pio II, dove soggiornò in occasione della celebre dieta per la crociata, nel 1463 e poi nel 1470 e 1471, ideò in questa città le chiese di San Sebastiano e Sant'Andrea. Al 1467-'70, in occasione di un ritorno a Firenze, risalgono infine la cappella del Santo Sepolcro in San Pancrazio e la tribuna della Santissima Annunziata. 
Morì a Roma nell'aprile del 1472.

Leon Battista Alberti è stato a lungo considerato come il modello dell’umanista, come l’uomo che più ha saputo incarnare l’Uomo Nuovo nato dall’Umanesimo, un uomo integrale e universale, che sa trarre dalla vita e dal mondo tutto ciò che questi gli possono offrire, un uomo fatto di anima e corpo, rivolto insieme al cielo e alla terra, libero seppure con i vincoli dati dalla fortuna. È questo l'uomo della città terrena, cui la religione non comanda più rinunce o ascesi, ma di "ben vivere, umanamente vivere questa vita che è pur dono di Dio, in questo mondo che è pur tempio di Dio" (Garin, Educazione umanistica, p. 7-8).

Seppure visse il momento della crisi dell’Umanesimo civile fiorentino, Alberti condivise ed incarnò almeno in parte questo modello, rivolgendo i suoi interessi a tutti i campi del sapere del tempo ed acquistando una conoscenza veramente enciclopedica. Fu infatti architetto, pittore, letterato, filosofo, musico, fisico, chimico, pedagogo e matematico, anticipando la figura di Leonardo da Vinci. Summa di questo sapere è l’architetto (non il filosofo) che diviene, nella prospettiva di Alberti, il modello

Insieme all’architetto dobbiamo ricordare anche il borghese, l’uomo d’affari ricco di una esperienza acquisita non sui libri, ma con la frequentazione degli uomini e della società

Il saggio dunque non è il filosofo, che Alberti identifica nel teologo-filosofo della tradizione scolastica, ma il pensatore non professionale e non professorale che ha imparato dagli artigiani e dalla natura a conoscere l’uomo e il mondo (Giannozzo, De familia, TF)

    Il ruolo degli studi classici nella formazione culturale dell'uomo ideale

  Nella costruzione dell’uomo ideale un ruolo di primo piano è esercitato, secondo gli Umanisti italiani del Quattrocento, dallo studio dei classici antichi. La filologia, nel suo sforzo di ripresentare i classici nel loro volto originario, assume il compito di educare gli uomini, ristabilendo il dialogo con i grandi del passato.

Alberti non contribuì ad aprire questa prospettiva, ne fu semmai un erede, lucido e critico laddove rifiutò atteggiamenti da epigono e da imitatore, peraltro non giudicati negativamente dagli intellettuali dell’epoca. Nella sua ambizione di essere considerato il nuovo Vitruvio, egli frequentò con assiduità i testi classici, ripetutamente citati, anche con sfoggio di erudizione, e presenti come punto di riferimento nelle sue opere, ma non cercò in essi modelli da copiare quanto piuttosto di apprendere da loro per "mettere innanzi nuove cose trovate da noi per vedere se gli si può acquistar pari o maggior lodi di loro (De Re Aedificatoria, I,9).

Oltre agli elementi classici presenti nelle opere di Alberti architetto, vanno qui ricordati alcuni aspetti che costituiscono lo sfondo sul quale Alberti costruisce il suo rapporto con gli antichi:

Pur muovendosi in un ambito già esplorato dagli umanisti italiani, Alberti sembra voler sgretolare e smembrare procedure e codificate per introdurre nei prodotti letterari che hanno come modello i classici, chiaroscuri, contrasti e un forte carattere di originalità.

    La questione della lingua

  Un aspetto particolare del rapporto con gli antichi riguarda la questione della lingua per la quale abbiamo la presa di posizione di Alberti nella lettera dedicatoria a Francesco d’Altobianco Alberti del Libro III del De familia. In essa Alberti fa propria la tesi sostenuta da Flavio Biondo nel De locutione romana in un dibattito avvenuto a Firenze nel 1435, secondo la quale in primo luogo nell’antica Roma vi era una sola lingua che aveva assunto due forme, il latino classico e quello di uso comune, ed in secondo luogo il volgare discende dal latino corrotto dopo la caduta dell’Impero per le invasioni straniere.

Secondo Alberti il volgare è in grado di esprimere qualunque contenuto e di rivolgersi ad un numero più ampio di persone. Per dare dignità letteraria al volgare e mostrarne le potenzialità espressive, è sufficiente, che i letterati comincino ad utilizzarlo rimediando alle sue mancanze sintattiche e lessicali tramite il latino. Questo atteggiamento ha una puntuale corrispondenza con la prosa albertiana ricca di latinismi, sia nel lessico, sia nella struttura sintattica delle frasi.

Si deve dunque rimarcare come Alberti compia pertanto un passo decisivo verso il superamento del pregiudizio secondo il quale il volgare non poteva essere utilizzato per trattare argomenti seri.

Le opere

A partire dal 1440 gli interessi tecnico-scientifici e artistici cominciarono a prevalere in Alberti rispetto a quelli letterari, con i quali aveva esordito.
Un primo esempio è lo scritto De equo animante (1441) in cui Alberti, utilizzando fonti sia antiche che moderne, descrive le forme e le caratteristiche del cavallo, il suo allevamento, le sue funzioni sia in pace sia in guerra.

Negli anni successivi si dedicò a questioni pratiche (la misurazione della città di Roma, il restauro di edifici, fontane e acquedotti, il recupero di una nave romana nel lago di Nemi) che troviamo descritte nelle sue opere a partire dal De re aedificatoria. Numerose descrizioni contenute in quest'opera testimoniano la competenza di Alberti nella tecnologia e nell'ingegneria idraulica.

Nei Ludi elaborò una serie di esercizi di matematica:

Nel De componenda statua definisce le misure proporzionali del corpo umano utilizzando il "definitore", uno strumento simile all'orizzonte graduato, costituito da un disco da porre sul capo con un regolo sporgente e un filo a piombo appeso, per fornire allo scultore i punti di riferimento di un ideale cilindro da cui ricavare la statua.

Il De componendis cifris è il primo trattato moderno di criptografia.

Nella Descriptio urbis Romae elaborò un metodo di eccezionale importanza per la cartografia basato sull'uso delle coordinate polari.

ANNO 1405


Papa INNOCENZO VII fugge da Roma da un popolo infuriato che riconosce solo l'antipapa avignonese BENEDETTO XIII. Le ostilità piu' che dal popolo provengono sempre dalle due fazioni, che manovrano intrighi e strumentalizzano ogni malcontento per sobillare la popolazione, e questa si schiera irrazionalmente ed emotivamente (spesso per ricevere consistenti donativi alimentari) ora per uno e ora per l'altro gruppo. I potenti nobili di entrambe le due fazioni hanno grandi interessi fondiari e godono privilegi concessi sia dal papa romano sia da quello avignonese.
Il Papa chiede protezione ai cittadini viterbesi dopo che Napoli, Genova e Pisa hanno riconosciuto come unico papa quello avignonese: Benedetto XIII.

*** Il cardinale DOMINICI, uno dei piu' autorevoli prelati, condanna severamente gli umanisti e il sapere "che non essendo filtrato dai maestri dell'insegnamento che san scegliere solo loro il bono dal cattivo, rischia di rovinar li menti delli giovini".

CONTINUA ANNO 1406 >