HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

vedi stesso periodo "RIASSUNTI STORIA D'ITALIA"

ANNO 1651

*** LUIGI XIV 14ENNE
*** INGHILTERRA - ATTO DI NAVIGAZIONE
*** INSURREZIONI IN POLONIA
*** I RUSSI SI ALLARGANO IN SIBERIA
*** NASCE LA "TONTINA" - L'ASSICURAZIONE VITA


*** FRANCIA - Luigi XIV compie 14 anni, quindi maggiorenne, è pronto a ricevere l'investitura regale, ma non ancora la solenne incoronazione che avverrà il 7 giugno del 1654 a Reims dopo la definitiva sconfitta della Fronda antimonarchica che aveva fatto temere la corona. 
Mazzarino che governa lo tiene sempre accanto a sè per la sua  la formazione politica e l'iniziazione alle sottigliezze della diplomazia, che costituiranno un esempio prezioso e non più dimenticato (ma più tardi sì) dal giovane re, che governò dopo la scomparsa del cardinale, per altri 54 anni. Con un periodo molto proficuo quando ebbe a disposizione dei geniali collaboratori; poi scomparsi loro iniziò a non essere più capace a guidare un governo, né a conservare la potenza della Francia, né riuscì a non fare appannare tutto quel prestigio che i suoi validi collaboratori erano riusciti a creargli attorno nelle altre corti europee. Fu validissimo per tanti altri motivi che diedero indubbiamente un'impronta a tutta un'epoca, ma non dimostrò nei suoi ultimi 25 anni di regno e di vita di essere un grande illuminato statista. 
Impegolato con la sua arroganza e prepotenza in due lunghe guerre europee (con tutti contro di lui) gli ultimi anni oltre la decadenza senile, conobbe e fece conoscere alla Francia il declino. Quando morì, tutta Parigi accese i fuochi dalla gioia, e anche il suo funerale avvenne quasi di nascosto.
Mentre Luigi XIV moriva, Federico II il Grande aveva tre anni, ma quando ereditò la modesta Prussia dal padre, pur adottando un assolutismo pari se non superiore al re di Francia, quando morì lasciò quella grande e potente Prussia dalla cui base nascerà il potente stato germanico, politico economico e in certi periodi anche egemonico. 

*** FRANCIA - L'arresto del principe Condè voluto da Mazzarino, non trova appoggi nella Fronda parlamentare, ne chiede il rilascio aprendo delle ostilità contro il cardinale che è costretto ad abbandonare Parigi, fuggire a Colonia. Poi si verifica  un rovesciamento della situazione, lo stesso Parlamento mette in stato d'accusa il Condè per tradimento. Un accusa non creata dalla fantasia, perchè in effetti Condè ha tentato, e sta ancora tentando di prendere contatti con truppe Spagnole, anche se sotto false spoglie sono mercenari, non volendosi Filippo IV re di Spagna compromettere.

*** INGHILTERRA - Rifugiatosi in Scozia dopo la duplice sconfitta subita nella sua offensiva dello scorso anno, Carlo II viene incoronato re d'Inghilterra il 1 gennaio a Score. Riorganizzato nuovamente un esercito tenta ancora una volta di penetrare in Inghilterra per riappropriarsi del suo palazzo e restaurarvi la monarchia.  Ma se lui non ha desistito, neppure Cromwell e i suoi uomini hanno rinunciato alla lotta; lo scontro finale avviene il 3 novembre a Worcester. L'esercito regio è sconfitto, e Carlo questa volta è costretto a fuggire all'estero, rifugiandosi in Francia.

Sull'economia c'è un importante provvedimento per tutte le navi mercantili del regno. Viene stilato il primo ATTO di NAVIGAZIONE inglese, che proibisce a qualsiasi nave di provenienza estera di trasportare e quindi scaricare merci nei porti inglesi. Si crea così un potente monopolio dei commerci di ogni genere che favorisce solo le navi inglesi, e ovviamente danneggia tutte quelle degli altri Paesi.
I più colpiti - ma erano proprio questi i principali motivi-  sono i commerci olandesi; queste limitazioni daranno origine a tre conflitti anglo-olandesi: quello del 1652-1654, quello del 1666-1667 e quello del 1672-1674. Che però non riusciranno a modificare nulla, permettendo così all'Impero britannico di consolidare la sua superiorità marittima su tutti i mari del mondo; senza altri notevoli impedimenti o contrasti con altri Paesi.
Già il prossimo anno l'Olanda viene anticipata nelle sue intenzioni bellicose. Con una guerra nemmeno dichiarata l'Inghilterra in luglio attacca una flotta olandase al largo della costa del Kent. A loro volta gli olandesi attaccheranno la flotta inglese a Dungeness.

*** POLONIA - Nonostante le insurrezioni in Ucraina dei cosacchi, sottoposti da alcuni anni dal re GIOVANNI II alle più peggiori condizioni di vita, si rifiuta di recedere da alcuni editti che hanno colpito pesantemente questa fiera popolazione; e  pur perdendo gli scontri con l'armato ed agguerrito esercito polacco- inizia a lottare ad oltranza. Infine andati a vuoto tutti i tentativi di poter con la legalità migliorare le proprie condizioni di vita,  ne come sono ridotti possono avere speranze di vincere da soli, chiedono allo zar di Russia Alessio di intervenire contro i polacchi con un suo esercito; la contropartita:  unione dell'Ucraina pronta ad accogliere la sovranità dei Romanov.
RUSSIA - Nello stesso periodo le truppe zariste, già con una forte volontà di espansionismo anche in oriente, sono in marcia per la conquista della Siberia, dove iniziano a fondare un fortino ad Arbazin.

*** Il banchiere L. TONTI con l'appoggio di MAZZARINO, applica per la 1ma volta una mutua assicurazione sulla vita. La Polizza prende il nome del suo inventore, viene infatti chiamata la "tontina". Un termine in uso fino a pochi decenni fa.

*** A Milano M.RICHINI edifica il
Palazzo di Brera

*** Thomas Hobbes pubblica il "Leviatano" che costituisce, insieme ai "Sei Libri della Repubblica" di Jean Bodin (1576), uno dei pilastri del pensiero politico ed è il compimento della teorizzazione della monarchia assoluta. Il punto di partenza di Hobbes è che nello stato di natura è in atto tra gli uomini una guerra di tutti contro tutti in cui "homo homini lupus". Per meglio difendersi gli uomini sono costretti a stringere un contratto in forza del quale essi cedono definitivamente i loro diritti naturali allo Stato la cui sovranità diventa in conseguenza di ciò assoluta e cioè indivisibile ed irrevocabile. Lo Stato diventa il Grande Leviatano dal nome di una creatura terrificante citata nella Bibbia.(By: Pier Paolo Chiapponi)

 CONTINUA ANNO 1652 >