HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

(pagine in continuo sviluppo  (sono graditi altri contributi o rettifiche)

vedi stesso periodo "RIASSUNTI STORIA D'ITALIA"

ANNO 1709

*** GUERRA DEL NORD
*** LA FRANCIA CONTRO TUTTI
*** LA SCOPERTA DI ERCOLANO SEPOLTA
*** INIZIA LA VERA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
"il metodo della fusione a coke: ferro = acciaio" 



*** RUSSIA-SVEZIA - GUERRA DEL NORD e come contorno LA GUERRA DI SUCCESSIONE POLACCA.
VEDI BATTAGLIA DI POLTAVA

Il contrasto  che portò alla battaglia di Poltava, fu l'alleanza tra la Danimarca, la Russia, la Sassonia e una fazione di nobili della Polonia, contro il belligerante CARLO XII, re di Svezia, che con atteggiamenti espansionistici peggiori di quella del padre, stava mettendo in pericolo un po' tutti, ma soprattutto egemonizzando i possedimenti svedesi nel Mar Baltico; in pericolo la stessa sopravvivenza dell'impero zarista, quando occupata la Polonia, il re svedese - come abbiamo letto lo scorso anno- partendo proprio dalla Polonia orientale si era spinto in Ucraina e stava già marciando su Mosca dirigendosi su Smolensk.
A Smolensk si fermò anche Gengis Khan, a Smolensk non ci sarà la fortuna per Carlo XII; si attarderà fatalmente anche in seguito Napoleone e ci perderà la guerra anche Hitler.

CARLO XII appena salito sul trono era totalmente cambiato. Iniziò (era già accaduto a molti, vedi gli imperatori romani e i tanti re successivi) a impossessarsi di lui la malattia "Alessandrite" (imitare il grande macedone) o a voler  ricalcare le orme Cesare.

Ecco come Voltaire ci descrive il carattere del re-soldato nel libro: "Carlo XII re di Svezia".
"...La sorpresa fu ancora maggiore, quando lo si vide rinunciare di colpo ai più innocenti divertimenti della giovinezza. Da quando si preparò alla guerra cominciò una vita del tutto nuova, dalla quale in seguito non si scostò mai, neppure un momento. Pieno dell'idea di Alessandro e Cesare, si propose di imitare in tutto, fuorchè nei vizi, quei due conquistatori. Non conobbe più fasto, giochi, svaghi; ridusse la mensa alla frugalità più severa. Aveva amato il lusso degli abiti: da allora vestì soltanto come un semplice soldato. Lo avevano sospettato di aver nutrito una passione per una dama della Corte: vero o no quest'intrigo, è certo che da allora rinunciò per sempre alle donne, non solo per timore d'esserne dominato, ma per dare l'esempio ai suoi soldati, che voleva costretti nella più rigorosa disciplina, o forse ancora per la vanità d'esser il solo di tutti i re che domasse un istinto così difficile da vincere. Decise pure d'astenersi dal vino per il resto della sua vita. Alcuni m'hanno detto che aveva preso questa decisione solo per domare in tutto la natura e per aggiungere una nuova virtù al suo eroismo"

L'offensiva svedese era iniziata in primavera, ma la strategia che adottarono i russi, fu quella di non attaccarli, ma continuamente ritirarsi per farli avanzare sul loro territorio. Non trovando rifornimenti nelle varie città che il re svedese occupava, per tutta l'estate iniziò a tardare la marcia verso il primo obiettivo: Smolensk dove pensava di trovare approvvigionamenti; ma fu deluso trovò una città morta, abbandonata. Per non farsi sorprendere dall'inverno, rimandò l'attacco a Mosca, deviò verso l'Ucraina (famosa già allora per i suoi granai), ci trascorse l'inverno, poi a primavera riprese la marcia verso Smolensk per poi puntare su Mosca. (la stessa cosa fece Hitler, e negli stessi posti)

Quello che accadde lo raccontiamo nella
BATTAGLIA DI POLTAVA.

All'indomani di questa decisiva battaglia, con Carlo in fuga verso Turchia, si ricostituisce  in Sassonia la lega anti-svedese, fra Federico di Prussia, lo zar Pietro, Federico di Danimarca e l'elettore di Sassonia Federico Augusto, che poco dopo caccerà dalla Polonia il re Stanislao LESZCZYNSKY messo sul trono da Carlo di Svezia. A schierarsi con il deposto re e quindi con quella fazione di nobili che lo avevano eletto accettando la scelta che aveva fatto Carlo II, è la Francia di Luigi XIV.
Significa mettersi contro la lega anti-svedese. Mentre ha già contro l'alleanza antifrancese, l' Inghilterra e l'impero degli Asburgo.
Una guerra - questa della successione polacca- che ha già assorbito e assorbirà preziose risorse di uomini e denari della Francia, proprio mentre quest'anno il paese è colpito da una grave carestia; ci sono rivolte di affamati represse dalle autorità;  viene colpito da una grave crisi un settore che si era da molti anni particolarmente diffuso nel mondo produttivo per la lavorazione, e nel mondo contadino per la coltivazione: la seta e la bachicoltura. La seta che in modo massiccio inizia ad arrivare dall'oriente manda in crisi tutto il settore.

Inoltre sul settore orientale proprio l'alleanza antifrancese, l' Inghilterra e l'Impero (che sono già in Italia, hanno messo le basi in Sardegna, e hanno dalla loro parte il ducato Sabaudo piemontese confinante con la Francia)  proseguendo l'azione sui Paesi Bassi, si sono impadroniti oltre che di Lilla, anche di Tournai dopo la più sanguinosa battaglia di Malplaquet persa dai Francesi, nella quale gli alleati hanno perso 20.000 uomini. Unica consolazione per le truppe di Luigi XIV l'occupazione di Mons.

A NAPOLI un turista francese scopre le Rovine di Ercolano, si studiano testi antichi, si riscopre la memorabile eruzione del Vesuvio, si immagina quindi cosa ci possa essere sotto i venti metri di fango, e subito inizia il saccheggio, scavando un po' dovunque senza criterio. Nasce sul luogo una nuova professione, il "tombarolo", disseppellendo opere d'arte straordinarie che prendono le mille vie del mondo. Solo più tardi verrà messo un freno al saccheggio; la nascente archeologia diventa una vera e propria scienza, con la scoperta del nostro passato, finora volutamente ignorato.

*** A Colonia, MARIA FARINA produce la sua famosa "acqua di colonia".

*
** In Inghilterra, nello Shropshire, un ingegnoso personaggio, ABRAHAM DARBY ha compiuto un esperimento, coronato da successo, che va a sconvolge la metallurgia mondiale. Ha inventato il procedimento dell'impiego del coke nella fusione del minerale di ferro. Siamo a una prima produzione dell'acciaio, non ancora omogeneo per la sua bassa percentuale di carbonio inferiore all'1,9%, ma già in grado di sconvolgere la produzione, che d'ora in avanti ottiene un metallo con una discreta resistenza che fino allora il ferro non possedeva. Quindi preziosissimo per l'impiego nella costruzione delle prime macchine in questa  prima fase della "rivoluzione industriale".
All'inizio del Settecento, tutte le conoscenze riguardanti la struttura del ferro e le differenze con la ghisa e l’acciaio, ed i processi produttivi per la loro formazione erano ignoti, nonostante si producesse ferro e acciaio ormai da vari millenni. I fabbri e i metallurgisti, continuavano a basarsi unicamente sulle esperienze acquisite e sulla ripetizione meccanica dei vari processi di produzione. 
Il procedimento  "convertitore" BESSEMER verrà solo nel 1855 dall'omonimo inventore, realizzando un acciaio a basso costo, che permetterà il decollo dei motori a vapore, delle navi d'acciaio, e soprattutto delle ferro
vie.
Ma è fra 10 anni che avviene una svolta nella vera siderurgia quando RENE ANTONINE  REAUMUR (1683-1757) nel 1722 pubblica un libro che segna una pietra miliare nella storia della siderurgia: “L'arte del convertire il ferro forgiato in acciaio e l'arte di addolcire il ferro fuso”.

(sulla STORIA DEL FERRO E LA RIVOLUZ. INDUSTRIALE  vedi qui)


*** Dipingono in questo periodo: WATTEAU e il BIBIENA.

 CONTINUA ANNO 1710 >