HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
DA 1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

ANNO 527 d.C.

( QUI riassunto dell'intero periodo ( di Amalasunta ) dal 526 al 536 ) >



*** LA BRUTTA EREDITA'  DI TEODORICO
*** LA POVERA AMALASUNTA
*** MUORE GIUSTINO - GIUSTINIANO IMPERATORE
*** AMALARICO ULTIMO RE VISIGOTO

 

La dominazione Ostrogota in Italia è scossa dalle fondamenta con la morte di TEODORICO e con l'editto che ora comincia ad essere applicato contro gli ariani privati del loro protettore, che devono lasciare ogni carica pubblica; e in queste cariche gli uomini di Teodorico erano a migliaia, data la natura stessa del suo governante. 

Oltre a questo la stessa successione è piuttosto difficile e come vedremo anche drammatica.

A sostituirlo sul trono come reggente è la figlia AMALASUNTA. Rispettando le volontà del padre in punto di morte, ha messo sul trono vacillante suo figlio ATALARICO; ma si deve preparare a cadere sotto le minacce degli ostrogoti che morto il grande TEODORICO non riconoscono questa successione (una donna e un bambino) ma vorrebbero mettere un nipote di Teodorico, TEODATO, un loro generale, che secondo loro non solo è poco filo-romano, ma essendo un uomo d'armi offre più garanzie.

 AMALASUNTA deve accettare a sposare il generale che è poi anche suo nipote, che così diventa consorte reggente. Ma si da' subito da fare per governare da solo senza questa donna che gli imbarazza il passo alle sfilate, e che essendo cresciuta alla corte di Ravenna, non ha nulla di ostrogoto, ma con l'educazione che ha ricevuto è una romana-bizantina. 

Teodato la fa arrestare con una scusa e la manda in esilio su un' isola del lago Bolsena. Questa pur essendo figlia di TEODORICO, -ariano che a Costantinopoli avevano condannato prima che lui morisse- è pure lei  ariana, ma chiede aiuto proprio a Giustiniano a Costantinopoli.
 Saputo dell'appello TEODATO la fa strangolare, ma la richiesta di aiuto è giunta a destinazione e offre il pretesto a GIUSTINIANO di accorrere all' invocazione, con le conseguenze che vedremo in tutti i suoi sviluppi.....

Anche la chiesa romana e il suo nuovo Papa, Felice IV, nonostante fosse stato scelto da TEODORICO, ha contatti con GIUSTINIANO. Vede finalmente per la chiesa e il suo clero la buona occasione per impossessarsi di tutto il potere che è ora con la morte di TEODORICO nella penisola quasi vacante, comunque precario con i successori a Ravenna intriganti e già in congiura tra di loro.
Inoltre l'allontanamento dei funzionari Ariani rispettando alla lettera le disposizione dell'Imperatore facilitano enormemente il compito. Insomma vede in un intervento armato bizantino sulla penisola un buon motivo per essere soddisfatto, e indubbiamente  lo sollecita.

*** AMALARICO ULTIMO RE VISIGOTO
IN SPAGNA AMALARICO re dei Visigoti , parente e seguace di TEODORICO, suo protettore ma anche sempre "padrone" del suo regno, con la sua morte crede di poter ora essere autonomo. Ma non ha fatto i conti con i Franchi, che per le stesse ragioni, non essendoci più Teodorico a difenderlo, subito minacciano di attaccarlo.
Vista la mala parata da buon opportunista non trova di meglio per sfuggire a questo pericolo, che allearsi con i figli di CLODOVEO, proprio quelli che padre e figli gli hanno fatto sempre guerra (loro cristiani convertiti, lui ariano come Teodorico).

 E' così opportunista e veloce che chiede di sposare CLOTILDE la figlia proprio di CLODOVEO sorella di Childiberto (quindi cristiana). E se questo doveva essere un matrimonio che univa, diventò invece il matrimonio della tragedia (alcuni dicono architettata congiura)

 AMALARICO lo abbiamo gia accennato, era ariano, e quando dopo averla impalmata cercò di convincere sua moglie a farsi anch'essa ariana, usando (forse) maniere forti, diede un buon pretesto a Clotilde per far intervenire nel '31 il fratello CHILDIBERTO, che sbaragliò in un baleno i Visigoti e fece  uccidere il cognato a tradimento da un certo Teute, che non era un franco, ma un goto di famiglia, ed era stato perfino reggente durante la minore età di Amalarico
 (riceverà per questa sua "prodezza" in premio una specie di governatorato della Spagna - non ha capito che invece è stato semplicemente usato - come vedremo nel 534)
 
Gregorio di Tours ci racconta che questa donna chiese aiuto al fratello perchè veniva continuamente maltrattata mentre adempieva ai precetti cristiani, e che il fratello "in difesa del Cristo sulla terra, non potè fare diversamente dopo essere stato chiamato dalla sorella che armarsi la mano con la giustizia divina" che significava appunto ucciderlo personalmente. 
Altri fonti invece ci dicono che Childerico acconsentì a dargli in sposa la sorella solo per farne una sua spia, e che questa si prestò volentieri per curiosare nell'esercito e nelle difese territoriali del visigoti, per poi passare le notizie al fratello. Che infatti poi con questi piani difensivi non più segreti, mise in trappola il suo esercito e fece assassinare Amalarico.
Una conclusione efferata che metterà - con i gravi contrasti interni per la successione-  definitivamente fine alla dinastia dei re visigoti.

*** MUORE GIUSTINO - GIUSTINIANO IMPERATORE

A COSTANTINOPOLI come abbiamo già anticipato lo scorso anno, muore l'imperatore GIUSTINO. Ma è una notizia quasi irrilevante, perché  imperatore era il nipote Giustiniano, non ufficialmente ma di fatto, anche se solo ora gli succede formalmente sul trono con la formula  "Io Giustiniano assieme a mia moglie il mio dolcissimo incantesimo". Così inizierà d'ora in avanti a chiamare TEODORA, ogni volta che parlerà in pubblico o inizierà il testo di un editto.

*** LONGOBARDI - Subito dopo la morte di Teodorico nel 526 si ha il primo segno dell'indebolimento della potenza ostrogota: infatti i Longobardi guidati da Vacone penetrano per la prima volta nel territorio parzialmente romanizzato della Pannonia ottenendo una grande vittoria contro gli Svevi che là risiedono (più precisamente nelle due province romane della Pannonia Superiore e della Valeria). Gli Svevi che fino a quel momento erano stati protetti da Teodorico devono adesso sottomettersi ai nuovi dominatori e si fondono completamente con loro.

 

CONTINUA ANNO 528 >