SCHEDE BIOGRAFICHE
PERSONAGGI
GIOVANNA D'ARCO


GIOVANNA D'ARCO

6 gennaio 1412

Giovanna nasce nella casa di Jacques d’Arc e della moglie Isabelle Romèe, nel villaggio di Domrèmy, nella contea di Bar, sulla riva sinistra della Mosa. Viene al mondo dopo tre maschi, i fratelli maggiori, Jacques, Jean e Pierre.

1425

All’età di 13 anni comincia a sentire una “voce divina” che le indicava la strada da seguire nella vita.

1428

Le “Voci” continuano a perseguitare Giovanna ripetendo sempre lo stesso messaggio: “Il regno di Francia è in pericolo e può essere salvato soltanto da un tuo intervento”.

Autunno 1428

La città di Orlèans è in grave pericolo: l’armata inglese del duca di Bedford sta per circondarla.

VEDI SOTTO IL RELATIVO LINK DEI FATTI BELLICI - ANNO 1429

12 ottobre 1428

Thomas de Montacute, conte di Salysbury in Inghilterra e conte di Pèrche in Francia, ha assunto il comando delle operazioni militari contro Orlèans. Per gli abitanti della città la situazione è molto critica.

17 ottobre 1428

Le artiglierie inglesi bombardano duramente il centro abitato di Orlèans.

12 febbraio 1429

Giovanna si presenta al comandante francese di Vaucouleurs e lo prega di inviarla al cospetto del Delfino di Francia, Carlo VII, perché gli possa riferire gli “ordini” ricevuti dalle “Voci”: liberare Orlèans con una grande vittoria militare e incoronare il Delfino a Reims.

23 febbraio 1429

Giovanna e la sua scorta arrivano nei pressi del castello reale di Chinon: gli uomini di guardia ne annunciano l’arrivo imminente.

Marzo 1429

Per ordine di Carlo VII, Giovanna è accolta nel castello dove le si concede una camera.

Aprile 1429

Giovanna, sotto la protezione del duca di Alencon, si stabilisce a Tours, dove incomincia a formare il gruppo di persone fidate e di armati che l’avrebbero scortata verso Orlèans.

27 aprile 1429

L’armata di soccorso, composta da circa 7.000 uomini, condotta da grandi capitani come Armagnac, La Hire, Gaucourt e dalla stessa Giovanna, inizia finalmente la marcia verso Orlèans. Era abbastanza difficile per quell’epoca vedere una donna marciare alla testa di un’armata.

28-29 aprile 1429

Nella notte Giovanna con il comandante La Hire e duecento lancieri, attraversa il fiume che costeggia Orlèans all’altezza di Reully, mentre il grosso dell’armata rimane dalla parte opposta del fiume, ed eludendo gli inglesi riesce ad entrare in Orlèans.

4 maggio 1429

Giovanna, preoccupata per le sorti dell’armata di cui non si hanno più notizie, decide di uscire dalla città con cinquecento uomini per cercare “i suoi soldati dispersi e abbandonati”. Senza essere ostacolata dagli inglesi, all’alba riesce a ricongiungersi con i suoi uomini.

6 maggio 1429

Dopo un ennesimo consiglio di guerra, la Pulzella ha deciso di attaccare le fortificazioni inglesi di Augustins e delle Tourelles.

7 maggio 1429

Le forze francesi, con l’aiuto della milizia dei volontari, attaccano e distruggono le fortificazioni inglesi.

8 maggio 1429

All’alba i reparti inglesi cominciano a ritirarsi, abbandonando le ultime roccaforti nelle loro mani. Conducono con loro i prigionieri, ma lasciano il materiale, viveri, munizioni, artiglieria.

9 maggio 1429

All’alba tutta Orlèans è sveglia: i cittadini vogliono impedire alla Pulzella di partire. Invece la loro liberatrice deve lasciarli perché la sua missione non è terminata. Attraverso Blois raggiungerà Tours, dove in onore suo, di Carlo VII e della sua corte si preparano grandiosi festeggiamenti.

10 maggio 1429

La notizia della liberazione di Orlèans, giunta a Parigi (in mano inglese), è accolta con costernazione dai simpatizzanti dei borgognoni e degli occupanti e con gioia segreta da coloro che attendono la liberazione e il ritorno del re Carlo VII.

18 giugno 1429

L’armata francese, comandata da Giovanni II duca d’Alencon e con in testa la Pulzella, affronta la potente armata inglese presso Patay, qualche miglio a nord-ovest d’Orlèans. La vittoria fu esaltante e totale: gli inglesi, sbaragliati, lasciarono circa diecimila caduti sul terreno, mentre le perdite francesi furono irrisorie.

22 giugno 1429

Carlo VII lascia Sully per Chateauneuf-sur-Loire, dove ha deciso di tenere un gran consiglio della corona per prendere tutte le decisioni sulle prossime mosse da compiere. Giovanna, invece, è dell’avviso che si debba partire subito per Reims, la città della consacrazione e dell’incoronazione. Durante un colloquio con il re, questi la invita a prendersi un periodo di riposo.

27 giugno 1429

Finalmente il corteo reale, protetto da dodicimila uomini tra fanti, arcieri e cavalieri si muove verso Reims, preceduto da un’avanguardia dove cavalca la Pulzella.

10 luglio 1429

Tra due ali di arcieri che Giovanna ha fatto schierare lungo le strade principali, il re fa il suo ingresso in Troyes seguito dalla corte ancora incredula, dopo che la guarnigione inglese ha lasciato la città senza danni.

13 luglio 1429

Carlo VII pone il campo a Bussy-Lettrè nei pressi di Chalons-sur-Marne. Gli abitanti della città avevano promesso ai loro vicini di Reims di resistere alla Pulzella e al re molto più a lungo degli abitanti di Troyes, ma all’apparire del corteo reale e dell’armata, aprono le loro porte senza sparare un solo colpo: Reims è ormai a un giorno di marcia.

17 luglio 1429

Finalmente il giorno tanto atteso è arrivato. Nella cattedrale di Reims l’arcivescovo Regnault, incorona solennemente Carlo VII quale re di Francia. Giovanna è proprio dietro al suo re.

22 luglio 1429

Carlo VII di Francia si rimette in cammino con la sua armata per la riconquista delle città ancora in mano inglese e per arrivare a Parigi.

16 agosto 1429

L’armata francese conquista la fortezza di Creil, il nodo militare più importante per la difesa di Parigi, da nord.

26 agosto 1429

La Pulzella e il duca d’Alencon, con una forte avanguardia, raggiungono Parigi e si accampano davanti alla basilica di Saint-Denis, il leggendario luogo delle sepolture reali.

5 settembre 1429

Giovanna d’Arco, alla testa della sua avanguardia, si impadronisce del sobborgo parigino di La Chapelle.

13 settembre 1429

Prima di lasciare Saint-Denis, per rientrare nell’Orleanese con tutta l’armata di Carlo VII, la pulzella porta nella basilica, come ex-voto, l’armatura e la spada che in combattimento ha strappato dalle mani di un inglese.

Ottobre 1429

L’armata francese pone l’assedio a Saint-Pierre-le-Moutier, e sotto la spinta della Pulzella i reparti francesi si gettano all’assalto delle mura con un coraggio incredibile. La città è occupata in poche ore.

4 aprile 1430

Il duca Filippo di Borgogna, alleato degli inglesi, è entrato nella cittadina di Pèronne e minaccia le città francesi da poco rioccupate nella Champagne e nell’Ile-de-France.

Maggio 1430

La guerra si sta mettendo male per i francesi: le forze anglo-borgognone assediano Compiègne e invadono il territorio limitrofo, mentre il giovane re Enrico d’Inghilterra sbarca a Calais con una forte armata

23 maggio 1430

Alla testa di una compagnia di 400 uomini Giovanna d’Arco tenta di portare aiuto alla città di Compiègne, nella quale riesce ad entrare senza colpo ferire. Poi, verso sera, esce dalla città alla testa di 600 uomini e si dirige verso Margny, dove la guarnigione borgognona si dà alla fuga. Nella pianura di Margny, la Pulzella è attaccata da sinistra da un reparto borgognone e da destra gli piomba addosso un reparto inglese. Nonostante l’accanita resistenza Giovanna d’Arco viene fatta prigioniera.

24 maggio 1430

La Pulzella è chiusa con il fedele Jean D’Aulon e il fratello Pierre nei sotterranei del castello Beaulieu, non lontano da Compiègne.

25 maggio 1430

I dottori dell’Università di Parigi reclamano a gran voce un processo per eresia nei confronti di Giovanna.

13 novembre 1430

La vecchia contessa di Ligny muore e Giovanna perde la sua ultima protettrice terrena.

21 novembre 1430

La Pulzella è venduta agli Inglesi per la somma di diecimila ducati d’oro.

29 novembre 1430

Dietro la richiesta dei dottori universitari di Parigi, Giovanna viene consegnata ad alcuni ufficiali borgognoni, i quali la conducono ad Arras, poi nel castello di Drugy e infine nella cittadella fortificata di Crotoy, quasi sulla Manica.

9 gennaio 1431

Il vescovo di Beauvais, Pierre Cauchon, in virtù del potere che gli è stato conferito, dà l’incarico di procuratore generale al processo al canonico Jean d’Estivet.

13 gennaio 1431

Il vescovo Cauchon, che sta abilmente manovrando le testimonianze a carico della Pulzella, fa venire presso l’abate della Trinità di Fècamp, un prete inglese, William Haiton, Jean de La Fontaine, Nicolas de Venderes e Nicolas Loiseleur, canonico di Rouen, per esporre loro i fatti della prima seduta preliminare, dando loro lettura di una serie di informazioni raccolte nel paese originario di Giovanna.

21 febbraio 1431

Verso le 8 del mattino, davanti al tribunale ecclesiastico, radunato nella cappella reale del castello di Rouen, in prima seduta, presenti i giudici e una quarantina di dottori in teologia e in diritto, su ordine del conte-vescovo Pierre Cauchon, viene condotta la Pulzella.

22 febbraio 1431

Condotta dall’usciere Massieu, Giovanna si presenta ai giudici per la seconda udienza.

24 febbraio 1431

Quando inizia il terzo interrogatorio pubblico, sotto gli occhi del vescovo Cauchon e della Pulzella sono seduti oltre sessanta fra dottori e teologi. Per la terza volta Cauchon cerca di imporre a Giovanna la sua formula di giuramento e per la terza volta lei si oppone.

27 febbraio 1431

Si apre di nuovo il dibattito. Il più preoccupato e nervoso è il vescovo Cauchon, gran burattinaio di questo processo, perché finora il dibattito ha seguito la strada voluta dalla Pulzella e non quella voluta da lui. Dopo tre interrogatori, malgrado tutti gli sforzi, né lui, né Jean Beaupère sono riusciti a costringere Giovanna a fare un passo falso, a confondersi, non hanno potuto obbligarla a pronunciare una frase imprudente con cui comprometterla.

1° marzo 1431

Si apre la quinta udienza e il vescovo di Beauvais obbliga la Pulzella a pronunciare un nuovo giuramento senza riserve.

10 marzo 1431

Primo interrogatorio segreto, a porte chiuse.La vita della prigioniera muta radicalmente; per nessuna ragione le è permesso di uscire dalla cella perché abbia contati solo con i giudici e gli inquisitori.

12 marzo 1431

Il secondo interrogatorio dura tutta la giornata, praticamente senza intervallo. Le vengono ancora poste delle domande su San Michele, Santa Caterina e Santa Margherita, sulla frequenza delle apparizioni.

15 marzo 1431

L’interrogatorio si apre con una intimazione di Pierre Cauchon a Giovanna, nella quale il vescovo chiede alla Pulzella di affidarsi alla chiesa facendo la precisa distinzione tra la Chiesa dei preti e dei fedeli e quella dei beati. Giovanna rifiuta di rispondere a questa domanda capziosa.

27 marzo 1431

Giovanna è condotta nella “camera dei paramenti”, un locale dove ha trovato sede provvisoria il tribunale. E’ un’udienza pubblica in cui l’accusata sarà messa a confronto con il promotore inquisitoriale D’Estivet.

12 aprile 1431

Nella cappella del palazzo arcivescovile di Rouen, di cui Cauchon si crede ormai padrone assoluto, si riunisce una commissione di teologi sotto la presidenza di un certo “maestro Ermengard”, che dopo un lungo consulto emette alcune osservazioni sulle parole e sui fatti della Pulzella. Giovanna d’Arco è colpevole di superstizione, di blasfemia, idolatria, e, secondo i teologi, non merita indulgenza.

18 aprile 1431

L’imperturbabile Pierre Cauchon, con alcuni assistenti, va a visitare Giovanna nella cella del castello. Essa è ammalata: ha una febbre molto alta.

23 maggio 1431

Giovanna è condotta davanti ai giudici: il canonico Pierre Maurice le espone per l’ultima volta la serie dei suoi errori poi la invita a “tornare in seno alla Chiesa e alla verità”. Giovanna afferma di non poter fare altro che sostenere ciò che è stato detto durante il processo, e cioè, che “Dio è davanti a tutti”.

24 maggio 1431

Pierre Cauchon ha organizzato per la sentenza pubblica e la condanna di Giovanna una messa in scena grandiosa: sarà il momento culminante del suo “capolavoro”.

30 maggio 1431

Giovanna viene condotta al rogo sulla piazza del Vieux Marchè di Rouen. E’ un mercoledì. Il frate domenicano Martin Ladvenu l’aveva confessata e Cauchon permise che si comunicasse. Avvolta dalle fiamme Giovanna d’Arco, Pulzella d’Orlèans, gridò più volte ad altissima voce il nome di Gesù.

L'alta cifra pagata e la solennità con cui Giovanna d'Arco fu sottoposta a processo e quindi giustiziata, indicano bene che non si trattava di una stupida contadinella nè tale era ritenuta dalle personalità politiche del tempo. Prima di ucciderla infatti, forse temendo di scatenare l'indignazione della folla, vollero strapparle quell'alone di santità che ella aveva acquistato e per questo venne organizzato un grandioso processo ecclesiastico sotto l'egida della più grande università del tempo, quella di Parigi, la quale era chiaramente connivente con l'Inghilterra. Si radunarono i maggiori prelati i quali discussero il "caso". Tutta la sapienza teologica dell'epoca venne mobilitata per dichiararla eretica.

1450

Carlo VII dispose una profonda e analitica revisione del processo a Giovanna: si interrogarono i testimoni dell’infanzia, quelli della sua prigionia. Alla fine, il processo si concluse con la totale riabilitazione della Pulzella d’Orlèans.

Ormai la Francia si era risollevata e scampato era il pericolo del predominio inglese: Giovannna d'Arco rimane, nel ricordo, l'eroina che era stata resa ancora più alta dal martirio e dalle ingiustizie subite. 

Nel 1920 ella fu fatta santa dal pontefice Benedetto XV, e nello stesso anno il governo francese decise di consacrare al suo ricordo una festa nazionale.

By: Ennio Dalmaggioni
& Francomputer

FATTI BELLICI - ANNO 1429


ALLA PAGINA PRECEDENTE

CRONOLOGIA GENERALE  *  SCHEGGE    DI   STORIA *