HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI 
E TEMATICI
PERSONAGGI 
E PAESI

CAPISCO CHE ESISTONO DIFFERENTI STORIOGRAFIE E DIFFERENTI INTERPRETAZIONI DEI FATTI STORICI. QUINDI DIFFICILE FARLI CONDIVIDERE O TENTARE DI METTERE D'ACCORDO CULTURE DIVERSE. MA NON PER QUESTO DOBBIAMO RINUNCIARE A TENTARE DI CAPIRE. MOLTO IMPORTANTE E' INFATTI SOSPETTARE, METTERE IN DUBBIO LE NOSTRE CONOSCENZE, SOPRATTUTTO QUANDO UNA TRACCIA "DIDATTICA" E' IMPOSTA E IMPEDISCE UN'ALTRA SCELTA; SCELTA CHE DOVREBBE ESSERE TESTIMONIANZA DI LIBERTA', IN CASO CONTRARIO SIGNIFICHEREBBE CHE... "LA NOSTRA DEMOCRAZIA LIBERALE NON E' ANCORA COMPIUTA".
E QUESTA NON E' UNA INTEPRETAZIONE!

già presente QUI l'intera polemica opera "I MILLE"

e il romanzo storico "CLELIA - IL GOVERNO DEI PRETI"

altra biografia (altra tesi)

qui GARIBALDI E I SUOI TEMPI : 60 ANNI DI STORIA D'ITALIA (29 capitoli)

-----------------------------------------------------------------

QUI UN INTERVENTO DI UN LETTORE (scrittore, storico e giornalista)

"Partecipo volentieri all'iniziativa, visto che secondo il sottoscritto e qualche altro milione di persone ci sono delle inesattezze, riguardo al personaggio GIUSEPPE GARIBALDI.
Il Generale Garibaldi che molti definiscono l'eroe dei due mondi,  era anche altro.... 
Se siete degli storici, come credo, fate conoscere la verità... non siate complici di falsi storici... per favore.
Cordiali saluti: Matteo Pagano

GIUSEPPE GARIBALDI

Giuseppe Garibaldi nacque a Nizza il 4 luglio 1807 e morì a Caprera il 2 giugno del 1882. Il personaggio, esaltato come eroe dalla storiografia dell’attuale regime, era in realtà di ben diversa levatura. Per poter far comprendere chi era veramente Garibaldi ho ritenuto di raccontare gli episodi della sua vita più significativi, quelli cioè a cui viene data più importanza dai suoi agiografi, solo nei fatti essenziali, senza cioè dedurne alcun commento, lasciando così ai lettori di farsene di suoi. Attorno a questi episodi sono state pure inserite le più significative vicende storiche, durante le quali, e per conseguenza delle quali, quegli episodi avvenivano. In tal modo, mi pare, quegli stessi episodi riescono ad essere compresi e, soprattutto, riescono a delineare una immagine certamente più realistica della essenza del personaggio, definito dalla storia come «l’eroe dei due mondi», ma che, a mio sommesso parere, fu un uomo, a dir poco, ingenuo, sia pure un avventuriero di diaboliche qualità, manovrato abilmente da un non tanto oscuro burattinaio.


I PRIMI PASSI

Il 26 dicembre 1832 Giuseppe Garibaldi, affiliato con il nome di «Pane» alla setta «Giovine Italia» fondata da Mazzini, si arruolò come marinaio di terza classe nella marina piemontese con il compito di sobillare e di fare propaganda della setta tra i marinai savoiardi. La tecnica delle sette sovversive, con l'attivazione di episodi di rivolta quasi spesso irrealizzabili, era, infatti, quella di tenere sempre e comunque in stato di tensione i governi e quindi di provocare artatamente la loro reazione. In tal modo esse miravano a convincere, nel corso del tempo, le popolazioni che tutto ciò accadeva a causa dell’oppressione dei sovrani, sia a Napoli, sia negli altri Stati che non si uniformavano alle loro mire.

Il Mazzini, che viveva al sicuro nella Svizzera, progettò inoltre nel 1834 di invadere la Savoia con il generale Girolamo Ramorino a capo di un centinaio di rivoltosi, mentre a Genova Garibaldi avrebbe dovuto far insorgere la città ed occupare il porto. L’inconsistenza dell’azione ed il feroce intervento delle truppe piemontesi fecero fallire l’inutile sommossa. Molti cospiratori catturati furono condannati a morte. Il Mazzini, rimasto sempre in Svizzera (e poi rifugiatosi prudentemente a Londra), ed il Garibaldi, riuscito fortunosamente a fuggire, furono condannati a morte in contumacia. Garibaldi prima si rifugiò per alcuni mesi a Marsiglia, dove venne raggiunto dalla notizia che, il 3 giugno 1834, il Consiglio Divisionario di Guerra lo aveva condannato a morte ignominiosa come " bandito di primo catalogo", e dopo s’imbarcò sul brigantino mercantile Union, diretto a Odessa, da dove si diresse a Tunisi, per arruolarsi come marinaio nella flotta piratesca di Hussein Bey, Signore di Tunisi.

Nel 1834, nella Reggenza di Tunisi, vivevano all'incirca 8000 europei. Un terzo di loro erano italiani. Provenivano dalle più disparate parti d'Italia: dalla Sicilia, dalla Campania, dalla Toscana, dalla Liguria. A la Goulette, il porto di Tunisi, morì nel febbraio del 1834 il capitano Paolo Carboso, un ligure originario di Recco. Tra le sue carte si rinvennero lettere e documenti che fecero risalire alla società Carbonara, o meglio alla "Vendita", come si diceva nel gergo segreto, la setta massonica degli «Amis en captivitè» che aveva una sua sede a Malta. Di qui le conclusioni che furono subito tratte e che cioè : "I suoi frequenti viaggi fra Tunisi, Lisbona, Malta, avessero avuto lo scopo di portare dei pieghi in quelle regioni per le pratiche infami della propaganda".

In realtà in quel periodo la carboneria, a Tunisi, era venuta perdendo terreno. Al suo posto però aveva già invece gettato radici la "Giovine Italia" con un programma repubblicano per l'unità dell'Italia. In quello stesso mese giunse a Tunisi un altro profugo politico. Si trattava di Antonio Montano di Napoli, che aveva prima partecipato alla rivoluzione costituzionale e poi alla cosiddetta " congiura del monaco" (perché capeggiata dal frate Angelo Peluso). Verso la fine dello stesso anno riparava a Tunisi anche un altro cospiratore: Antonio Gallenga di Parma. Nella "Giovine Italia" di cui era affiliato aveva assunto il nome di "Procida". Mazzini aveva una grande fiducia in lui, anche se egli si era rifiutato di compiere un attentato politico per assassinare Re Carlo Alberto. Tunisi costituì in quegli anni una tra le basi della massoneria più importanti per la cospirazione contro le Due Sicilie.

Dopo qualche mese Garibaldi si portò di nuovo a Marsiglia, dove si imbarcò come secondo sul brigantino Nautonier di Nantes diretto a Rio de Janeiro.

NEL NUOVO MONDO

Agli inizi dell’estate del 1836 Garibaldi, però, accusato dalle autorità di Rio de Janeiro di loschi traffici, assieme ad altri italiani fuorusciti, ricevette l’ordine di espulsione dal Brasile. L’avventuriero, allora, rubò una barca dal porto e, con gli altri suoi complici, si diede alla pirateria. Braccato dalla Marina brasiliana, si rifugiò nella provincia di Rio Grande presso Bento Gonçalves, capo della rivolta contro la monarchia del Brasile.

Nel 1837, poi, il Garibaldi, inizialmente con una barcaccia da 20 tonnellate (da lui battezzata Mazzini), successivamente con altre navi catturate, si diede a scorrerie e saccheggi sul Rio Grande contro le navi cattoliche-ispaniche e nei villaggi rivieraschi, protetto dagli inglesi, i quali per suo mezzo raggiungevano così lo scopo di assicurare il monopolio commerciale all’impero britannico. Nell’agosto, tuttavia, la sua nave fu intercettata e colpita da molte fucilate, ma il nizzardo riuscì a sfuggire alla cattura con l’aiuto di una nave argentina che la rimorchiò. Tra i molti feriti c’era lo stesso Garibaldi che fu internato e curato in Argentina.

Nel 1838 Garibaldi, lasciato libero dagli Argentini, si diresse a Montevideo e poi ancora nel Rio Grande, dove i ribelli di Bento gli affidarono due navi, catturate qualche mese prima ai brasiliani, per la tratta dei negri. In seguito Garibaldi si diede a veri e propri atti di pirateria nei pressi della laguna Dos Patos, dove assaliva navi mercantili isolate, uccidendo gli inermi marinai delle navi catturate. Molte volte assalivano anche i villaggi interni dei contadini, facendo razzie, rubando oggetti di valore e violentando le donne. Fu in questo periodo che incominciò a portare i capelli lunghi perché, avendo tentato di violentare una ragazza, questa gli aveva staccato l’orecchio destro con un morso.

Nel 1839 in Cina venne decretato il divieto di importazione dell’oppio da parte della Compagnia inglese delle Indie Orientali dal Bengala, dato lo stato miserevole in cui si era ridotta gran parte della popolazione. Un funzionario cinese, deciso a far rispettare il divieto d’importazione disposto dall’imperatore, requisì e fece distruggere oltre 2.000 casse di droga appartenenti ai mercanti britannici.

L’allora ministro degli Esteri inglese, Lord Palmerston, Gran Maestro della Massoneria, poiché il commercio della droga era una pietra miliare della politica imperiale inglese, per gli enormi guadagni che comportava, ordinò di far sbarcare dei marinai dalla flotta inglese, che sostava nei pressi dell’isola di Hong Kong, con il compito di provocare una rissa nella zona di Kowloon con i residenti cinesi, fingendosi ubriachi. Un cinese venne ucciso e il capitano inglese Elliot si rifiutò di consegnare i colpevoli alle autorità cinesi, che pertanto intimarono alla flotta inglese di abbandonare le coste della Cina. La conseguente azione di forza del modesto naviglio cinese (sulla cui azione contavano gli inglesi) fu facilmente respinta dalle navi militari inglesi. Fu così che il governo inglese diede immediatamente l'ordine alla flotta navale, già in precedenza inviata in segreto in quei mari, di minacciare la Cina, costringendola ad accettare la libera importazione dell’oppio ed a pagare alla Gran Bretagna un’indennità di guerra di 20 milioni di dollari.

Hong Kong fu occupata dalle truppe inglesi e, in seguito, fu ceduta in affitto alla corona inglese col trattato di Nanchino del 1842. In quello stesso anno gli inglesi fondarono a Hong Kong una loggia massonica. Due anni dopo, dichiarata porto franco, Hong Kong divenne la capitale mondiale della droga sotto la protezione del governo inglese, che ne favoriva segretamente la commercializzazione.

Alla fine di agosto il Garibaldi, intanto, conosceva Anita nel piccolo borgo uruguayano di Barra. Allora la donna era già sposata con un tal Manuel Duarte, che abbandonò il 23 ottobre, giorno in cui lo stesso Garibaldi la portò via sulla nave Rio Pardo. Il Duarte dopo qualche giorno morì di crepacuore, molto probabilmente anche a causa delle ferite causategli dai pirati garibaldini durante l'assalto alla nave.

Alla fine dell’anno una squadra navale brasiliana riuscì a intercettare ed a distruggere le navi corsare di Garibaldi. Costui, tuttavia, riuscì ancora a sfuggire, insieme ad Anita ed a pochi dei suoi filibustieri, rifugiandosi ancora una volta presso Bento. Garibaldi, così, insieme con Bento, che aveva costituito nel 1840 un folto gruppo di banditi, si diede a compiere ancora rapine e razzie di ogni genere, vanamente inseguito dai reparti governativi. Il 16 novembre, mentre si trovavano in sosta nel paese di Mustarda, Anita diede alla luce Menotti.

NASCE LA LEGGENDA DELL’EROE DEI DUE MONDI

Dopo l’estate del 1841, Garibaldi, con 900 bovini razziati nelle campagne, si separò da Bento e si diresse verso Montevideo in Uruguay, ma qui giunse nella primavera successiva con sole trecento pelli, da cui ricavò un centinaio di scudi. Rimasto poi senza denaro e del tutto inadatto a lavorare, fu aiutato da Anita, che per sostenere la famiglia si mise a fare la lavandaia. In quel periodo era, intanto, scoppiata la guerra tra Argentina e Uruguay.

Durante questa guerra, a Garibaldi gli fu affidato, nel gennaio del 1842, da parte del diplomatico inglese William Gore Ouseley, il comando di alcune navi, con le quali costituì una grossa banda formata quasi tutta da italiani, vestiti con una camicia rossa. Questa gente, per lo più disperata, dedita solo a rapine, si diede a compiere molti atti di violenza, a cui partecipava ben volentieri lo stesso Garibaldi, tanto che, dopo una efferata rapina da lui fatta in casa di un brasiliano, dovette essere destituito e imprigionato. Tra gli italiani vi erano anche dei tipografi settari che pensarono di stampare un giornale che intitolarono «Il Legionario italiano», sul quale inventarono moltissime menzogne di eroismo sul comportamento degli italiani in quella guerra, in modo da attenuare la forte ostilità dei cittadini uruguayani verso le camicie rosse italiane. Il giornale, però, fu anche fatto uscire dai confini dell’Uruguay e con la complicità dei settari fu fatto tradurre in molte lingue, tanto che, riportata da altri giornali, fecero nascere la leggenda sugli «eroici» legionari italiani.

In seguito l’avventuriero si iscrisse alla Massoneria Universale e precisamente nella loggia irregolare "L’asilo della Virtù", regolarizzandosi poi in Montevideo il 24 agosto 1844, nella loggia "Gli Amici della Patria", dipendente dal Grande Oriente di Francia.

Nel frattempo, l’enorme profitto commerciale che stavano avendo Inghilterra e Stati Uniti con la Cina, attirò anche l’interesse della Francia, che il 24 ottobre costrinse il governo cinese ad un nuovo trattato commerciale a Whampoa, con il quale anche i francesi si misero a vendere oppio ai Cinesi. Nel decennio successivo il consumo di oppio in Cina venne triplicato e la sovranità cinese praticamente eliminata, perché fu consentito all’Inghilterra, alla Francia ed agli Stati Uniti di vendere liberamente nell’immenso territorio cinese qualsiasi prodotto.

Dopo varie vicende, il 20 novembre 1847 la flotta anglo - francese sconfisse quella argentina, ponendo in tal modo fine alla guerra tra Uruguay e Argentina. Intanto la leggenda di Garibaldi fu gonfiata oltre misura anche da Mazzini, il quale poi lo invitò a venire in Italia dove «i tempi dell’azione erano ormai maturi».

Nel 1848 venne pubblicato il «Manifesto Comunista», elaborato da Marx ed Engels, con il finanziamento dei massoni Clinton Roosevelt e Horace Greely, entrambi membri della Loggia Columbia, fondata a New York dagli Illuminati di Baviera. Successivamente allo stesso Marx, in collaborazione con Mazzini, fu dato dagli Illuminati l’incarico di preparare l’indirizzo e la costituzione della «Prima Internazionale « (Comunista).

LE CONGIURE IN ITALIA

La successiva mossa dei massoni fu quella di spingere alcuni affiliati, sovversivi duosiciliani, La Farina e La Masa a sbarcare il 3 gennaio 1848 a Palermo, dove, era stato loro detto, si era costituito un Comitato Rivoluzionario. Questo comitato non esisteva, ma vi trovarono invece gli altri massoni Rosolino Pilo e Francesco Bagnasco, che al loro arrivo mobilitarono tutti i loro seguaci per iniziare la rivolta. La Masa, per poter avere l’appoggio delle popolazioni convinse il principe Ruggero Settimo a porsi a capo della rivolta per l’indipendenza della Sicilia. Le titubanze del principe furono presto superate quando Lord Mintho, con la flotta inglese nella rada del porto di Palermo, gli assicurò il suo appoggio. I rivoltosi, poi, certi che il comandante borbonico, il massone De Majo, non avrebbe opposto che una simbolica resistenza, insorsero il 12 gennaio a Palermo, concentrandosi alla Fieravecchia. La gente si chiuse nelle case e le botteghe serrarono le porte. Le truppe, poiché vi erano stati atroci episodi di violenza e di saccheggi, si rinchiusero nel forte di Castellammare e da lì bombardarono gli appostamenti dei rivoltosi.

A Napoli, mentre i carbonari facevano espellere i Gesuiti, l’inglese Palmerston, capo del governo inglese, suggeriva al governo napoletano di riconoscere l’indipendenza della Sicilia e nello stesso tempo esaltava la liberazione d’Italia dagli stranieri. Insomma l’Inghilterra voleva unire l’Italia e separare il Regno, per appropriarsi della Sicilia. L’isola, infatti, dopo l’occupazione francese dell’Algeria e la costituzione di una base navale ad Algeri, era diventata per gli Inglesi interessante per controbilanciare l‘accresciuta potenza navale francese nel Mediterraneo.
(Non dimentichiamo il già fallito tentativo degli inglesi, durante il periodo napoleonico, di spingere l'Isola all'indipendenza. Che fino al 1815 di fatto lo era già diventata. Pronta una costituzione simile a quella inglese. Sull'isola gli inglesi potevano contare sulle uniche (allora nel mondo) miniere di zolfo, indispensabili per le loro acciaierie. Assediarono il porto di Napoli quando i Borboni volevano revocare i contratti sullo zolfo. Ndr).

In Austria, nel frattempo, i massoni il 13 marzo approfittarono per promuovere una grave insurrezione a Vienna, tanto che l’imperatore Ferdinando I fu costretto a concedere la costituzione. La setta, tuttavia, continuò nei suoi intrighi fomentando disordini in Boemia, in Ungheria e nel Lombardo-Veneto. A Milano, infatti, appena giunta la notizia dell’insurrezione di Vienna, vi fu l’episodio delle Cinque Giornate che durò dal 18 al 22 marzo. Anche a Venezia il giorno 17 vi furono delle sommosse, tanto che le truppe austriache furono costrette a rifugiarsi nelle fortezze di Peschiera, Mantova, Legnago e Verona sotto gli ordini di Radetzky. Insomma si ripeteva in tutta l’Europa cattolica, tranne cioè nei paesi protestanti, quanto era successo con le rivolte in Sicilia. I massoni (secondo le direttive inglesi) fomentavano le rivolte al solo scopo di sconvolgere l’equilibrio della politica europea ai danni delle potenze conservatrici : Due Sicilie, Austria, Prussia e Russia, garanti dello statu quo nato dalla Santa Alleanza.

Fu così che, mentre Garibaldi, chiamato da Mazzini, partiva il 15 marzo da Montevideo, imbarcandosi con 150 uomini sulla nave Speranza, Carlo Alberto, spinto dalla setta, dichiarò il 24 marzo la guerra all’Austria. Poi i massoni, con la complicità dei governi liberali, che erano riusciti a insediare negli altri Stati italiani, costrinsero questi ad inviare dei corpi di spedizione contro l’Austria. A Roma il 27 venne da Torino il conte Rignon per chiedere al Papa un appoggio materiale e morale per la guerra. Pio IX inviò le truppe pontificie al comando del generale Durando e di d’Azeglio, ma con l’ordine di fermarsi sul Po e solo per scopo difensivo. In quanto all’appoggio morale, egli affermò il 29 aprile che non avrebbe mai dichiarato una guerra offensiva.

Il Rignon si recò anche a Napoli, dove già erano all’opera gli arruolamenti di volontari da parte dei liberali. Ferdinando, tuttavia, aveva già deciso cosa fare. Egli, infatti, si era reso conto che il movimento, non avendo l’appoggio del popolo, si sarebbe esaurito da solo nelle gravi agitazioni che esso stesso provocava. Concluse che l’unico modo per vincerlo, era quello di accelerarne gli effetti. Dichiarò così inaspettatamente il 7 aprile guerra all’Austria e concesse 16.000 uomini al comando del generale Guglielmo Pepe, che il 4 maggio partì, anche lui con l’ordine di attestarsi sul Po.

Le truppe piemontesi, che avevano adottato una nuova bandiera con i colori verde, bianco e rosso, che erano i colori che identificavano la massoneria dell’Emilia, ebbero il 30 maggio 1848 un primo successo a Goito contro gli Austriaci, grazie alla resistenza delle truppe napolitane e dei volontari toscani che li avevano fermati a Curtatone e a Montanara. Gli Austriaci così furono costretti a ritirarsi verso il quadrilatero, fatto che consentì ai liberali l’annessione di Milano ai Savoia e a Venezia la proclamazione della repubblica. Numerose furono le decorazioni e le onorificenze concesse ai Napolitani, ma nell’obelisco, eretto nei luoghi della battaglia, vi sono solo i nomi dei toscani, mentre quelli dei Napolitani furono deliberatamente omessi.

Ferdinando II, tuttavia, dovette richiamare in Patria il corpo di spedizione napolitano per ragioni di ordine pubblico. In Calabria, infatti, la massoneria aveva fomentato alcune sommosse, approfittando del fatto che l’esercito borbonico era impegnato in Lombardia. La diplomazia inglese, inoltre, aveva spinto il governo rivoluzionario della Sicilia ad offrire la corona al savoiardo duca di Genova, che però declinò l’offerta, non sentendosi sicuro di mantenerla.

In giugno, in esecuzione dell’ordine del Re Ferdinando, tutte le truppe napolitane rientrarono a Napoli, tranne il traditore Pepe e circa mille soldati che, plagiati dai settari, si recarono a Venezia. Nel frattempo, Garibaldi dopo essere sbarcato il 21 giugno a Nizza con i suoi avventurieri, si era recato il 5 luglio a Roverbella, nei pressi di Mantova, per offrirsi volontario al re Carlo Alberto (l'uomo che lo aveva condannato a morte in contumacia), che però lo respinse. Allora il nizzardo si recò a Milano, dove il governo provvisorio lombardo, presieduto dal conte massone Casati, lo nominò il 14 luglio generale di brigata.

I piemontesi, tuttavia, senza l’aiuto delle truppe napolitane, vennero ignominiosamente sconfitti a Custoza il 25 luglio dalle poche truppe austriache e furono costretti a firmare il 9 agosto un armistizio a Salasco con Radetzky. Alle battaglie avevano tentato di partecipare anche i volontari di Garibaldi, ma il 4 agosto, senza neanche affrontare le avanguardie austriache incontrate a Merate, i più incominciarono a disertare e i rimanenti con Garibaldi, travestito da contadino, riuscirono a giungere in Svizzera, dove, come sempre, il prudente Mazzini si era già rifugiato .

Tranne la città di Venezia, rimasta assediata, tutto il territorio occupato dai savoiardi ritornò all’Austria.

A queste vicende non vi fu alcuna partecipazione popolare. Anzi le masse erano per lo più favorevoli agli Austriaci, come dimostrarono le manifestazioni della maggior parte del popolo che, al loro ritorno, aveva gridato «Viva Radetzky» .
( a tale proposito vedi )
1848-49: LA FALLITA RIVOLUZIONE MILANESE - "MEMORIALE" DI CARLO CATTANEO

LA REPUBBLICA ROMANA

A Napoli il 1° febbraio del 1849 vennero riaperte le Camere. Nel frattempo erano affluiti a Roma i più importanti capi massoni, tra cui anche Garibaldi e Mazzini, che il 5 febbraio proclamarono la Repubblica Romana. Il 9 febbraio fu formata l’assemblea costituente che proclamò la repubblica e la fine del Papato. L’assassinio fu l’ordinario espediente della setta per contenere la popolazione col terrore, le cui vittime furono preti, cittadini, ufficiali e perfino il ministro Pellegrino Rossi. Nessun assassino fu punito, nemmeno il Zambianchi, colonnello delle Guardie di Finanza, che fece uccidere tanti innocenti nel quartiere di S. Callisto. Anche in Ancona furono commessi degli efferati omicidi, per ordine sempre di Mazzini. A questo governo il primo ministro inglese, il massone lord Palmerston, dichiarò di essere pronto a portare qualsiasi aiuto.

Il 20 marzo Carlo Alberto, disdetto l’armistizio, attaccò nuovamente gli Austriaci, che in soli tre giorni sconfissero i piemontesi a Novara. Vi fu un intervento "moderatore" inglese sull'Austria, che impedì al generale Radetsky di invadere il Piemonte dopo la vittoria ed indusse l'Austria a contentarsi di una semplice "indennità di guerra", pur se di notevole importo per l'epoca: 75 milioni. Carlo Alberto abdicò in favore del figlio Vittorio Emanuele II, che fu spinto a nominare Presidente dei ministri il massone Massimo d’Azeglio.

A Genova alla notizia dell’armistizio di Vignale il popolo cercò di ribellarsi dall’opprimente dominazione piemontese e nei tumulti furono uccisi due ufficiali piemontesi. La rivolta venne, però, sanguinosamente soffocata il 4 aprile con un feroce e devastante bombardamento della città da parte del cinico La Marmora, che comandava un esercito di sedicimila soldati piemontesi inviati nella città per la repressione. Il bombardamento durò tre giorni e causò la morte di 500 genovesi. Seguirono poi feroci repressioni e tra i numerosi condannati a morte vi fu anche il generale Ramorino, che fu fucilato, come capro espiatorio, il 22 maggio.
Con queste atrocità iniziava il suo regno il «re ... galantuomo».

Il Papa, nel frattempo, aveva lanciato un appello a tutte le nazioni cattoliche, tranne al Piemonte, per essere restaurato sul trono di Roma. Lo raccolse per prima la Francia di Luigi Bonaparte, che inviò il 25 aprile 1849 un corpo di spedizione a Roma, comandato dal generale Oudinot, facendo credere che ci andava per fare da paciere tra il Papa e il governo rivoluzionario. In realtà Luigi Bonaparte mirava ad essere fatto re e voleva, per questo, assicurarsi il favore dei cattolici di Francia, oltre che eliminare l’influenza del repubblicano Mazzini, che con le sue idee contrastava gli accordi con i Savoia. Intanto anche l’Austria e, successivamente, la Spagna, che stava approntando una spedizione navale, avevano raccolto l’appello del Papa. Napoli, pur se ancora alle prese con la riconquista della Sicilia, inviò il 28 aprile le poche truppe di cui poteva disporre, ma abbondava di cannoni, che dovevano servire per aiutare i Francesi.

Al rifiuto del Mazzini ad intavolare qualsiasi trattativa, i Francesi attaccarono Roma il 30 aprile con seimila uomini, ma a causa della mancanza di artiglieria che non consentiva loro di superare le grosse mura, si ritirarono in attesa dei cannoni. A questa battaglia partecipò, tra i rivoluzionari, anche il massone Carlo Pisacane, disertore dell’Armata Napolitana. Nei giorni successivi, invece, tra il 7 e 9 maggio, le truppe napolitane comandate dal generale Lanza e attestate a Palestrina, sgominarono facilmente un attacco di tremila uomini comandati dal massone Luciano Manara.

Il Journal des Débats, pochi giorni dopo la fallita impresa, pubblica il...
testamento del Pisacane,
... che dice di aver ricevuto da Londra e scrive: "Dalla lettura di questo documento si vede di che fatta eroe fosse quel fanatico strumento dell’ambizione mazziniana, e quale sia il giudizio che gl’Italianissimi fanno di Casa Savoia, e del regime costituzionale in Piemonte. Essi abbominano l’una e l’altro, come abbominano l’Austria e il suo governo; e tutte le lodi che prodigano al Piemonte non sono che perfide ipocrisie per avere dal paese asilo, pane ed aiuto a liberamente congiurare".

Intanto in Sicilia, dopo una brillantissima campagna militare, elogiata da tutta la stampa estera, il 14 maggio, fu liberata Palermo ed il Filangieri, comandante della spedizione, come da disposizione reale, promulgò l’amnistia per tutti, tranne per i capi della rivolta. Il 15 maggio tutta l’isola era pacificata, esattamente un anno dopo dal giorno della rivolta a Napoli. Alle milizie straniere, polacchi, francesi e nizzardi, che avevano combattuto contro l’esercito napolitano fu concesso magnanimamente di rimpatriare.

Successivamente, il 17 maggio, si ebbero dei contrasti con Oudinot, che si era opposto alla presa di Roma mediante l’aiuto di Napoli e dell’Austria, in quanto aveva ricevuto dal Lesseps, deputato dell’Assemblea Nazionale francese, l’ordine di non operare con le truppe del governo napolitano e di quello austriaco, considerati reazionari. Tali affermazioni, indussero lo sdegnato Ferdinando II a spostare le sue truppe nella campagna romana, nella zona di Velletri. Poiché Oudinot aveva fatto da solo un armistizio con la Repubblica Romana, tutto l’esercito repubblicano, composto da undicimila uomini e dodici cannoni, approfittando della tregua con i Francesi, assalì il 19 maggio l’esercito napolitano, formato da diecimila uomini e da quattro batterie di artiglieria. Rosselli, che comandava i repubblicani, credeva di sconfiggere i Napolitani sorprendendoli durante la fase critica del movimento, ma venne violentemente respinto ed ebbe moltissime perdite. Qui c’era anche il Garibaldi che tentò un assalto, ma fu sconfitto dal 2° battaglione cacciatori del maggiore Filippo Colonna. Anche questa volta le bande settarie vennero messe in fuga e lo stesso Garibaldi, sbalzato da cavallo, si salvò a stento.

Il 27 maggio sbarcò a Gaeta il contingente spagnolo forte di circa novemila uomini. Cessate le operazioni in Sicilia, furono inviate altre brigate napolitane al comando del generale Nunziante, che si unì il 7 giugno alle truppe spagnole. Mentre Napolitani e Spagnoli provvedevano a liberare i territori a sud di Roma, proteggendo l’ala destra delle truppe francesi, Oudinot riuscì finalmente a entrare in Roma il 3 luglio, ristabilendo il potere temporale del Papa. Anche questa volta Mazzini e Garibaldi riuscirono a scappare. Mazzini si rifugiò a Londra, mentre Garibaldi, rifugiatosi a S. Marino, dopo aver tentato avventurosamente di raggiungere Venezia, s’imbarcò il 16 settembre a Genova per la Tunisia. La sera del 19 settembre 1849 a bordo della regia nave Tripoli, arrivò nella rada di Tunisi. Tuttavia questa volta Ahmed Bey si rifiutò di farlo sbarcare e Garibaldi fu costretto a lasciare Tunisi il giorno dopo, imbarcandosi su un’altra nave diretta verso gli Stati Uniti d’America.

OBIETTIVO: LE DUE SICILIE

Il Piemonte, nel frattempo, aveva iniziato a concretizzare un piano politico per la conquista del resto dell’Italia, approfittando della Conferenza per la pace fissata in febbraio del 1856 a Parigi. Il 27 marzo il governo piemontese emise una Nota al governo di Francia ed Inghilterra lamentando truffaldinamente la condizione «deplorevole» dello Stato Pontificio e di quello delle Due Sicilie. L’otto aprile, dieci giorni dopo la firma della pace al Congresso di Parigi, d’accordo con Napoleone III, il Cavour fece sollevare pubblicamente la «questione italiana», con una feroce accusa fatta fare dal conte Walewsky (figlio bastardo di Napoleone I) contro il Governo Napolitano e quello del Papa. A tali proclami fece eco, come convenuto, anche il governo di Londra con il Clarendon, che accusò inoltre anche l’Austria di opprimere gli Italiani del Lombardo-Veneto. Al 20 di aprile, per accentuare le accuse, l’emissario francese e l’ambasciatore inglese Lord Clarendon chiesero al Governo Napolitano una larga amnistia per i detenuti politici ed una larga riforma giudiziaria. Alla ferma risposta di Ferdinando, che giustamente ritenne la pretesa una illegittima ingerenza nella sovranità di Napoli, i due governi ritirarono i propri rappresentanti, Brenier e Temple, che lasciarono in seguito Napoli a fine ottobre.

Il 4 maggio vi fu un incontro segreto a Parigi tra Cavour e Clarendon per definire l’accordo sulle modalità di invasione delle Due Sicilie. Gli ambasciatori inglesi, James Hudson a Torino e Henry Elliot a Napoli, furono informati dei progetti ed ebbero opportune disposizioni per attuarli.

Il 24 maggio gli Austriaci si ritirarono dalla Toscana e lo stesso giorno il Garibaldi rientrò in Italia dagli U.S.A., dove si era rifugiato.

In luglio il Cavour iniziò a riarmare occultamente l’esercito e il 13 agosto chiamò segretamente il Garibaldi a Torino, che allora era diventata una vera e propria capitale del terrorismo con circa 30.000 fuorusciti sovversivi di tutti gli Stati. Tra di essi vi erano i massoni La Farina, Paleocapa, Scialoja, De Sanctis, Spaventa, Medici, Pallavicino, Amari, Fanti e Cialdini.

In novembre il Mazzini, a proseguimento dell’azione diplomatica francese ed inglese, diede il via a Palermo ed a Cefalù ad alcune rivolte dimostrative, affidandone l’organizzazione al massone barone Bentivegna. Le rivolte, che diedero luogo a saccheggi delle casse pubbliche ed all’assalto alle carceri, si esaurirono praticamente da sole, pur avendo l’appoggio della goletta inglese Wanderer venuta da Malta.

L’8 dicembre il Mazzini organizzò un attentato al Re Ferdinando II, facendone affidare l’incarico a un soldato di origine albanese, arruolato nel 3° battaglione cacciatori, Agesilao Milano. Costui, mentre il Re passava in rivista a cavallo i reggimenti schierati sul campo di Marte a Capodichino, uscì dai ranghi e vibrò a Ferdinando un colpo di baionetta, che venne deviato però dalla fondina della pistola. Ferdinando, benché ferito, assistette impassibile fino alla fine della sfilata. Il Milano, sottratto a stento dal linciaggio, dopo essere stato processato, venne giustiziato il 13 dicembre. Il più accanito sostenitore della pena capitale fu il generale massone Alessandro Nunziante, aiutante di campo di Ferdinando II. Il motivo di tanto accanimento sembra sia stato quello di far chiudere per sempre la bocca del regicida, per paura che questi potesse fare delle compromettenti rivelazioni.

Ma il Mazzini non dava tregua al Governo Duosiciliano, organizzando altri attentati. Il 17 dicembre fece esplodere un deposito di polveri situato nell’arsenale a Napoli, ove vi furono diciassette morti. Il 4 gennaio del 1857 fece saltare in aria nel porto di Napoli la fregata a vapore Carlo III, carica di armi e munizioni, causando la morte di trentotto persone.

Tutti questi episodi non avevano altro scopo che quello di provocare la reazione poliziesca da parte del Governo borbonico, in modo da avere non solo l’opportunità di screditarlo continuamente di fronte all’opinione pubblica mondiale, ma anche per far apparire alla gente napolitana e siciliana il loro Sovrano come un oppressore del popolo, aiutato in questo dalla stampa massonica.

Il Mazzini, in seguito, spinse il massone Carlo Pisacane, approfittando della sua ingenua ed esaltata personalità, a tentare uno sbarco in Calabria, dove gli aveva assicurato, con la sua sola presenza, si sarebbe scatenata la rivoluzione. Il 25 giugno il Pisacane s’imbarcò con altri ventiquattro sovversivi, tra cui Giovanni Nicotera e Giovan Battista Falcone, sul piroscafo di linea Cagliari, diretto a Tunisi. Impadronitosi della nave durante la notte, con la complicità dei due macchinisti inglesi, si diresse verso Ponza, dove liberò 323 detenuti comuni, aggregandoli quasi tutti alla spedizione. Il 28 sera i congiurati sbarcarono a Sapri, ma furono assaliti proprio dalla stessa popolazione, che li costrinse alla fuga. Il 1° luglio, a Padula vennero circondati e 25 di essi furono massacrati dai contadini. Gli altri vennero catturati e consegnati ai gendarmi. Il Pisacane ed il Falcone si suicidarono con le loro pistole, mentre quelli scampati all’ira popolare furono poi processati nel gennaio del 1858, ma, condannati a morte, furono graziati dal Re, che tramutò la pena in ergastolo. I due inglesi, per intervento del loro governo, furono dichiarati fuori causa per ... infermità mentale.

Garibaldi, poi, fu convocato in Inghilterra per organizzare una più decisa azione contro le Due Sicilie. Gli inglesi, infatti, erano convinti dall’insuccesso di Pisacane, che senza una destabilizzazione interna, soprattutto da attuare con la complicità dei vertici civili e militari, mai ne sarebbe stato possibile la conquista da parte del Piemonte. Dopo alcuni accordi preliminari con la massoneria inglese, Garibaldi partì da Liverpool con il vapore Waterloo, sbarcando a Staten Island il 30 luglio. A New York fu ospitato in casa del massone Antonio Meucci (prima che questi inventasse il telefono), dove aprì una fabbrica di candele allo scopo di mascherare la sua presenza negli U.S.A., che aveva solo lo scopo di ottenere aiuti finanziari e militari dai nord americani.

Il 1° agosto a Torino venne fondata la setta carbonara «Società Nazionale», sotto la presidenza del massone Daniele Manin, che faceva capo al siciliano Giuseppe La Farina ed al lombardo marchese Giorgio Pallavicino, ma a reggerne le fila era il Cavour che agiva secondo le direttive inglesi. Essa aveva il fine di organizzare segretamente azioni terroristiche e di rivolta dovunque fossero necessarie al fine di annettere tutta l’Italia al Piemonte. Ad essa aderirono i più noti massoni, tra i quali in seguito anche Garibaldi che ne divenne il capo. I principali comitati sovversivi erano a Torino, Genova, Milano, Venezia, Roma, Firenze, Napoli e Palermo, che dipendevano direttamente da Londra e da Parigi. La prima attività, sovvenzionata dagli illimitati fondi massonici, fu quella di plasmare l’opinione pubblica attraverso la pubblicazione di menzogne con il fine di screditare i governi d’Austria, del Papa, del Re delle Due Sicilie e degli altri piccoli Stati italiani. I principali giornali massoni europei di quel periodo erano: Siècle, Presse, Messager, Times, Morning-Post, Unione, Independance Belge. Tali menzogne sono ancora oggi riportate in Italia in tutti i libri di storia e fatte studiare come vere.

Nell’anno 1857 in India, dopo che si erano combattute ben otto guerre per impedire il dominio della Compagnia Britannica delle Indie, l’intero popolo indiano si ribellò al ferreo dominio inglese. La rivolta venne spietatamente soffocata nel sangue : milioni di persone furono barbaramente mutilate, assassinate, giustiziate, massacrate, migliaia di villaggi furono incendiati e rasi al suolo. In Inghilterra chi decideva queste atrocità era Lord Palmerston, diventato primo ministro, mentre ministro degli esteri era John Russell e ministro per le Colonie era Bulwer Lytton (autore del famoso romanzo «Gli ultimi giorni di Pompei» e che aveva rilanciato il culto di Iside «come supporto ideologico della diffusione della droga»). Il Palmerston in quel periodo aveva organizzato una serie di associazioni segrete e di banche che basavano la loro fortuna su operazioni finanziarie illegali, sul traffico dell’oro, di diamanti e di stupefacenti.

Mentre l’Inghilterra «pacificava» l’India, continuando a vendere l’oppio ai cinesi, la Francia occupava Saigon in Indocina. L’India, che prima dell’occupazione inglese era ricca di industrie e di derrate agricole, con un attivissimo commercio, cadde in uno stato di profonda prostrazione economica. La Compagnia inglese delle Indie Orientali, infatti, apportò un devastante capovolgimento nelle condizioni economiche di quel paese con la monopolizzazione del commercio, con il divieto delle industrie e con il fissare d’autorità il prezzo di vendita delle derrate agricole, tanto che la miseria dilagò in quelle campagne un tempo felici.

Il Mazzini, intanto, dopo aver diabolicamente plagiati i sovversivi, non sempre riusciva a controllarli. Esemplare fu il caso dell’Orsini, anche lui carbonaro reduce dai moti di Roma del 1848. Costui, infatti, convinto nella sua esaltazione che l’artefice della perdita della Repubblica Romana era stato Napoleone III, la sera del 14 gennaio 1858 lanciò, insieme ad altri tre complici, tre bombe sotto la carrozza di Napoleone III e dell’imperatrice Eugenia, che si recavano all’Opera. I sovrani rimasero incolumi. Gli scoppi provocarono però 8 morti e 150 feriti tra la gente. Tra i complici di Orsini vi era anche un sovversivo siciliano, il massone Francesco Crispi, anche lui in possesso di bombe per l’attentato, ma che non fu scoperto. Il Cavour, consultatosi rapidamente con Napoleone III, fece scrivere una lettera nobilissima che venne attribuita fraudolentemente all’Orsini. Nella lettera, appositamente diffusa in migliaia di copie quale testamento del condannato a morte, costui chiedeva all’imperatore di aiutare l’Italia a liberarsi dagli stranieri. I due compari, il Cavour e Napoleone III, il 13 marzo, si liberarono definitivamente dello scomodo Orsini, facendolo cinicamente ghigliottinare in maniera spettacolare.

Il 23 aprile l’Austria intimò al Piemonte il disarmo immediato dell’esercito piemontese, che era stato schierato provocatoriamente lungo le frontiere. L’arrivo il 26 aprile (e quindi già predisposto) delle forze francesi in Piemonte costrinse l’Austria a varcare il 29 aprile il Ticino con un suo esercito, comandato dal generale Gyulai, in modo da attaccare i piemontesi prima che i due eserciti si congiungessero. Ferdinando II dichiarò neutrale il Regno.

Intanto i sovversivi si erano scatenati il 26 aprile in Toscana, ove scacciarono da Firenze Leopoldo II. Il Piemonte ne approfittò subito per inviarvi un commissario, il massone Bettino Ricasoli, per «ristabilire» l’ordine e per rapinare le casse pubbliche di 56 milioni, che furono inviati in piemonte «per sostenere la causa italiana».

Il 20 maggio vi fu un primo scontro a Montebello tra Austriaci ed i Franco-piemontesi. Dopo la sconfitta di Gyulay il 30 maggio a Palestro, il 4 giugno gli Austriaci vennero sconfitti dai Francesi anche a Magenta e si ritirarono nel Veneto. Le truppe e il comando piemontese durante la battaglia si trovavano a 12 chilometri di distanza dagli avvenimenti e non ebbero nemmeno un ferito. L’8 giugno i Franco-piemontesi occuparono Milano. Il Garibaldi, intanto, rientrato dagli U.S.A, dove era riuscito a trovare gli aiuti richiesti, e fatto generale dal re Vittorio, era calato verso Bergamo con le sue bande di tremila volontari chiamati «cacciatori delle Alpi».

L’11 giugno, organizzate dal Piemonte, furono fatte scoppiare, ad opera dei settari massoni che aiutarono carabinieri piemontesi in borghese, delle rivolte a Fano, Senigallia, Faenza e Ferrara. Il 12 a Bologna, Ravenna, Imola e Perugia. La pronta reazione delle guardie e del popolo mise però in fuga verso la Toscana i sovversivi. Il 16 giugno a Napoli il Filangieri, insensatamente concesse una larga amnistia, facendo rientrare nel Regno circa 200 dei più accaniti cospiratori, che non persero tempo a tessere le loro trame di destabilizzazione.

Intanto la guerra tra l’Austria ed i Franco-piemontesi continuava fino all’episodio delle vittorie dei Francesi (non dei piemontesi come falsamente sostiene l’agiografia savoiarda) il 24 giugno a S. Martino e Solferino. Inaspettatamente, però, senza badare al Cavour, Napoleone III firmò un armistizio con l’Austria l’11 luglio a Villafranca, probabilmente perché temeva una invasione dalla Prussia, ma anche perché la Francia non aveva alcun interesse alla creazione di un forte regno ai suoi confini. L’Austria così cedeva la Lombardia alla Francia, che la donò al Piemonte, mantenendo il possesso del Veneto. Alla Francia il Piemonte dovette rimborsare una parte delle spese di guerra per circa 50 milioni di franchi.

Nello stesso luglio i piemontesi inviarono due reggimenti di bersaglieri ed altri «volontari» al comando di d’Azeglio nelle Romagne, ove occuparono Bologna, Ravenna, Forlì e Ferrara, che non erano riuscite a prendere con le rivolte. Anche qui vi furono le solite rapine e fu dichiarato decaduto il potere del Papa. Il commissario piemontese Paoli si appropriò personalmente di 13 milioni di lire. Pio IX inviò numerose proteste alle potenze europee, chiedendo la nullità degli atti dell'Assemblea Nazionale costituita a Bologna e presieduta da Minghetti, ma rimase inascoltato. In Francia, tuttavia, la reazione dei cattolici fu abbastanza forte da indurre Napoleone III a proporre, ma solo per acquietare gli animi, a Vittorio Emanuele la creazione di una confederazione italiana presieduta dal Pontefice.

Il 7 luglio, intanto, era avvenuta in Napoli una rivolta di circa 300 soldati svizzeri appartenenti al 3° e 4° reggimento. La rivolta fu rapidamente sedata dagli stessi svizzeri rimasti fedeli. Addosso ai morti ed ai prigionieri furono trovate moltissime monete d’oro. Dalle indagini risultò che erano stati sobillati da emissari piemontesi allo scopo di far mancare la fiducia del Re su questi reggimenti. Contemporaneamente il Cavour aveva fatto pressioni sul governo svizzero per il ritiro da Napoli di quelle truppe. Il Filangieri approfittò dell’incidente (causato appositamente) e fece sciogliere quel corpo militare che sicuramente era la maggior forza operativa dell’Armata Napolitana.

In agosto carabinieri piemontesi travestiti sollevarono altre sommosse a Modena e a Parma, costringendo alla fuga Francesco IV e Maria Luisa Borbone. Nelle due città si ripeterono le stesse atrocità e ladrocini commessi in Toscana. Anche qui prontamente «l’accorto» Cavour inviò dei rapaci commissari. A Modena arrivò il Farini, che non solo si appropriò della cassa e degli oggetti preziosi, ma finanche dei vestiti del duca. A Parma furono compiuti anche feroci delitti. Nelle due città in pochi giorni furono dilapidati circa 10 milioni di lire. Tutto quanto era di metallo prezioso fu fuso e trasformato in lingotti. La spia piemontese Antonio Curletti, che era stato incaricato dell’operazione, non seppe quale fine fecero quei lingotti, ma i savoiardi accusarono i sovrani scacciati di essere scappati via con l’argenteria e i tesori di Stato.

In settembre fu costituita una lega, con a capo Farini, Garibaldi e Fanti, per organizzare un plebiscito truccato in Toscana, Modena, Parma e nelle Romagne per l’annessione al Piemonte. Il Papa protestò, ma le truppe francesi, che erano nello Stato Pontificio per «proteggerlo», non si mossero.

A Palermo, il 27 novembre, fu accoltellato il responsabile della polizia per la Sicilia, Salvatore Maniscalco, uomo temutissimo e rispettato da tutti. L’attentatore, un tale mafioso Vito Farina, trovato con seicento ducati d’oro, aveva tentato di eliminare il principale ostacolo ai preparativi per l’invasione garibaldina. Gli inglesi avevano trovato, dunque, i loro alleati in terra siciliana.

Il 5 gennaio 1860 Garibaldi, con il consenso del governo piemontese, diede incarico ai massoni Giuseppe Finzi ed Enrico Besana di organizzare una raccolta di Fondi per un milione di fucili.
(* VEDI IL PROCLAMA AGLI ITALIANI E AGLI STUDENTI)
Fu raccolta la somma di oltre due milioni di lire soprattutto presso la borghesia piemontese, che puntava ad impossessarsi del mercato e delle ricchezze delle terre napolitane. Il materiale bellico acquistato fu sistemato nella caserma S. Teresa di Milano.

Il 24 gennaio Garibaldi, mentre stava per sposarsi con la contessina Giuseppina Raimondi, fu informato poco prima della cerimonia dal conte Giulio Porro Lambertenghi che la contessina era rimasta incinta dal garibaldino Luigi Càroli. L’eroe, che aveva deciso di sposarsi per «riparare» una «sua» presunta paternità, avuta conferma dalla stessa sposina che era stato cornificato, se ne scappò immediatamente a Genova. A quell’epoca Garibaldi, di bassa statura e con le gambe arcuate, era conciato male, era pieno di reumatismi e per salire a cavallo aveva bisogno dell’aiuto di due persone che lo sollevassero.

Il giorno 11 marzo si ebbero le farse dei plebisciti truccati in Emilia ed in Toscana, che vennero ufficialmente annesse al Piemonte. Le Romagne erano state già annesse con l’occupazione militare, nonostante la protesta del Papa, al quale venne proposto da Napoleone III di prendere in cambio ... gli Abruzzi, che erano territorio napolitano. Il Filangieri chiese le dimissioni proprio l’11 marzo e Francesco II lo sostituì con il principe di Cassaro, che aveva ottant’anni, il quale nominò ministro della Guerra il generale Winspeare, che ne aveva ottantadue.

Poi lo stesso Napoleone propose a Francesco II, che rispose negativamente, di sostituire le truppe francesi con truppe napolitane per la difesa del Papa, in modo da sguarnire di soldati il territorio napolitano. Napoleone III, intanto, manteneva 50.000 uomini in Lombardia per costringere il Piemonte a cedere Nizza e Savoia, che furono poi annesse alla Francia il 24 marzo. Quel giorno, infatti, a seguito degli accordi segreti tra i due governi, furono indetti plebisciti a Nizza e in Savoia per l’approvazione da parte del popolo dell’annessione alla Francia. Il giorno precedente le truppe francesi erano state fatte entrare nelle province per il «controllo» delle elezioni che, abilmente manipolate, risultarono favorevoli all’annessione. Nei bandi per le elezioni, per ancor più suggestionare il popolo, la parola «annessione» era stata sostituita dal Cavour con la parola riunione.

L’INVASIONE

Nel frattempo il Garibaldi si incontrava a Genova con Gerolamo Bixio, detto Nino, iscritto con tessera numero 105 alla loggia massonica «Trionfo Ligure», con l’avvocato massone Francesco Crispi, e con numerosi altri avventurieri, con i quali incominciarono a progettare l’invasione della Sicilia, secondo le direttive inglesi. L’Inghilterra, infatti, aveva vari motivi per eliminare il governo borbonico: un primo motivo era l’eccessiva fede cattolica di quel governo, così fedele al papa; poi, la continua persecuzione fatta contro le sette massoniche ed, infine, forse, il più importante motivo, essa vedeva con preoccupata apprensione l’avvicinamento dei Borbone all’impero russo che stava tentando di avere uno sbocco nel Mediterraneo. La situazione politica, inoltre, stava cambiando anche per la prossima apertura del canale di Suez e i porti duosiciliani avrebbero avuto una posizione strategica, tenuto conto anche del fatto che gli inglesi avevano dei forti interessi in Sicilia, non ultimi quelli riguardanti l’estrazione dello zolfo. Marsala sembrava quasi una colonia inglese, tanto che la popolazione inglese era più numerosa di quella locale.

E fu in quei giorni che Garibaldi ricevette dai massoni inglesi di Edimburgo del danaro in piastre turche, pari a una somma equivalente a circa 3 milioni di franchi (che riferito ad oggi avrebbero un valore di molti milioni di dollari). A quella somma avevano contribuito anche i massoni U.S.A e quelli del Canada. L’oro venne custodito dal massone Ippolito Nievo e sarebbe servito poi per «convertire» i generali borbonici alla causa carbonara.

Il 10 aprile a Messina, complice l’intendente traditore Artale, sbarcarono Rosolino Pilo, Giovanni Corrao e, poco dopo, il massone Francesco Crispi per «ammorbidire» le reazioni al prossimo sbarco di Garibaldi. I congiurati si recarono presso i capi della delinquenza locale di Carini, Cinisi, Terrasini, Montelepre, S. Cippirello, S. Giuseppe Jato, Piana degli Albanesi, Corleone, Partinico, Alcamo, Castellammare del Golfo e Trapani. In questi paesi si accordarono con «i picciotti» perché accorressero spontaneamente a dare una mano alle camicie rosse dopo lo sbarco. Il 13 aprile vi furono altri moti insurrezionali nelle campagne palermitane per preparare favorevolmente la popolazione all’arrivo di Garibaldi.

Il 6 maggio Garibaldi partì con 1.089 avventurieri ( QUI TUTTI I NOMI ) da Quarto sui vapori Piemonte e Lombardo, concessi dal procuratore della compagnia di Raffaele Rubattino, il massone G.B. Fauché, affiliato alla loggia «Trionfo Ligure» di Genova. Le due navi erano state "acquistate" con un regolare atto segreto stipulato a Torino la sera del 4 maggio alla presenza del notaio Gioachino Vincenzo Baldioli tra Rubattino, venditore, e Giacomo Medici in rappresentanza di Garibaldi, acquirente. Garanti del debito furono il re Vittorio Emanuele II e Camillo Benso conte di Cavour per il successivo pagamento, come da accordi avvenuti il giorno prima a Modena con Rubattino, presenti anche l’avvocato Ferdinando Riccardi e il generale Negri di Saint Front, appartenenti ai servizi segreti piemontesi e che avevano avuto l’incarico dall’Ufficio dell’Alta Sorveglianza Politica e del Servizio Informazioni del presidente del Consiglio. La spedizione era, dunque, organizzata consapevolmente e responsabilmente dal governo piemontese.
(da notare che dopo la conquista della Sicilia, e l'annessione, l'intera flotta siciliana Florio, fu trasferita a Genova, data a Rubattino; fu così estinto il debito. Ndr.)

I «mille» provenivano per la metà dal Lombardo-Veneto, poi, in ordine decrescente, vi erano toscani, parmensi, modenesi, tra costoro vi erano 150 avvocati, 100 medici, 20 farmacisti, 50 ingegneri e 60 possidenti. Quasi tutti stavano scappando da qualcuno o da qualcosa, spinti soltanto dal desiderio di avventura. Per quanto riguarda le presenze straniere, anche queste spesso depennate dalla storia ufficiale e dai testi scolastici, inglese era il colonnello Giovanni Dunn, così come inglesi furono Peard, Forbes, Speeche (il cui nome Giuseppe Cesare Abba, non potendo sottacere, trasformò nell'italiano Specchi). Numerosi gli ufficiali ungheresi: Turr, Eber, Erbhardt, Tukory, Teloky, Magyarody. Figgelmesy, Czudafy, Frigyesy e Winklen. La legione ungherese divenne preziosa per l'occupazione della Sicilia e per tante battaglie. La "forza" dei "volontari" polacchi aveva due ufficiali superiori di spicco: Milbitz e Lauge. Fra i turchi spicca Kadir Bey. Fra i bavaresi ed i tedeschi di varia provenienza si deve ricordare Wolff, al quale fu affidato il comando dei disertori tedeschi e svizzeri, già al servizio dei Borbone.

Il giorno 7 Garibaldi arrivò nel porto di Talamone, vicino Orbetello, dove venne rifornito dalle truppe piemontesi, comandate dal maggiore Giorgini, di 4 cannoni, fucili e centomila proiettili. Sbarcarono anche 230 uomini, comandati da Zambianchi, con il compito di promuovere una sommossa negli Abruzzi, ma subito dopo Orvieto, a Grotte di Castro, furono messi in fuga dai decisi gendarmi papalini. L’8 maggio Garibaldi fu costretto a ordinare che tutti rimanessero a bordo, dopo gli episodi di saccheggi e violenze che i garibaldini avevano fatto in Talamone. Successivamente, dopo aver imbarcato circa 2.000 «disertori» piemontesi, carbone e altre armi a Orbetello, scortato dalle navi piemontesi, ripartì il 9 maggio e sbarcò a Marsala il giorno 11.

Le due navi garibaldine furono avvistate con «ritardo» dalle navi borboniche. Erano in servizio in quelle acque la pirocorvetta Stromboli, il brigantino Valoroso, la fregata a vela Partenope ed il vapore armato Capri. Avvistarono i garibaldini la Stromboli e il Capri. Quest’ultima era comandata dal capitano Marino Caracciolo che, volutamente, senza impedire lo sbarco, aspettò le evoluzioni delle cannoniere inglesi Argus (comandata dal capitano Winnington-Inghram) e Intrepid (comandata dal capitano Marryat), che erano in quel porto per proteggere i garibaldini. Solo dopo due ore il Lombardo, ormai vuoto, venne affondato a cannonate, mentre il Piemonte, arenato per permettere più velocemente lo sbarco, venne catturato e rimorchiato inutilmente a Napoli.

La nostra narrazione termina qui, perché il resto della storia è noto e la figura di Garibaldi, a questo punto, è abbastanza evidente. Senza entrare nei dettagli, del resto già descritti nei precedenti numeri di Nazione Napoletana, è necessario ricordare le false vittorie di Garibaldi in Sicilia (dovute più ai tradimenti dei comandanti militari borbonici che all’eroismo garibaldino), le violenze, le rapine e gli assassini commessi dai garibaldini, soprattutto emblematici quelli di Bronte, di cui il Garibaldi fu il principale responsabile. Da ricordare anche lo sbarco avvenuto in Sicilia, subito dopo quello dei «mille», di circa 22.000 soldati piemontesi fatti «disertare» e che l’unica vera battaglia fatta dai garibaldini fu quella sul Volturno, dove solo l’insipienza del comandante borbonico impedì che tutta quella teppaglia fosse spazzata via.

Del resto lo stesso savoiardo Vittorio Emanuele, subito dopo il presunto incontro di Teano, indica chiaramente qual era il personaggio, quando scrisse (in francese) al Cavour : «... come avrete visto, ho liquidato rapidamente la sgradevolissima faccenda Garibaldi, sebbene, siatene certo, questo personaggio non è affatto docile, né così onesto come lo si dipinge e come voi stesso ritenete. Il suo talento militare è molto modesto, come prova l’affare di Capua, e il male immenso che è stato commesso qui, ad esempio l’infame furto di tutto il danaro dell’erario, è da attribuirsi interamente a lui che s’è circondato di canaglie, ne ha eseguito i cattivi consigli e ha piombato questo infelice paese in una situazione spaventosa".

E in ogni angolo delle Due Sicilie gli hanno fatto monumenti, dedicate piazze e strade ...

Antonio Pagano
Direttore periodico Le Due Sicilie
Periodico dei Popoli delle Due Sicilie
(vedi la rivista QUI)
Pagina intera (attendere con pazienza, è di 98 k.) 

Ultimamente Antonio Pagano ha pubblicato un interessante testo
riguardante tra l'altro la storia diplomatica del Regno delle Due Sicilie

DUE SICILIE, 1830 / 1880
Capone Editore, 2002

"I manuali di storia, in uso nelle nostre scuole sulle vicende italiane, contengono tutti la stessa chiave di lettura da 142 anni: le vicende del nostro Paese sembrano trovare tutte significato nell'unificazione dell'Italia. Valori, simboli, ideologie, la stessa storia dell'Italia preunitaria vengono piegati ai miti risorgimentali, in una lettura, per cosí dire, hegeliana, in cui tutto trova sintesi e ragione in due momenti delineati come fondanti della stessa essenza dell'Italia: il Risorgimento e la Resistenza. In quest'ottica, ci sta tutta la divisione, spesso preconcetta e settaria, tra buoni e cattivi, vincitori e vinti. Certo, se la storia, invece che tener conto dei fatti, cerca di addolcire eventi poco edificanti solo perché edulcorati da astratti significati etici, c'è poco da sperare di poter capire cosa sia successo nel nostro passato. E soprattutto perché ci dibattiamo nei problemi economico-sociali attuali, perché sono stratificate certe divisioni tra gli italiani, certe esasperazioni delle differenze che non sono mai motivo di arricchimento, ma di conflitto.
Il saggio di Antonio Pagano capovolge quella prospettiva: il centro è la storia del Mezzogiorno. Anzi dello Stato che, per circa 800 anni era il Mezzogiorno: il Regno delle Due Sicilie. Capovolgendo l'angolo visuale, tutto il resto assume significati differenti da quelli cui ci hanno abituati i manuali della storia ufficiale. Colpisce, in questo saggio, la minuziosa raccolta di eventi, anche minuti, elencati in maniera cronologica, partendo dal 1830 per finire nel 1880. E l'elencazione, con scarni aggettivi, resta un illuminante punto di partenza per comprendere come è avvenuta l'unità d'Italia. Non per sterile revisionismo ideologico, o per contestare oggi l'unità della nostra Nazione. Ma solo per ristabilire un po' di equità e contestare fino in fondo certi interessati luoghi comuni sui "meridionali brutti, sporchi e cattivi". Ed è questo, di certo, il maggior pregio del libro di Antonio Pagano".
Gigi Di Fiore - inviato de "Il Mattino" di Napoli

http://www.duesicilie.org/183080.html


(Innumerevoli sono i documenti che dimostrano la rivoluzione italiana essere stata opera di gente straniera, e l'Italia averla soltanto subìta. Per dir solo dei Napoletani, basti fin d’ora ricordare la confessione fattane da Bixio in pubblico alla Camera di Torino, nella tornata 9 DICEMBRE  1863, e la dichiarazione solenne di GARIBALDI  nel pomposo ricevimento fattogli in Inghilterra nell’aprile del 1864, dove, innanzi a 30.000 spettatori, Ministri, membri del Parlamento e Lord, ebbe a dire: "Napoli sarebbe ancora dei Borboni senza l’aiuto di PALMERSTON;  senza la flotta inglese io non avrei potuto passare giammai lo stretto di Messina". Parole autorevolmente terribili, le quali provano che, se Re Francesco II poteva combattere e vincere la insurrezione suscitata da una mano di avventurieri, avrebbe poi necessariamente perso , nonostante l’amore del popolo e il valore del suo esercito, dovendo  tener fronte alla mal celata guerra del Governo Britannico e all’aperta aggressione del Sardo, sostenuto da Napoleone III e dalla potenza della Francia, che grande era a quel tempo; doveva in una parola difendersi dai rivoluzionari di tutto il mondo, e dagl’interni tradimenti procurati da essi) (Versione di Paolo Mencacci, in Storia della rivoluzione italiana (vedi in tematica ITALIA RISORGIMENTO)


SE INVECE SI DESIDERA DALLA STORIOGRAFIA LEGGERE 
UNA ESALTAZIONE DEL PERSONAGGIO GARIBALDI
 Ultimamente è uscito un libro dello storico napoletano  Alfonso Scirocco,
 "Battaglie, amori, ideali di un cittadino del mondo" "Garibaldi"  ediz. Laterza, anno 2001)
ne diamo una breve recensione in fondo alla  BIOGRAFIA DI GARIBALDI

Altra Bibliografia suggerita
Jasper Ridley, "Garibaldi", Mondadori
D.M. Smith, "Cavour contro Garibaldi", Rizzoli
G, Spadolini "Fra Carducci e Garibaldi", Le Monnier
Max Gallo, "Garibaldi, la forza di un destino, Bompiani
Carlo Patrucco, "Documenti su Garibaldi e la massoneria"
Montanelli-Nozza, "Garibaldi", Rizzoli.
G.battista Cuneo, " Biografia di Giuseppe Garibaldi", Mursia


INTERVENTO

Amo la storia e la storiografia . E questa mia passione la trovo ora ancor più soddisfatta dal suo sito che ritengo veramente inesauribile . Lo divoro a più riprese, ne rileggo i passi. Cerco tutti i personaggi e le piccole storie nella grande storia. E mi esalta leggere di nuovi dettagli o di piccole note su argomenti di cui pensavo di essere sufficientemente edotto.
Ritengo che "Cronologia" sia decisamente obiettiva. Non ho colto ventate di "revisionismo" forzoso ma neppure fredda cronaca delle "veline" ufficiali ; credo che l'unico pezzo, finora letto, che mi ha suscitato un misto di divertimento ma anche indignazione è quello di un tale Antonio Pagano (quello sopra in apertura Ndr.) , redattore di un folkloristico "Neo- giornale del Regno delle 2 Sicilie" , in cui rivede il mito di Garibaldi e anzi ne fa un quadro degno del peggior brigante , sputando sentenze, denigrandone la figura ed esaltando chi lo osteggiò. Una stonatura decisamente. Va bene l'obiettività e la libertà di espressione ma credo comunque che esistano figure "al di sopra di ogni sospetto" e tra queste ci metto Garibaldi.
Eccezion fatta per questa lettura, il resto del sito è per me fonte di entusiasmo indescrivibile. Starei a leggerlo 24 ore su 24. Vorrei avere gli strumenti e le documentazioni per contribuire alla stesura delle nuove pagine.
Insomma , vorrei averlo fatto io , un sito come "cronologia".
Renzo Balestri - Forlimpopoli (FC)
-------------------------------------------------------------------
Non mi limito a mettere solo ciò che piace a me,
ma alle due metà degli italiani.
Prova ne sia che pubblico gli originali
"Memoriale", "I Mille". i "Discorsi" di Garibaldi
Gli italiani giudicheranno

Francomputer

--------------------------------------------------------

ALTRO INTERVENTO

Uso spesso "Cronologia" come strumento di lavoro, di solito con soddisfazione. Oggi mi sono imbattuto nella stravagante scheda di un certo Matteo Pagano, in cui Garibaldi viene raccontato come un brigante che andava stupreggiando a destra e a manca, sullo sfondo di un mondo dominato da una congiura demo-pluto-anglo-massonica.
Prima mi sono stropicciato gli occhi, poi ho controllato di non essere finito in un link esterno, alla fine ho cominciato a ridere di gusto, come se assistessi ad uno sketch su Zelig.
Non è il caso di fare una disamina scientifica della scheda: tali e tante sono le imprecisioni, le lacune di documentazione (mai una citazione di fonte ...), le interpretazioni pittoresche, che la cosa migliore è consigliare all'autore di esporsi di meno.
E non è nemmeno il caso di contrapporre esaltazioni di Garibaldi: lungi da me. Il personaggio non è esente da ambiguità, in particolare sulla questione del rapporto tra nazionalismo e internazionalismo o tra libertà e giustizia: non dimentichiamo che alcune diramazioni del garibaldinismo, ben rappresentate da Ricciotti Garibaldi, confluirono nella galassia fascista.
Però questa scheda è veramente una nota stonata. Va bene quello che Lei scrive : "Non mi limito a mettere solo ciò che piace a me, ma alle due metà degli italiani"; nessun filtro ideologico o religioso. Ma un minimo di filtro scientifico, quello sì; e poi, suvvìa: siamo sicuri che gli italiani sull'argomento siano divisi in due metà, di cui una condivide le opinioni della scheda? Io, che degli italiani continuo ad avere fiducia, dubito assai.
Cordialità
Luigi Dappiano, Trento
-----------------------------------------------------
Vale quanto detto sopra e in altre pagine di questa "Cronologia",
e quanto afferma lo stesso Garibaldi, nelle sue "Memorie", nei "Mille", nei suoi "Discorsi"
(quanti italiani hanno letto quelle righe?) scritti dove anche Garibaldi con l'animo amareggiato, è sferzante, spesso irriverente, insorge senza alcun rispetto contro i preti, il papato, contro Mazzini, contro i conservatori, contro la monarchia, contro tutto e tutti, infine contro l'ordinamento sociale.
Lo stesso Garibaldi dovette convenire che aveva passato il segno.

In questo caso il livore di Garibaldi è pari al "pittoresco" di Antonio Pagano?.
Io non lo so; io li ho semplicemente riportati entrambi.

Francomputer

______________________________________________

l'intervento di uno studente
"Voi mi state facendo una confusione in testa, non ci capisco più niente.
A me a scuola hanno insegnato un'altra storia: il Re Tentenna, il Re Galantuomo, il Re Soldato, Garibaldi l'eroe dei due mondi, Mazzini i doveri dell'uomo, ecc. ecc."

Bando alla confusione. La storia non è un dogma, essa è l'unione di tante verità e che il dubbio che si insinua nella mente di ognuno è salutare origine di ogni conoscenza.

ESISTONO DIVERSE STORIOGRAFIE E QUINDI DIFFERENTI INTERPRETAZIONI DEI FATTI STORICI; NOI TUTTI SENZA PREGIUDIZI NON DOVREMMO MAI RINUNCIARE NE' ALLE UNE NE' ALLE ALTRE, IN CASO CONTRARIO NON POSSIAMO ANDARE IN GIRO A DIRE CHE SIAMO LIBERI, E CHE LA NOSTRA E' LA MIGLIORE DEMOCRAZIA.
E QUESTA NON E' UNA INTERPRETAZIONE !

_______________________________________________

e ancora....

"C'è anche una retorica dell'Italia unita, la quale un tempo si esprimeva nel culto di Casa Savoia e oggi si esprime nella Resistenza al tedesco invasore, nella Guerra Partigiana, nell'antifascismo, nella Costituzione repubblicana, senza, peraltro, dimenticare il tricolore, la fanfara dei bersaglieri, l'Inno di Mameli, le imprese di Garibaldi, in modo che sia salva la continuità dello Stato unitario passato da Regno a Repubblica, e con tali valori nazionali anche alcune falsificazioni storiche, tipo "l'odiato borbone" o "il brigantaggio", che al tempo dell'unità trovavano qualche pratica giustificazione nell'esigenza di formare un pensiero nazionale italiano, ma oggi non più".Antonio Pagano

 

La miglior cosa che consiglia l'autore di questa Cronologia, ad entrambe le due fazioni pro e contro, è quella di leggersi direttamente le Memorie di Garibaldi (e soprattutto "I Mille", dove Garibaldi è spesso irriverente, offensivo, rabbioso, ambiguo). E' un modo per avere una valutazione psicologica abbastanza esatta del personaggio.

o vedi QUI l'intera polemica opera "I MILLE"

----------------------------------------

IO RIPORTO CIO' CHE AVVIENE A SUD COME A NORD DELL'ITALIA
AD ESEMPIO
IN UNA PARTE DEL POPOLO VENETO IN OCCASIONE DELL'INAUGURAZIONE
DELL'ENNESIMO MONUMENTO A GARIBALDI
COSI' HA REAGITO
(COMUNICATO IN VENETO E IN ITALIANO )

Montecio M. (VI) 21.09.2006,

REXISTENSA domanda l'anulamento ?imonia de posa de na lapide par G. Garibaldi in programa a Conelian sabo 23.09.2006


El Comitato de Rexistensa Veneta ritien che l'inaugurasion de na targa "a ricordo del pasajo de Giuseppe Garibaldi in te la ??n t'el 1867" a Conelian (TV), sabo 23 setenbre a le ore 11.00, co tanto de banda muxical e de le imancabili "autorit?ivili e relijose", la sia ina?abile e inoportuna, in quanto lexiva de la memoria dei Veneti oltre che de la verit?torega ojetiva.

Da na riletura de la storia risorjimental, scevra da le storpiadure propin?ar dexine de ani da la scola de stato taliana, vien fora che la figura de Giuseppe Garibaldi la xe tut'altro che exente da onbre: bandito e rasiador, bandio par rapina e sachejo in diversi stati del sudamerica, po mer?ario par varie potense foreste!

El personajo in cuestion non solo non el merita el nome de "eroe dei due mondi", ma el meritaria, al contrario, che el so nome fuse asoci? le parole "mercenariato" e "ladrocinio", do termini che evidensia el filo condutor de la so vita e de le so imprexe.
L'iniziadiva de l'aministrasion x?noportuna parch?tu?n te la p?otal asensa de senso critego de la storia e sensa rispeto par i mejari de sold?bsp;veneti morti in tei scontri contro i sold?avoiardi e i mer?ari garibaldini par difendar la Venesia da l'invasione del 1866 (vin?do, tra l'altro, sia par mar, a Lisa, che par tera a Custoxa)

El comitato de Rexistensa Veneta el domanda a l'Aministrasion comunal de Conelian:

- che vegna anull?a ?imonia piovega program?abo 23 setenbre p.v., par evitar che vegna comeso on ulterior eror storego e vegna riverta na feria in te la memoria dei Veneti;
- che se invia fora on dibatito piovego, coinvolxendo la ?adinansa traverso l'organixazion de tole rotonde e convegni e invitando storeghi unanimamente riconos?e inparsiai, par analixar e conprendar la reale figura de Giuseppe Garibaldi, al de l?e tuta la propaganda de l'oto?to e fasista;
In t'el caxo l'Aministrasion la volese far lo steso la manifestasion el comitato de Rexistensa anun? inixiadive pa?iche e non violente de contestasion de la ?imonia

ITALIANO

Montecchio Maggiore (VI) 21.09.2006,

REXISTENSA chiede l'annullamento della cerimonia di posa di una lapide a G. Garibaldi in programma sabato 23.09.2006


Il comitato Rexistensa Veneta ritiene che l'inaugurazione di una targa "a ricordo del passaggio di Giuseppe Garibaldi nella citt?el 1867" a Conegliano (TV), sabato 23 Settembre alle ore 11.00, con tanto di presenza di banda musicale e delle immancabili "autorit?ivile e religiose", sia inaccettabile e inopportuna, in quanto lesiva della memoria dei Veneti oltre che della verit?torica oggettiva.

Da una rilettura della storia risorgimentale scevra dalle storpiature propinate da decenni dalla scuola di stato italiana, emerge che la figura di Giuseppe Garibaldi ?utt'altro che esente da ombre: bandito e razziatore, ricercato per rapina e saccheggio in vari stati del sudamerica, poi mercenario al soldo di varie potenze straniere!

Il personaggio in questione non solo non merita affatto la nomea di "eroe dei due mondi", ma meriterebbe al contrario che il suo nome fosse associato ai termini "mercenariato" e "ladrocinio", due parole che evidenziano il filo conduttore della sua vita e delle sue imprese.
L'iniziativa dell'amministrazione ?uanto mai inopportuna, perch?ttuata nella pi?ale assenza di senso critico della storia e priva di ogni rispetto per le migliaia di sold?bsp;veneti caduti negli scontri contro i soldati savoiardi e i mercenari garibaldini per difendere la Venetia dall'invasione nel 1866 (vincendo tra l'altro sia per mare, a Lissa, che per terra a Custoza).

Il comitato di Rexistensa veneta chiede a questo punto all'amministrazione comunale:

- che sia annullata la cerimonia pubblica in programma sabato 23 settembre p.v., per evitare che sia commesso un ulteriore errore storico e venga riaperta una ferita nella memoria dei Veneti;
- che si avvii un dibattito pubblico, coinvolgendo la cittadinanza attraverso l'organizzazione di tavole rotonde e convegni ed invitando storici unanimamente riconosciuti come imparziali, per analizzare e comprendere la reale figura di Giuseppe Garibaldi, al di l?ella propaganda ottocentesca e fascista;
Nel caso l'Amministrazione intendesse procedere comunque, il comitato di Rexistensa annuncia iniziative pacifiche e non violente di contestazione della cerimonia

-----------------------------------

INSOMMA SU GARIBALDI NON TUTTI GLI ITALIANI SONO D'ACCORDO
QUELLI DI SINISTRA LA PENSANO IN UN MODO QUELLI DI DESTRA IN UN ALTRO
E COME SAPPIAMO LE DUE TENDENZE DIVIDONO ESATTAMENTE L'ITALIA IN DUE
E QUINDI RIPORTARE IL GIUDIZIO SOLO DI UNA NON E' OBIETTIVITA'

Quanto agli ideali di "carattere universale" , dobbiamo tenere presente che anche l'"universo" delle ideologie è diviso in due; da una parte i lavoratori, dall'altra i nobili, la Chiesa, la borghesia e buona parte della classe media, che hanno di Garibaldi tutti una pessima opinione. E altrettanto di Che Guevara.


(Franco)



(*) vedi l'intera polemica opera "I MILLE"

(*) vedi e il romanzo storico "CLELIA - IL GOVERNO DEI PRETI"

(*) vedi PROCLAMA DI GARIBALDI  AGLI STUDENTI DI PAVIA e agli  ITALIANI

(*) vedi ENCICLICA DI PIO IX DEL 19.01.1860

(*) vedi LETTERE DI NAPOLEONE, DEL RE, e di... DI MAZZINI (poco repubblicano)

(*) vedi L'UNITA' D'ITALIA - UNA STORIA CHE NON FU

< < RITORNO ANNO 1859

< < altra biografia (altra tesi)


ALLA PAGINA PRECEDENTE

CRONOLOGIA GENERALE  *  TAB. PERIODI STORICI E TEMATICI