SCHEDE BIOGRAFICHE
PERSONAGGI
REMBRANDT

 

REMBRANDT

 

( di  Rini Roberto ) 
   

Rembrandt  nasce, il 15 luglio 1606, a ridosso delle mura della città di Leida nella strada Weddesteeg da un mugnaio, proprietario di un mulino sulle sponde del Reno e chiamato perciò "Van Rijn" (del Reno).E’1'ottavo e penultimo figlio .. Papà Harmen e mamma Cornelia ,di origini cattoliche poi convertiti al calvinismo scelgono per il neonato il non frequente nome di Rembrandt: forse speravano di avere una bambina, alla quale dare il nome della nonna materna, Remigia. Al nome proprio del bambino si aggiunge, come da tradizione, il patronimico Harmenszoon (figlio di Harmen) e il cognome-soprannome Van Rijn. L'insieme e altisonante, ma le radici del pittore restano legate al ceto artigianale, come dimostrano i mestieri svolti dai fratelli di Rembrandt: il primogenito segue la strada del padre come mugnaio, un altro diventa fornaio come il nonno materno, un terzo calzolaio. Nella famiglia vi è comunque una discreta agiatezza, che per­mette al piccolo Rembrandt di intraprendere gli studi medio­superiori alla Scuola Latina di Leida. 

Nonostante non si possa definire un’intellettuale , Rembrandt, era a conoscenza della cultura classica e possedeva un grande rispetto verso la cultura e i libri stampati. Durante gli anni della giovinezza a1 termine di una lunga guerra contro gli spagnoli di Filippo II, le sette Provincie Unite dei Paesi Bassi del Nord (l'Olanda e, propriamente, solo una di queste) riescono finalmente a ottenere 1'indipendenza guidate dal coraggioso stadhouder Guglielmo d'Orange detto “il taciturno” ; le provincie protestanti si staccano dalle regioni meridionali, che formeranno in futuro il Belgio. Nei Paesi Bassi i caparbi abitanti riescono, grazie ai mulini a vento lungo i canali, a tenere sotto controllo un territorio in continua lotta contro il mare;

Nel giro di pochi anni l’Olanda si trasforma in una delle principali potenze economiche d'Europa e si prepara ad affrontare il suo “secolo d’oro”; nasce la lingua neerlandese diffusa grazie a intense campagne di alfabetizzazione e si diffonde la religione calvinista che accoglie in modo molto tollerante le minoranze cattoliche ed ebree. L’ Olanda mancando il ceto aristocratico la corte e senza privilegi ecclesiastici, vie­ne considerata la prima democrazia capitalistica moderna.  

La città natale diviene un’importante centro umanistico e artistico grazie anche alla presenza di una famosa università e alla sua brillante vita economico-commerciale. Nasce qui un’importante scuola pittorica seconda solo a quella di Utrecht [1] il cui artista di punta fu Luca da Leida; un punto di riferimento importante per le prime esperienze pittoriche di Rembrandt. 

Isaac van Swanenburgh, fu il primo maestro di Rembrandt e un esponente della scuola di Leida; legato alla tradizione di Bosch, che, oltre alla pittura, si dedica ad arazzi e vetrate.

Rembrandt compie presso Van Swanenburgh un apprendistato di tipo artigianale imparando il "mestiere", non l'arte; ma ha la prima occasione di contatto con l'Italia, dove non si recherà mai, di cui pero studierà i capolavori; infatti negli anni venti del Seicento la pittura di tutta Europa è ammaliata dall'arte rivoluzionaria di Caravaggio che ottiene dalle luci diagonali e dal buio sorprendenti effetti realistici.

Anche l'arte olandese risente delle novità italiane, ma il mercato artistico olandese è differente e indirizzato prevalentemente al ceto borghese e non all'aristocrazia o alla Chiesa. Si ricercano perciò soluzioni alternative.

La formazione di Rembrandt avviene in un momento molto favorevole, ricco di stimoli e di proposte: da un lato, la "grande pittura" di storia, ispirata ai modelli italiani e alla vicina scuola di Anversa, dominata da Rubens; dall'altro, il gusto tutto olandese per dipinti medio-piccoli, di raffinata esecuzione, destinati all'arredo domestico e non alle collezioni principesche. La religione calvinista e la presenza di una notevole comunità ebraica richiedono inoltre la personale riflessione sulla Bibbia.

La formazione pittorica di Rembrandt si concluderà ad Amsterdam presso il pittore Pieter Lastman nel 1624; Lastman è sicuramente un pittore di qualità che ha studiato e lavorato in Italia esportando alcune delle caratteristiche della pittura barocca. Rembrandt, studia con attenzione i quadri di Lastman e ne impara la precisione e l’uso di colore tipicamente italiano; riproponendo alcuni dei soggetti storici del maestro Rembrandt dimostra in poco tempo di avere acquisito tecnica e personalità alle quali lo Stesso Lastman non arriverà mai.  

Nel 1627, al termine della sua esperienza, rientra a Leida ove apre uno studio in collaborazione con un altro pittore esordiente e oltretutto allievo di Lastman : Jean Lievens.

Tra i due nasce un buon affiatamento tanto che dipingono spesso assieme e spesso i propri ritratti o gli stessi soggetti; anche se non divengono famosi il loro nome comincia a varcare le porte della città di Leida.

Il primo segno del successo di Rembrandt arriva nel 1628, quando egli prende presso di se il primo suo allievo di Leida, Gerrit Dou (2) che rimarrà presso il maestro sino al proprio trasferimento.Le condizioni economiche cominciano a migliorare in quanto al tempo gli allievi pagavano una rendita spesso non indifferente al proprio insegnante; oltretutto, quasi contemporaneamente Rembrandt riesce a vendere il primo quadro ad Amsterdam portandolo personalmente, si dice, a piedi.

Ma la vera, grande svolta nella carriera dei due soci avviene con la visita al loro studio da parte di Constantijn Huygens segretario del principe Federico Enrico d'Orange, abile diplomatico, poeta discreto e cultore d’arte. Il suo giudizio, in fatto di arte, è determinante, ed il suo giudizio è talmente ottimistico che lo stesso Huygens commissiona a Lievens il proprio ritratto, mentre a Rembrandt affida quello del fratello. Per diversi anni seguirà la carriera di entrambi, favorendo il trasferimento di Lievens in Inghilterra e garantendo committenze principesche a Rembrandt: per qualche tempo, agisce quasi da "agente", proponendo opere dei due a collezionisti internazionali. Ardente sostenitore della cultura e dell'arte olandese, Huygens sottolinea che Rembrandt e Lievens non sono mai stati in Italia, eppure le loro opere possono essere confrontate senza imbarazzi con i grandi maestri del passato.

Iniziano così le visite sempre più frequenti degli amatori d'arte e perciò i primi successi economici.

Nel 1630 muore il padre che spesso aveva posato per il pittore per la realizzazione di quei ritratti o “teste di carattere” che divennero poi richiestissime; le teste di carattere erano sì dei ritratti con persone riconoscibili (e spesso parenti di Rembrandt) ma con espressioni e particolari insoliti, spesso esotici (che tanto attiravano il pittore) 

In quest’anno entra in contatto con il mercante d'arte di Amsterdam Hendrick van Uylen­burch, che avendo una clientela facoltosa ed esigente, specie nel campo dei ritratti, e comprendendo 1'ambizione di Rembrandt, gli offre un accordo in cui egli diviene mediatore fra Rembrandt e i committenti, offrendo in cambio un alloggio e un atelier in un quartiere elegante della capitale. Nel luglio del 1632 il giovane pittore lascia definitivamente Leida e si trasferisce ad Amsterdam ove si dedica prevalen­temente al ritratto, in modo da farsi rapi­damente conoscere nel giro dei collezio­nisti, degli amatori e dei più facoltosi acquirenti di opere d'arte d'Olanda.

 

Il dinamismo che spesso affiora dalle opere e dai ritratti di Rembrandt, è una delle caratteristiche forse più evidenti della città di Amsterdam in questi tempi; il suo porto commerciale diviene uno dei più importanti al mondo, se non il più importante e qui si possono trovare merci provenienti da tutto il mondo. L’urbanistica della città viene ridisegnata, sistemati i canali e costruite belle e confortevoli case; cominciano a converge verso la capitale schiere di mercanti e professionisti facoltosi e opulenti: è questa la clientela che si rivolge a Rembrandt. In quest’anno viene commissionato al pittore il famoso quadro “Lezione di Anatomia del Dottor Tulip”. 

Proprio a casa di Hendrick, Rembrandt conosce Saskia ; è una ragazza di vent'anni e parente stretta di Hendrick .

Saskia, rimasta orfana del padre ,borgomastro di Leeuwarden, lascia la Frisia per stabilirsi ad Amsterdam. 

Tra il pittore baffuto e la colta ragazza, scoppia una meravigliosa storia d'amore tanto che i due si fidanzano ufficialmente il 5 giugno 1633. Si avviano le pratiche per il matrimonio: la madre di Rembrandt fa attendere a lungo il necessario consenso. Finalmente, il 22 luglio 1634, dopo lunghe attese per il consenso della madre di lei,  Rembrandt e Saskia si sposano e la cerimonia si svolge nel tempio riformato di Sant'Anna su un polder della Frisia.

Per Rembrandt, "il figlio del mugnaio", questo matrimonio segna oltre che l’inizio di un’affettuosa storia d’amore, un deciso balzo sociale. Cambia anche il tenore di vita economico di Rembrandt in quanto la sposa, benestante porterà in dote ben quarantamila fiorini (considerata ai tempi una cifra molto cospicua); i due sposi si stabiliscono ad Amsterdam e Saskia diviene una delle modelle predilette del pittore. 

 

In uno degli innumerevoli ritratti la moglie posa con un’abbondante veste orientale che fa subito pensare ad una imminente gravidanza; infatti già nel 1635 partorirà in primo figlio a cui verrà dato il nome di Robertus ma che purtroppo sopravviverà solamente pochi mesi. Grazie anche alla sua raggiunta fama di pittore, Rembrandt riceve committenze signorili anche se a volte non ben retribuite ed oltretutto egli decide di non abbracciare nessuna religione in particolare in modo da non precludersi nessun tipo di committenza. 

Questa sua agiatezza economica lo porta a cambiare casa nel 1639 per comprarne una più signorile sulla riva dell’Amstel e a intraprendere quasi in modo maniacale una specie di collezionismo smisurato e senza ordine logico.Per il pittore è la casa dei suoi sogni, dove trasferire la famiglia e la crescente collezione d'arte e di curiosità. E un palazzo a due piani, in pietra e mattoni, con un bel frontone a gradoni, costruito all'inizio del secolo in una zona semicentrale di Amsterdam, un quartiere residenziale vicino al ghetto.

I proprietari, Pieter Bel­ten e Christoffel Thijssens, pretendono una cifra notevole per 1'acquisto: tredicimila fiorini; ma il pittore ritiene di potersi permettere questo esborso, perlomeno a rate. Dopo una lunga trattativa, prende possesso della casa il primo maggio 1639, anticipando un quarto della cifra pattuita. Si impegna a pagare il resto entro cinque o sei anni.

Nonostante la fama raggiunta, continua il lavoro di maestro nella bottega, abituato ad avere allievi e collaboratori, talvolta di notevoli qualità.

E importante ricordare che gli allievi, oltre a potenziare l'attivita della bottega, pagavano una retta per poter studiare ma Rembrandt non ne ha mai approfittato, impegnandosi direttamente nella formazione degli allievi. Soprattutto intorno agli anni trenta, il numero degli studenti cresce in modo tale da imporre molti sforzi organizzativi a Rembrandt.

Il pittore prende in affitto un grande magazzino dismesso e organizza l'atelier, ricavando attraverso tramezzi e tendaggi piccoli camerini autonomi per gli allievi. I collaboratori hanno cosi la possibilità di alternare un lavoro più tranquillo e separato (talvolta con la presenza di modelle nude) con affollate "lezioni di gruppo", in cui alcuni di loro erano invitati a dar vita a composizioni viventi, utilizzando i costumi e l'armamentario teatrale di Rembrandt.

Le ricche collezioni di costumi teatrali del pittore sono una delle sue manie, ne compra a dismisura e li pone a disposizione dell’atelier; la sua passione per il teatro risale alla giovinezza ma è nel fervente ambiente culturale di Amsterdam che Rembrandt ritrova il suo interesse nella letteratura e nella recitazione le cui espressioni e costumi sono per lui spesso ottimi spunti. Entrato a far parte della vita sociale della città, Rembrandt conosce personalità politiche, scrittori e poeti di fama tra cui l’amico e committente Jan Six (3)

 

 

Rembrandt si accinge dopo dieci anni la Lezione di anatomia del dottor Tulp , a dipingere un nuovo ritratto di gruppo importante : “la milizia civica del capitano Frans Banning Cocq”, (noto con titolo di “Ronda di notte”). La commissione è molto prestigiosa, destinata a segnare in modo chiara l'apice della carriera del maestro. Per affrontare il grande dipinto (una tela di circa quattro metri per cinque, oggi un po' ridotta da tagli a sinistra e in alto), Rembrandt ristudia tutte le tappe della sua formazione e della prima attività: l'insuperabile vivacità dei ritratti, la ricchezza della composizione, il gusto per il movimento, la densità dei colori italiani. L'elaborazione della Ronda di notte è il riassunto delle esperienze e delle scelte a cui Rembrandt è arrivato dopo anni di esperienza.

Nel frattempo in Olanda, dopo la battaglia delle dune, nel 1639, che segna fine della minaccia di una riconquista spagnola, la situazione interna è abbastanza stabile.

Gli olandesi cominciano a fondare le basi per la propria società basandosi sulla tolleranza verso le comunità straniere e religiose,  la perfetta organizzazione di tutti i livelli della società: famiglia, quartiere, città, stato ed un forte sentimento nazionale

Il governo risiede all'Aia, dove lo stadhouder vive in una vera e propria corte: la repubblica si sta trasformando nella monarchia degli Orange.

Il 1642 è sicuramente un anno nefasto per il pittore che, nonostante il successo sia di critica che economico dopo l’esecuzione della Ronda di Notte, si trova costretto a separarsi dalla persona a lui più cara: Saskia. Non è la prima esperienza negativa per Rembrandt che in questi anni ha visto morire entrambe i genitori, ben tre figli in tenerissima età, ma la morte della moglie lo segna in modo indelebile.

Saskia muore trentenne; dopo aver dato alla luce il figlio Tito nel 1641 non si riprende più dal parto e, anzi viene colpita da tubercolosi che la porteranno alla morte il 14 giugno 1642.

Verrà seppellita ne transetto sinistro della Oudekerk

I1 5 giugno 1642, nove giorni prima di morire, Saskia fa testamento. I quarantamila fiorini della dote vengono lasciati per metà al marito e per metà a Tito, con la clausola che non vengano amministrati dall'Istituto degli Orfani, ma da Rembrandt stesso. Vent'anni dopo la morte di Saskia il pittore sarà costretto a vendere la tomba nella prestigiosa Oudekerk, e a trasferire le ceneri nella Westerkerk.

Impossibilitato a badare al piccolo Tito di nove mesi, Rembrandt assume una governante: Geerte Dircx, una contadina della Zelanda, rimasta vedova del marito trombettiere.

Geertje bada alle faccende domestiche: è analfabeta ma decisa, ruvida e nonostante rappresenti l'antitesi rispetto a Saskia, diventa l'amante del pittore.

Rembrandt viene sì considerato un grande artista pieno di affetto per il piccolo Tito ma si ritiene anche, a detta dei calvinisti, che conduca una vita privata decisamente scandalosa: non frequenta la comunità religiosa, spende più di quanto guadagna per acquisti spesso stravaganti, tiene in casa animali esotici (fra cui una scimmia, inconcepibilmente sudicia e sconveniente per le linde case olandesi), soprattutto ha una non celata relazione con la governante.

Per tutti questi motivi la fama del pittore e fortemente compromessa in patria, mentre sempre più spesso scrittori d'arte e collezionisti stranieri si interessano alle opere di Rembrandt. La vita sentimentale e familiare del pittore ritrova intanto un certo equilibrio, ma anche il rapporto con Geertje finirà per incrinarsi tanto che il pittore comincerà ad amoreggiare con una sua modella dal nome Hendrickije Stoffels.

Per il pittore si profila un periodo molto difficile: · tra le clausole del testamento di Saskia c'è il vincolo che Rembrandt non si risposi, pena la perdita di meta dell’eredità. · I  gusti dei committenti stanno cambiando e la sua condotta personale viene ritenuta gravemente sconveniente dai calvinisti.

Gli amici si diradano, alcuni allievi abbandonano lo studio: solo Jan Six continua a sostenere Rembrandt, anche con aiuti economici.

I1 24 gennaio 1648 Geertje fa testamento, indicando come erede universale Tito. Fanno parte dell’eredità anche i gioielli che erano stati di Saskia. Qualche mese dopo, a fronte della relazione ormai evidente fra Rembrandt e Hen­drickije Stoffels, Geertje intenta causa al pittore, sostenendo di aver ricevuto da lui una non onorata promessa di matrimonio,. Il tribunale da ragione a Rembrandt, ma gli impone di versare una non esigua pensione annua a Geertje. Nel 1649 il maestro cita in giudizio Geertje, per aver portato i gioielli di Saskia al banco dei pegni.

Nell’ottobre 1649: Geertje viene internata nel carcere­ricovero di Gouda, ma Rembrandt deve continuare a ripagarle la pensione di duecento fiorini annui. Cominciano ad affiorare anche le prime difficoltà artistiche in quanto , in Olanda tendono a cambiare i gusti dell’arte in quanto si preferiscono, ai temi di Rembrandt , stili più ricchi e decorativi. Questo calo estimativo riguarda esclusivamente il mercato nazionale mentre, all’estero continua a venir molto apprezzato; lo dimostra il fatto che un nobile collezionista siciliano gli acquisterà circa 200 incisioni e alcuni dipinti. Nonostante ciò inizia per Rembrandt il tracollo finanziario e i creditori premono su di lui. Nel 1653 chiede aiuto a Jan Six e ad altri amici e, dando in garanzia le proprie opere, riesce a raccogliere la somma necessaria per pagare a Christoffel Thijssen, una parte della casa di Sint Anthonisbreestrat, ma con gli interessi, Rembrandt gli deve ancora 8470 fiorini.

Nel 1654 Hendrickije la sua compagna mette al mondo una bambina, e Rembrandt sfida ancora una volta la sorte dando alla bambina il nome di Cornelia, già due volte fatale alle figliolette avute da Saskia.

Six trasferisce il credito ad altri, e Rembrandt si trova di nuovo in difficoltà, anche perché alcuni clienti rifiutano le opere già ricevute e reclamano indietro il danaro: tenta di trasferire a Tito la proprietà della casa, ma l'Istituto degli Orfani si oppone. Nel luglio del 1656 viene steso un inventario ufficiale dei beni del pittore e messi all’asta in un salone dell’albergo De Keyserkroon: 363 lotti, fra cui intere collezioni di disegni, incisioni e dipinti di grandi maestri italiani e fiamminghi. I1 tutto viene venduto nel 1656 per la cifra irrisoria di seicento fiorini. Dopo un periodo di controversie, nel febbraio del 1658 è la volta della casa del pittore, aggiudicata per 11.200 fiorini. Rembrandt si trasferisce in una modesta casa sul Rosengracht; e, per limitare i fastidi con l'erario e i creditori si è registrato come nullatenente e alle dipendenze di Hendrickije e del figlio Tito (a sua volta sotto la tutela della Camera degli Orfani), che gli passano vitto e alloggio in cambio delle sue opere di pittura e incisione, di cui detengono l'esclusiva.

Le quotazioni dei quadri di Rembrandt ricominciano a salire, anche grazie agli elogi che rimbalzano da varie nazioni: riprendono anche gli incarichi pubblici, ma il pittore e sempre povero, tanto da dover vendere la tomba di Saskia. Il suo stile, intanto, si evolve ulteriormente verso il ricordo di Tiziano.

Nel 1663 un nuovo lutto colpisce Rembrandt: muore Hendrickije Stoffels, ultima compagna della sua vita, che nel testamento si definisce "moglie" del pittore.

Tito, raggiunta la maggiore età, entra in possesso della sua parte dell’eredità materna. Il 10 febbraio 1668 sposa Magdalena van Loo, nipote della sorella di Saskia e poco dopo le nozze la giovane coppia di sposi aspetta un erede. A Rembrandt i primi mesi del 1668 regalano uno sprazzo di felicità immensa grazie agli eventi recenti, ma in settembre, un’altra tragedia, forse la più dura. Tito muore e con lui il suo ultimo affetto, il suo unico legame rimastogli con Saskia. Rembrandt sprofonda nella solitudine nell’inappetenza e nella noia. 

Nella spoglia casa sul Rosengracht rimane solo con Cornelia, la figlia avuta da Hendrickije quindici anni prima. In marzo, in lacrime, assiste al battesimo della nipotina, che viene chiamata Titia. Sarà una bimba sfortunata che, senza papà, presto si ritroverà anche senza la mamma. Il pittore si rinchiude nell’ultimo suo grande amore, la pittura, la cui qualità rimane sempre elevata. 

Rembrandt morirà solo e povero nel 1669 e con lui tramonterà un epoca, 
quella del “Secolo d’oro olandese”.  

 

Elenco delle opere più note di Rembrandt e dove sono esposte

PAESI BASSI
Mauritshuis l'Aia
Presentazione al tempio
Autoritratto con gorgiera
Lezione di anatomia del dottor Tulp
Due teste di negri
Andromeda legata allo scoglio
Omero
Davide suona I'arpa davanti a Saul
L'ultimo autoritratto
Casa di Rembrandt Amsterdam
Le rovine del vecchio municipio
dopo l'incendio del 7luglio 1652
Collezione Six Amsterdam 
Omero recita i suoi versi
Ritratto di Jan Six
Historisch Museum Amsterdam
Lezione di anatomia del dottor Deyman
Rijksmuseum Amsterdam
Tobia Anna e il capretto
Autoritratto
Geremia piange la distruzione di Gerusalemme
Ritratto della madre come profetessa Anna
Concerto in vesti bibliche
La foce dell’Amstel ad Amsterdam
Saskia col velo
Busto d'uomo in costume orientale
La ronda di notte
Sacra famiglia di notte
Bambina con i pavoni morti
Paesaggio con ponte di pietra
Ritratto di Tito in veste di monaco
Musees Royaux des Beaux-Arts Bruxelles
Nicolaes van Bambeeck
Teylers Museum Haarlem
Studio di donna in costume zelandese
Museum Boymans van Beuningen Rotterdam
Saskia alla finestra
Ritratto di Tito che studia
Allegoria della concordia
Un sindaco dei drappieri in piedi
Utrecht Museum Catharijne Convent
Il battesimo dell'eunuco etiope
  
GERMANIA
Kunsthalle Amburgo
Ritratto di Maurits Huygens
Presentazione al tempio
Herzog Anton Ulrich
MuseumBraunschweig
Ritratto di famrglia
Wallraf Richartz Museum Colonia
Autoritratto come Democrito
Gemaldegalerie Dresda
La coppia felice
Saskia sorridente col cappello piumato
Sansone propone un indovinello al banchetto di nozze
Ultimo ritratto di Saskia
Ratto di Canimede
Autoritratto col tarabuso
Stadelsches Kunstinstitut Francoforte
Accecamento di Sansone
Staatliche Museen Gemaldegalerie Kassel
Saskia col cappello
Sacra famiglia con cornice e cortina dipinte
Ritratto di Nicolaes Bruyningh
Giacobbe benedice i figli
Alte Pinakothek Monaco
Sacra Famiglia
Deposizione dalla Croce
Cristo innalzato sulla Croce
Deposizione nel sepolcro
Resurrezione
Innalzamento della Croce
Adorazione dei pastori
Autoritratto
Graphische Sammlung Monaco
Disegno preparatorio per la congiura dei Batavi
Staatsgalerie Stoccarda
San Paolo in carcere
  
SVEZIA
Statens Konstmuseer Stoccolma
Giovane donna col ventaglio
Fanciulla alla finestra
Omero detta i suoi versi a uno scrittore
ll giuramento dei Batavi
Il cantico di Simeone
  
REGNO UNITO
National Gallery of Scotland Edimburgo
Giovane donna a letto
Autoritratto col bavero rialzato
City Art Gallery Glasgow
Uomo con armatura
British Museum Londra
Un elefante
Ritratto di Cornelr's Anslo
Ceertje Dircx
Giovane addormentata
Quattro orientali seduti sotto un albero
Buckingham Palace Londra
Agatha Bas
Il costruttore navale Jan Rrjcksen e la moglie Criet
Courtauld Institute Londra
Un attore seduto
Dulwich Picture Gallery Londra
Jacob de Cheyn lll
Fanciulla alla finestra
National Gallery Londra
Saskia in costume di Flora
Signora ottantatreenne
Ecce Homo
Adorazione dei pastori
Autoritratto con camicia ricamata
Il festino di Baldassarre
Cristo e I'adultera
Giovane che si bagna in un ruscello
Ritratto equestre di Frederick Rihel
Jacob Trip
Autoritratto a mani giunte
Wallace Collection Londra
Ritratto di Tito con catena e ciondolo
Kenwood House Londra
Autoritratto con tavolozza e pennelli
Ashmolean Museum OxfordRitratto del padre
Modella nello studio.

ITALIA
Uffizi Firenze
Autoritratto con catena e ciondolo
Torino Galleria Sabauda
Vecchio addormentato accanto al fuoco
  
AUSTRIA
Tiroler Landesmuseum Innsbruck
Anziano con berretto di pelliccia ("Ritratto del padre")
Residenzgalerie Salisburgo
Vecchia in preghiera ("Ritratto della madre")
Graphische Sammlung Albertina Vienna
Paesaggio con mutino
Disegno del Ritratto di Baldassar Castiglione di Raffaello
Kunsthistorisches Museum Vienna
Autoritratto con le mani Sui fianchi
Ritratto di Tito che legge.

FRANCIA
Musee des Beaux­Arts Lione
Lapidazione di santo Stefano
Collezione degli eredi Rothschild Parigi
Ritratti di Maarten Soolmans e della moglie Oopjen Coppit
Musee du Louvre Parigi
Hendrickije Stoffels
Betsabea con la lettera di David
Bue squartato
Ritratto di Tito col berretto
Musee Cognacq-Jay Parigi
L'asina di Baatam.

SPAGNA
Museo Nacional del Prado Madrid
Artemisia o Sofonisba
 
AUSTRALIA
National Gallery of Victoria Melbourne
Colloquio tra i santi Pietro e Paolo
  
RUSSIA
 Museo Puskin Mosca
Assuero e Aman al banchetto di Ester
San Pietroburgo Ermitage 
Saskia in veste di Flora
II commiato di Davide e Gionata
Sacra famiglia con angeli
Danae
Sacrificio di Isacco
Aman vede la sua fine
ll ritorno del figliol prodigo
Commiato di Gionata

STATI UNITI
Isabella Stewart Gardner Museum Boston
Gesù e i discepoli nella tempesta Museum of Fine Arts Boston
Il pittore davanti alla tela
II pastore Johannes Elison
Ritratto di uomo in pelliccia
Collezione del duca di Devonshire Chatsworth
Veduta del fiume lj da Diemerdrjk
The Art Institute Chicago
Ritratto di vecchio con catena d'oro
The Taft Museum Cincinnati
Ritratto d'uomo che si alza dalla sedia
Armand Hammer Collection Los Angeles
GiunoneInstitute of Arts Minneapolis
Il suicidio di Lucrezia
Frick Collection New York
Autoritratto
Ritratto di Nicolaes Ruts
The Metropolitan Museum of Art New York
II nobile slavo
Signora con ventaglio
Aristotele contempla il busto di Omero
Ritratto di Floris Soop come portastendardo
Hendrickije Stoffels
Hendrickije in veste di Flora
Gerard de Gairesse
Ritratto di signora con un garofano in mano
Ottawa National Gallery of Canada
La toeletta di Betsabea
Washington National Gallery of Art
Ritratto d'uomo in costume polacco
ll suicidio di Lucrezia

LINKS per approfondire 
Rembrandt
 (inglese)
Artcyclopedia
(inglese)
Yahoo; Rembrandt van Rijn
(inglese)
Rembrandt House
(inglese)
Rijks museum Amsterdam
(inglese)

(1) la scuola di Utrecht - Nei primi decenni del Seicento Ut­recht è forse il centro artistico più importante delle Provincie Unite. Nell'Olanda calvinista, Utrecht resta a maggioranza cattolica e i pittori cit­tadini si ispirano dichiaratamente a Caravaggio. Animatore della scuola di Utrecht e prima di tutti Gerrit van Honthorst, che durante i suoi prolun­gati soggiorni in Italia viene sopran­nominato "Gerardo delle Notti" cau­sa la predilezione per il notturno.
(2) f
iglio d’arte Dou diverrà a sua volta maestro e dipingerà una serie limitata di opere molto apprezzate. Aprirà un atelier a Leida e verrà spesso ricordato per la sua maniacalità nella pulizia che spesso compare anche nelle sue opere.
(3) Jan Six - Ricco e colto, scrive poesie e tragedie, non nasconde ambizioni politiche, condivide con Rem­brandt il gusto del collezionismo e interviene più volte per aiutare economicamente il pittore. Secon­do un credibile aneddoto, Rem­brandt avrebbe realizzato il dise­gno per il Ponte di Six durante una scampagnata nel podere dell'amico, in una pausa del pranzo, tra una portata e l'altra, mentre un cameriere era andato a cercare della mostarda.

  Rini Roberto


ALLA PAGINA PRECEDENTE

CRONOLOGIA GENERALE  *  TAB. PERIODI STORICI E TEMATICI

By Francomputer