LA DETTAGLIATA CRONISTORIA DEGLI EVENTI BELLICI E POLITICI IN QUESTE PAGINE > > >
IN BREVE O IN 1190 PAGINE

PRIMA GUERRA MONDIALE - IMMAGINI
attenzione sono su un unico file - 100  immagini - quindi attendere con pazienza !


Il Popolo d'Italia, diretto da un giovane Benito Mussolini,
annuncia la guerra con titoli che (moltiplicati) ritroveremo poi anche in futuro.
"La mobilitazione avviene con entusiasmo"

Roma, "Viva la Guerra"

Milano, "Viva la guerra"

Bologna, "Viva la guerra"


sotto: La storica seduta del 20 maggio alla Camera.

"Dopo il voto dato dalla maggioranza per i pieni poteri al Governo, tutti, deputati, giornalisti, ufficiali, cantano l'inno della Patria, interrompendolo di tratto in tratto per un applauso, per un grido:
"Viva la guerra! Viva l'Italia!" E nessuno vuole essere il primo ad abbandonare l'aula in questo momento-solenne. Tutti sentono che ancor meglio che con il voto, con questo canto, con questi applausi, la Camera rivela il suo intimo, profondo sentimento".
(dalle cronache dell'epoca)

I due "Condottieri", il Generale Cadorna e Re Vittorio Emanuele III

Gli ultimi abbracci e baci e poi via al fronte...






camion di filo spinato per le trincee...


le prime trincee...



un po' di riposo...



poi i primi assalti e il battesimo del fuoco...

I rincalzi non mancheranno ...

(saranno alla fine 5.903.000. Morti 750.000, invalidi 463.000, feriti 1.050.000 - vedi tabella )

I primi a rimetterci la vita

Foto ricordo austriaca con italiani irredentisti impiccati
(vedi anche la drammatica sequenza dell'impiccagione di Cesare Battisti QUI > )


Piazza Walter Bolzano con gli austriaci - Quasi un campo di battaglia


Aereo Italiano Caproni


Aereo italiano Caproni con postazione mitragliatore in piedi.


Soldati Italiani in caverne al Passo Falzarego 


Passo del Falzarego


Cortina d'Ampezzo - Verso il Monte Cristallo
sotto: Il Grande Albergo distrutto - sullo sfondo il piccolo centro di Cortina d'Ampezzo


Camminamenti a 3000 metri


Sentinelle alle alte quote




Discesa a valle dei feriti a corda doppia


Colonne di muli per rifornimenti alle alte quote


Postazioni sul Carso


Accampamento italiano al Pasubio


Trincee nella zona del Piave


In trincea - Altopiano di Asiago


Nelle retrovie delle Giudicarie


Distruzioni a Velo d'Astico


I resti di una via di Asiago

 

I Bombardamenti austriaci su Venezia. uno scempio di tesori d'arte


Bombe austriache su Treviso


La distruzione di Conegliano



I grossi calibri - Un 305


Sosta  ristoro a San Pietro in Gu (VI) - (Centro smistamento nuovi arrivi)  poi al fronte



Mussolini spera ancora nella "sua" "Internazionale"


La lunga attesa nelle trincee

poi l'ordine...all'attacco...


i primi feriti, poi le stragi

Per alcuni c'era il terrore della decimazione imposta da Cadorna per i "vili".
Cadorna non era del tutto soddisfatto del lavoro dei Tribunali che condannava i "disfattisti", i "vili" o più semplicemente i "sbandati", lo si legge nella circolare n° 10.261 del 22 marzo 1916 in cui incitava i propri comandanti ad istituire senza riguardo Tribunali Straordinari. Come se non bastasse, con un preciso ordine Cadorna rese ufficiali le fucilazione per decimazione scrivendo in una circolare;
"……mezzo idoneo a reprimere reato collettivo è quello della immediata fucilazione dei maggiori responsabili, allorché l’accertamento dei responsabili non è possibile, rimane il dovere e il diritto dei comandati
di estrarre a sorte
tra gli indiziati alcuni militari e punirli con la pena di morte......"

Un episodio drammatico passato alla storia fu “la decimazione di Cercivento" (link esterno)
che ancora oggi, a distanza di molti anni, fa discutere e riflettere.
Altro che "Viva la guerra!!"


Altopiano di Bainsizza - Gli austriaci sono appostati nelle piccole caverne


Ponte sul Piave


Ponte sul Piave


I due Ponti sul Piave distrutti


La ritirata di Caporetto

 


Il gen. Diaz prende il comando


Sbarcano gli americani ( "adesso decidiamo noi! La guerra e le spartizioni" Wilson)


"Arrivano i nostri!"

"Vinceremo" ( basta che pagate!)
Anni dopo quando (Germania e Italia) i vinti e i "vincitori" non volevano pagare 
Wilson nel '29 ricorḍ al suo ministro della difesa
"Ma non hanno ricevuto dei soldi? e allora paghino!"
Per l'Italia i debiti erano fino al 1988 !!! Ma poi nel '45 l'Italia ha perso un'altra guerra !!!


Gli imponenti thanks anglo-americani


Gli imponenti sbarchi di anglo-americani

Gli ultimi combattimenti degli italiani a Col Moschin, Grappa, Montello, Piave


Artiglierie da 105 portate a braccia sul Col Moschin


Disfatta - La disordinata fuga-ritirata degli austriaci a Trento
(molti - sui tetti - moriranno asfissiati nelle gallerie verso il Brennero)


I resti di quelli che fu il più potente esercito del mondo ...
si aggirano a Trento come fantasmi nel "si salvi chi può".

Le artiglierie austriache catturate

Superato il Piave, conquistata Vittorio Veneto, la cavalleria il 3 nov. entra a Trento



I plenipotenziari austriaci arrivano a Padova


2 Novembre 1918 - Gli austriaci entrano a Villa Giusti per firmare l'armistizio


Villa Giusti a Padova - Sede del Comando Italiano


 


Versailles  - Al mercato dei popoli d'Europa

 SHUTS delle Nazioni Unite, aggiunse "l'intera Europa, oggi, sta per essere liquidata per 2 miliardi di sterline".


 1a GUERRA MONDIALE  indice  TEMATICO     indice  GENERALE