ANNO 1908

CULTURA E COSTUME
(in costruzione)

*** GEORGES SOREL il teorico del sindacalismo rivoluzionario pubblica i suoi saggi più famosi : Riflessioni sulla violenza, Le illusioni del progresso, La decomposizione del Marxismo.

*** ALFRED LOISY grande storico del cristianesimo si adegua ai tempi e pubblica un saggio fondamentale sul modernismo che sta investendo tutto il mondo occidentale, mutandolo, e di riflesso in parallelo anche i concetti religiosi. La Chiesa dovrebbe, secondo lui, prendere in considerazione i nuovi fenomeni che stanno nascendo in questi anni, e la gerarchia ecclesiastica a questi dedicargli molta più attenzione, operando con aperture e una rivisitazione di molte norme arcaiche, vigenti solo per l'ottuso conservatorismo. A Roma però non gradiscono le sue teorizzazioni. La sua opera va subito all'indice e Loisy stesso è scomunicato dal Papa.

*** Si tiene a Strasburgo il primo Congresso Internazionale di Psicoanalisi e
WILLIAM McDOUGALL espone in un saggio Introduzione alla Psicologia sociale, la propria teoria del comportamento umano basata sul principio dell'istinto.

*** Ma in America un economista IRVING FISHER pubblica un saggio più pragmatico, The Rate of Interest . Testo fondamentale di alta economia dell'epoca dove espone la sua teoria dei criteri di scelta degli investimenti nel contesto della moderna economia. Spencer é ormai un ricordo, gli istinti o la predestinazione contano poco, è il grande capitale che conta. Questo anche se è messo in mano a uno stupido (perfino a un erede scemo) ma l'azienda ha un valido management, produce altro capitale. E' il perfetto meccanismo creato da molti che operano nella nuova civiltà degli "homini oeconomicus", non più il singolo soggetto, ma è l'"organico" aziendale quello che conta..

*** A FIRENZE esce La voce, rivista settimanale che produce con "alcuni" autori che vi
collaborano un rinnovamento del panorama culturale italiano. A dirigerla e'
PREZZOLINI e i collaboratori sono Amendola, Palazzeschi, Papini, Soffici, Ungaretti, Cardarelli, Radice, Einaudi, Bacchelli, Salvemini, e naturalmente gli immancabili Croce e Gentile.

*** CARLO ALBERTO SALUSTRI (TRILUSSA) poeta dialettale romano pubblica la sua famosa e straordinaria raccolta di poesie dialettale Ommini e bestie.

 

SCOPERTE E SCIENZA
(in costruzione)

*** HERMANN MINKOWSKI in un saggio elabora la teoria della geometria quadridimensionale, dando così alla teoria della relatività ristretta di Einstein una formulazione matematica. Fornisce cioè un'interpretazione matematica geometrica, basata su uno spazio a quattro dimensioni.

*** HENRI FORD inizia in grande la  produzione di auto nella sua officina, da dove esce il famoso "modello T" con lo slogan "Una macchina per ogni americano". Un successo strepitoso che porterà quest'auto ad essere prodotta in 15.000.000 di esemplari. Poi nel 1913 Ford ha un'altra fulminante idea che segnerà il secolo e fa finire l'era artigianale; é la catena di montaggio. Ford era una orologiaio fino a 33 anni. Dilettandosi di meccanica costruì la sua prima auto nel 1896, poi nel 1903 ottenne un finanziamento da un carbonaio per acquistare la sua prima officina. Sono passati solo cinque anni e Ford nel 1908 é già il nuovo magnate d'America.

Il grande successo di Ford stimola altri capitalisti americani; vanno a costituire nel corso dell'anno un'altra industria automobilistica la GENERAL MOTORS

IN ITALIA abbiamo con l'auto ITALA un successo mondiale quando Scipione Borghese e Luigi Barzini arrivano primi alla più pazza corsa del secolo, la Parigi-Pechino. Non si sfrutta l'occasione di questo clamoroso successo di una modesta fabbrichetta di auto, sconosciuta a tutti ma con un potenziale enorme. Un successo che Ford avrebbe pagato un milione di dollari pur di essere sui giornali di tutto il mondo gratis. (Quello che dirà poi in seguito riferendosi a un altro meccanico di una officina di Modena. Correva senza tanti mezzi economici, ma la domenica vinceva e il lunedì era su tutti i giornali del mondo senza aver speso una lira in pubblicità: ENZO FERRARI).

*** ADRIANO OLIVETTI non è da meno ad Ivrea. Inizia dentro una piccola officina a costruire macchine d'ufficio per scrivere. Poi ne costruirà milioni di esemplari.

FINE ANNO 1908

continua anno 1909 > >


< < TORNA A CRONOLOGIA