ANNO 1972 - (provvisorio)
( Anno 1972 - Quinta Parte )

FATTI INTERNAZIONALI

mercoledì 5 settembre

i giochi con i carri armati

(sotto, minuto per minuto la strage, e la foto di tutte le vittime)

-30 GENNAIO - IRLANDA DEL NORD - Dopo varie manifestazioni ostili a Londra, intervengono le truppe britanniche per sedare i disordini. Scontro con i dimostranti; i militari sparano sulla folla. 13 morti e un centinaio di feriti. - La tensione non si spegne per mesi fino a quando il 31 luglio le truppe corazzate britanniche occupano militarmente la parte di Belfast e Londonderry abitata dai cattolici. L'IRA risponde con nuovi attentati terroristici.

15-16 APRILE - GUERRA IN VIETNAM - ELEZIONI NIXON. In Vietnam riprendono massicci bombardamenti americani su Hanoi e Haiphong. In Giugno e Luglio sono bombardate le dighe che controllano le risaie nordvietnamite distruggendo i raccolti di riso. - Il 7 novembre con la promessa di far cessare la guerra in Vietnam, NIXON č rieletto presidente. Ma il 18 dicembre una nuova massiccia incursione di bombardieri distrugge quello che ancora restava di Hanoi e Haiphong. - Negli USA cresce nuovamente il movimento d'opinione contro la guerra in Vietnam soprattutto coloro che avevano riconfermato la carica a Nixon, che č costretto il 30 dicembre ad annunciare la sospensione dei bombardamenti, e l'inizio delle trattative di pace. Ma c'č dell'altro!!
Per Nixon stanno nascendo grossi problemi. Il Washington Post giā alla vigilia delle elezioni, usciva il 10 ottobre con un articolo di un giornalista segugio che portava alla luce alcuni particolari di una inquietante campagna elettorale di Nixon; poi ad elezioni avvenute, e riottenuta la presidenza, queste rivelazioni ripresero quota descrivendo dettagliate attivitā denigratorie contro gli avversari democratici condotte con illegali mezzi d'intercettazioni. Il maldestro tentativo di soffocare lo scandalo peggiora la situazione e scatenano altri attacchi; tali che alla fine dell'anno portano Nixon al centro di una situazione non solo imbarazzante ma drammatica per l'America, che s'interroga. Sta per scoppiare lo "Scandalo Watergate". Dopo quasi un anno e mezzo d'indagini causerā il 27 luglio 1974 l'impeachment e le dimissioni di Nixon il successivo 9 agosto.

30 MAGGIO - - , il 5 settembre; sono sequestrati gli atleti israeliani partecipanti. Un blitz della polizia in assetto di guerra mette fine all'azione terroristica, ma nello scontro a fuoco muoiono 9 ostaggi e 5 terroristi. Il 16 dello stesso mese Israele compie un raid punitivo sul Libano contro i palestinesi, che provoca 200 morti fra civili.

Monaco, 5 settembre - OLIMPIADI INSANGUINATE - Un'altra clamorosa azione terroristica dei terroristi palestinesi in occasione delle Olimpiadi a Monaco. All'alba del 5, un commando di otto fedayn palestinesi penetra nel villaggio olimpico e, introdottosi nella palazzina che ospita gli atleti di Israele, uccide Moshe Weinberg e Joseph Romano. I terroristi si barricano nell'edificio, tenendo in ostaggio nove atleti israeliani. La polizia tedesca con unità dell'esercito circonda l'edificio con soldati e carri armati. Dal Cairo l'organizzazione palestinese "Settembre Nero" rivendica l'azione e rende note le richieste: in cambio della vita degli ostaggi, Israele dovrà rimettere in libertà duecento fedayn detenuti nel carcere di Tel Aviv. Mentre il governo tedesco dovrà mettere a disposizione del commando, tre aerei per raggiungere il Cairo. Dopo numerosi rinvii l'ultimatum termina alle ore 21 del 5 settembre. Israele chiede l'immediata sospensione delle Olimpiadi, e rifiuta di soddisfare le richieste di « Settembre Nero ». Il Comitato Olimpico sospende invece le gare solo per poche ore.

Bonn 5 settembre - "Il cancelliere Brandt ha dichiarato che eminenti uomini politici tedeschi si sono offerti di prendere il posto degli atleti israeliani tenuti in ostaggio dai guerriglieri palestinesi, L'offerta è stata tuttavia respinta, così come l'offerta di denaro per il riscatto e di salvacondotti per lasciare la Germania" (Comunicato diramato dall'Ansa alle ore 22,46)

Il governo tedesco finge di acconsentire alle richieste palestinesi: un autobus trasporta il commandos e gli ostaggi presso tre elicotteri, a bordo dei quali si dirigono all'aeroporto, dove sono attesi da poliziotti armati che attendono nel buio il momento di intervenire. Appena scesi dagli elicotteri, la polizia accende i fari e apre il fuoco, i guerriglieri rispondono, un elicottero esplode. Al termine della sparatoria i morti sono quindici: tutti i nove ostaggi israeliani, cinque fedayn, un poliziotto. Tre guerriglieri, di cui uno ferito a una gamba, sono catturati.
L'operato delle autorità tedesche viene severamente criticato, Israele avrebbe chiesto al governo tedesco l'embargo delle notizie. Ora a fine tragedia si chiedono tutti come reagirà Israele.
E infatti non si fa attendere la rappresaglia. L'8, 9 e 12 settembre un blitz di aerei israeliani bombardano gli accampamenti dei fedayn in Siria e Libano, causando la morte di circa 200 persone.

MINUTO PER MINUTO LE ORE RISPERATE

LE IMMAGINI DELLE VITTIME A MONACO

Le vittime della delegazione israeliana, cinque pesisti, un lottatore, due allenatori, due giudici di gara, un poliziotto

 

21 AGOSTO - IN CILE il governo decreta lo stato d'emergenza dopo che l'intero paese č stato sconvolto da manifestazioni contro la politica sociale del governo. Una serrata dei commercianti che durerā mesi provoca l'imboscamento e l'accaparramento di generi di prima necessitā. Si procede alle requisizioni governative. Ma le agitazioni continuano e si allargano; culminano il 9 ottobre quando gli autotrasportatori si uniscono ai commercianti e provocano il blocco totale delle attivitā economiche. Il Paese guidato da ALLENDE (appoggio comunisti, socialisti, cattolici della sinistra) č minacciato dalle azioni eversive di bande fasciste che seminano il terrore. Il prossimo anno con il Paese caduto nell'anarchia ci sarā un colpo di Stato militare contro il governo. I fatti cileni impressioneranno molto i comunisti italiani di Berlinguer, che temono in Italia il ripetersi della situazione cilena e una svolta traumatica a destra, visto che la DC, la gerarchia ecclesiastica e gli USA manifestano in Cile il loro pieno appoggio ai militari di PINOCHET. (Lo leggeremo il prossimo anno).

23 SETTEMBRE - Stessa situazione cilena in ARGENTINA; qui PERON e la sua seconda moglie MARTINEZ , anticipano i tempi cileni. Sono eletti rispettivamente presidente e vicepresidente della repubblica e mettono fuori legge tutta l'organizzazione dell'estrema sinistra, l'ERP e i rivoluzionari del popolo argentino, che rispondono alla repressione uccidendo il segretario generale della Confederazione del lavoro. Altrettanto dura la reazione governativa per tutto il prossimo anno quando il paese č scosso da una serie di violenze, di attentati e rapimenti politici, con un governo che si mostra incapace di controllare la situazione  e lo stesso Peron morirā d'infarto.


 < < inizio ANNO 1972         CONTINUA ANNO 1973>