ANNO 1973 (provvisorio)
27 ANNI FA

CULTURA E COSTUME
(in costruzione)

- COSTUME - Si registra ufficialmente in Italia la prima morte di un giovane dopo essersi iniettata una una dose di eroina.

- COSTUME - Nascono i primi consultori ginecologici autogestiti dalle donne, si diffondono i collettivi femministi di autocoscienza.

- *** LIBRI - SILVER disegna il fumetto Lupo Alberto.

- *** LIBRI - LIVINGSTON pubblica Il gabbiano.

- *** LIBRI - PARISI pubblica Sillabario n 1

- *** LIBRI - ACHILLE CAMPANILE vince il Premio Viareggio con un opera umoristica, satirica, con il gusto del paradosso. Un libro significativo del migliore Campanile: Manuale di conversazione.

- *** LIBRI - ALBERTO ASOR ROSA pubblica il saggio Intellettuali e classe operaia

- *** LIBRI EUGENIO MONTALE pubblica Diario del '71 e del '72

- *** LIBRI -CARLO SGORLON pubblica Il trono di legno

- *** LIBRI - NATALIA GINZBURG pubblica Caro Michele

- *** LIBRI - LACAN  pubblica I quattro concetti della psicanalisi.

- *** LIBRI - ADORNO, postume vengono pubblicate le sue Lezioni di filosofia tenute a Francoforte nel suo ultimo periodo.

- *** LIBRI - ALTHUSSER esce con Response a John Levis. Revisionismo umanistico sul comunismo. Focalizza il fallimento dello stalinismo nella sua espressione economicista e tenta di spiegare come è avvenuta la deviazione e l'allontanamento dal pensiero marxista leninista.

- *** FILM - Esce sugli schermi di FEDERICO FELLINI Amarcord. Distacco dal mondo e nostalgia dei tempi andati, in calzoncini corti, durante la stagione del fascismo. La vita di una cittadina romagnola negli anni Trenta, dove emergono le avventure dei maschi con le donne, gli scherzi dei bontemponi, i grandi sogni dell'italiano mentre è intento a bere l'olio di ricino e nello stesso tempo a inventarsi e a raccontarsi paradossali avventure e a vivere la vita con un nonsense, perfino scema, con tante parolacce, senza crescere. - Il film viene premiato con l'Oscar, ha un grande successo anche in America, ma in Italia viene attaccato dalle femministe e suscita qualche polemica politica. Il democristiano Forlani invece ne tesse gli elogi. E' comunque uno dei capolavori di Fellini. (**** stelle).

 - *** FILM - Esce di MARCO FERRERI La grande abbuffata. Una grande allegoria della civiltà del benessere, dove l'unico scopo dell'esistenza sembra essere il cibo e il sesso, fino al punto parossistico: quello di voler morire i quattro protagonisti, organizzando un'orgia autodistruttiva con una grande abbuffata e numerose triviali copule. Una grande provocazione, che esce paradossalmente proprio nel momento più triste del Paese Italia, inquieta e disorientata con le improvvise misure di austerità, dove la civiltà di massa sembra aver ricevuto una coltellata nella schiena, a tradimento. Il film fa entrare il coltello più a fondo, e mescola dentro la piaga cinicamente. Un grande messaggio, provocatorio ma utile. (**** stelle)

 - *** FILM - Esce di VANCINI Il delitto Matteotti. Un film storico politico socialista sulla famosa vicenda del delitto di quest' uomo politico che stava contrastando con le sue accuse l'ascesa al potere di Mussolini. Un anno di storia italiana con i fatti narrati abbastanza fedeli alla realtà. (** stelle)

- *** FILM - NELO RISI esce con il film La colonna infame - Una ricostruzione semplicemente spettacolare di una vicenda narrata da I promessi sposi del Manzoni. Il periodo della peste e la caccia agli untori. (* stella)

 - *** FILM - LUCHINO VISCONTI esce con Ludwig. Terzo film della Triologia (La caduta degli dei e Morte a Venezia) Visconti prosegue la narrazione dov'è sempre presente la decadenza dell'aristocrazia di un tempo passato, del 1864. Protagonista questa volta il giovane re della Baviera, mecenate di Wagner, Ludwig Wittelsbach. Il re pazzo di diciannove anni deposto per le sue stranezze e che si era rinchiuso nel suo famoso castello kitsch e nello stesso tempo fiabesco (conosciuto in tutto il mondo, con le sue numerosi torri verso il cielo che spuntano in mezzo a una grande foresta) vivendo di orge e in una ambiguità senza pari. (** stelle)

  - *** FILM - LINA WERTMULLER gira Film d'amore e anarchia. Uno dei migliori film della regista, anche se la storia che racconta, molto seria - l'attentato al Duce da parte di un anarchico - è molto banalizzata. Il potenziale criminale, dimentica la sua nobile "missione" politica e si perde dentro le case di tolleranza della Roma godereccia e sguaiata. La coppia molto callaudata MARIANGELA MELATO e GIANCARLO GIANNINI, offrono comunque una divertente interpretazione, e fanno dimenticare senza rimpianti la serietà del periodo storico narrato.(** stella)

- *** FILM - Di INGMAR BERGMAN esce anche in Italia Sussurri e grida. E' un capolavoro già nell'uso del colore, insuperato. L'argomento è la crisi esistenziale di quattro personaggi che si muovono dentro un ambiente femminile sempre in conflitto tra loro. Altissima la forte tensione psicologica che è evidenziata con magistrali sequenze di colore non meno straordinarie della fotografia che raggiunge massimi livelli. Un film da non perdere quando ritorna sugli schermi, ma assolutamente da non vedersi in TV. (**** stelle)

 - *** FILM - Di FRANCOIS TRUFFAUT esce il film Effetto notte. Il regista si diverte inserendo nella sua storia la ripresa dello stesso film, la troupe con tutti i suoi problemi privati, e lui stesso alle prese con un sogno, quello di rubare dai migliori film delle scene, delle fotografie, per fare una summa della cinematografia. In realtà inserisce così vari spezzoni, citazioni famose, scene leggendarie della cinematografia, in una intersecazione di realtà e finzione straordinaria. Il montaggio sembra alla fine raccontarci un'unica cosa: la decadenza di Hollywood e del suo cinema, che appare lontano nel tempo, e paradossalmente Truffaut lo gira in stile hollywoodiano componendo così un cinico requiem. (*** stelle)

 - *** FILM - Di NORMAN JEVINSON esce Jesus Christ Superstar. Un rock opera su alcuni episodi evangelici. Una trasposizione cinematografica di un grosso evento musicale. In origine era un disco, poi uno spettacolo musicale che funzionò solo in America, e alla fine se ne fece un film. Apparso in Italia suscitò accese proteste di ultracattolici. Il musical racconta gli ultimi sette giorni della vita di Cristo e ne fa una specie di maniaco depressivo. Capisce che non riuscirà mai a diventare come vorrebbero i suoi seguaci e ha rinunciato ad opporsi al meccanismo repressivo che finirà per distruggerlo, ed è pronto a indossare l'aureola del martire il cui poster potrà decorare molti muri.

Alle proteste per aver banalizzato la storia di Cristo, dove vi appare molto hippy, pallido e in blue jeans, arriva la notizia che a Papa Paolo VI il film è piaciuto, e quindi approvato. Si smorzano le polemiche e il film anche in Italia registra un grosso successo. Questa è un'altra occasione per riconfermare quanta confusione c'è ancora dentro la Chiesa, dove in alternanza la visione del mondo moderno appare spesso non in sincronia con i vertici e reciprocamente.

 -***   MUSICA - PATTY PRAVO ottiene un grande successo con la canzone Pazza idea.
e LUCIO BATTISTI altrettanto con  Il mio canto libero.

- MUSICA LEGGERA - Al Festival di San Remo quest'anno vince la manifestazione PEPPINO DI CAPRI con la canzone Un grande amore e niente più, finisce al 2° posto invece PEPPINO GAGLIARDI con il pezzo Come un ragazzino, mentre MILVA con l'interpretazione della canzone Da troppo tempo si aggiudica  il 3° posto.

TORNA INIZIO ANNO