ANNO 1974 (provvisorio) MESE AGOSTO

3-4 AGOSTO - UN'ALTRA STRAGE - Un bomba sul treno Italicus della linea Roma Monaco fa una carneficina mentre il convoglio sta imboccando la tratta della Val di Sambro a Bologna, alla fine della galleria dell'Appennino. Se l'esplosione fosse avvenuta qualche minuto prima la tragedia avrebbe assunto proporzioni spaventose per circa mille viaggiatori.

L'attentato è rivendicato da un fantomatico Ordine Nero. Si contano 12 morti e 48 feriti. Anche qui sia i mandanti sia gli esecutori non saranno mai individuati anche se s'incrimineranno nomi che saranno poi prosciolti. Come già a Brescia, ai funerali delle vittime a Bologna, intervengono alte autorità dello Stato, ma sono contestate dalla folla che pur commossa ha la forza di fischiarli. Sono sempre loro due, i soliti, RUMOR e LEONE.

9 AGOSTO - Niente "una tantum" per le piccole cilindrate. I 4.500.000 italiani che hanno un'utilitaria (soprattutto Fiat "500" e "600") non dovranno più pagare la tassa che ha messo in ginocchio la grande fabbrica torinese, che sta minacciando di mandare tutti gli operai a casa per il crollo delle vendite e di non riaprire i cancelli dopo le ferie. La Camera ha dunque modificato il decreto del 6 luglio, ma ha confermato l'aumento delle benzina.

28 AGOSTO - Per chi cerca una risposta a molti interrogativi sulle trame eversive, può consolarsi con le dichiarazioni del ministro degli Interni DC TAVIANI che invece di chiarire, depista le indagini. Afferma che in Italia non esistono gli "opposti estremisti". Con una sicurezza che inquieta afferma categorico "Abbiamo indizi, abbiamo informazioni, abbiamo raccolte le prove dalle questure e da tutte la rete informativa, e abbiamo la certezza, ed è anche mia personale, che l'organizzazione terroristica va cercata a destra".

Le sue informazioni vengono dagli Interni, la roccaforte inespugnabile della DC a Roma, mentre alla Caserma di Via Moscova a Milano un generale, CARLO ALBERTO DALLA CHIESA (foto sopra) che vive in un vero e proprio bunker e fuori degli sguardi indiscreti con il suo gruppo "invisibile", non pensa solo al contrario di TAVIANI, ma ha ben altre certezze.

Un bravo tecnico, esperto, ha messo un computer, sta incrociando dati, fatti, nomi. I relazionali incrociati non perdonano; e per la prima volta il risultato non è un puzzle;  si forma una mappa, di nomi e zone dove si inizia ora il "lavoro" più difficile, delicato e rischioso: quello dell'infiltrazione. Qualcuno vorrebbe sbirciare cosa succede in quel bunker. ma quello di Della Chiesa è inespugnabile, e solo per questo motivo  i risultati li vedremo presto.

FINE AGOSTO

TORNA INIZIO ANNO

  ALLA PAGINA PRECEDENTE