ANNO 1983 (Pagine in costruzione) MESE DI GIUGNO

 
17 GIUGNO - A turbare la coscienza collettiva del Paese...
(l'arresto di Enzo Tortora)
(vi rimandiamo al prossimo mese di LUGLIO con i maggiori dettagli)
 

ELEZIONI POLITICHE 26 giugno (a fondo pagina i risultati in dettaglio)

26-27 GIUGNO - Si svolgono le elezioni politiche.
Per la prima volta (perchè si mormora che il paese sta manifestando un malessere verso la politica degli ultimi anni) si avverte un calo nell'elettorato, che registra un sotto 90%, esattamente l'89% per la Camera, e un 88,6 per il Senato.

Lo spoglio delle urne fa registrare un crollo della DC, nonostante l'ascesa di De Mita (forse avvenuta troppo in ritardo). 
I democristiani perdono un netto 6,9 % al Senato e un 5,4 % alla Camera.

Alle precedenti politiche la DC per la Camera aveva preso 14.046.290 voti e 262 seggi
In questa tornata perde 2 milioni di voti è scende a 12.153.081 preferenze  con 225 seggi

Espresse in percentuali la DC aveva ottenuto il 38,3 % contro il 32,9 %  di queste elezioni.
Mentre il  Partito comunista aveva ottenuto il 30,4 % contro il 29,9 % attuali.

Guadagna notevolmente il PSI che da 3.596.802 sale a 4.223.362 voti conquistando 11 seggi in più da 62 sale a 73. Una percentuale dal 9,8 all' 11,4, anche se Craxi molto più ottimista era convintissimo di superare il 14 per cento.

Sull'"effetto" Spadolini il PRI guadagna qualcosa, mentre il MSI dal 5,3 sale al 6,8.
Sensibili risultati positivi ma ininfluenti quelli del PSDI e del PLI.
Leggera perdita dei Radicali che scendono dal 3,5 al 2,2.

Sbigottimento tra i DC. De Mita non nasconde il suo malumore quando scende in sala stampa a piazza del Gesù. Ha incassato male una sconfitta largamente imprevista. "La sconfitta è innegabile, evidentemente la nostra politica non è stata capita dagli elettori, oppure è stata inadeguata. Comunque il voto è stato un segnale solo negativo, nessuno ha vinto. Sono attonito, non so che dire"

Gerardo Chiaromonte sull'Unità  si chiede:
"Ma qual'è il prezzo pagato alla DC?". Non sappiamo se De Mita  userà lo stesso linguaggio usato ieri dal suo collega Galloni in un articoli su Il Popolo. Colpisce in questo articolo il tono sprezzante verso il PSI e verso lo stesso presidente incaricato, in pesantezza della richiesta politica che viene di nuovo avanzata..  (...) forse cerca di elevare il prezzo che il PSI dovrebbe pagare per ottenere la presidenza del Consiglio dei ministri?" (l'Unità, del 30 luglio, prima pagina)

 

CAMERA DEI DEPUTATI

Seggi Elettori Votanti Voti validi  
630 44.047.478 39.188.182 36.906.005  
SISTEMA ELETTORALE: proporzionale
LISTE Voti % SEGGI
Democrazia Cristiana 12.153.081 32,9 225
Partito Comunista 11.032.318 29,9 198
Partito Socialista 4.223.362 11,4 73
MSI - Destra Naz. 2.511.487 6,8 42
PRI 1.874.512 5,1 29
PSDI 1.508.234 4,1 23
P. Rad. 809.810 2,2 11
PLI 1.066.980 2,9 16
Dem. Prol. 542.039 1,5 7
PPST 184.940 0,5 3
PS d’Azione 91.923 0,3 1
Liga Venata-P.U. 125.311 0,3 1
UV-ADP-PRI 28.086 0,1 1
Altre liste 753.922 2,0 -
Totale 36.906.005 100 630

SENATO DELLA REPUBBLICA

Seggi Elettori Votanti Voti validi  
315 37.603.817 34.421.230 32.413.861  
SISTEMA ELETTORALE: proporzionale
Gruppo politico Voti % SEGGI
Democrazia Cristiana 10.077.204 32,4 120
Partito Comunista 9.577.071 30,8 107
Partiyo Socialista 3.539.593 11,4 38
MSI - DN 2.283.524 7,3 18
PRI 1.452.279 4,7 10
PSDI 1.184.936 3,8 8
PLI 834.771 2,7 6
PLI-PRI 127.504 0,4 1
Part. Rad. 548.229 1,8 1
Dem. Prol. 327.750 1,1 -
PPST 157.444 0,5 3
PS d’Azione 76.797 0,2 1
Liga Venata-P.U. 91.171 0,3 1
UV-ADP-PRI 26.547 0,1 1
Altre liste 784.191 2,5 -
Totale 31.089.011 100 315

 

 

TORNA A INIZIO ANNO

  ALLA PAGINA PRECEDENTE