ANNO 1988 (Pagine in costruzione) MESE DI GENNAIO

9 GENNAIO - Fra i tanti problemi seri (con il Paese paralizzato dagli scioperi nei trasporti)  la potenza persuasiva di un falso messaggio pubblicitario in Tv di un fantasioso prodotto, che però ha dato nome a una canzone inserita nella trasmissione di Enzo Arbore: "Indietro tutta", convince la gente a chiedere ai negozi quel prodotto, cioè Il cacao meravigliao. Prima o dopo, quando con lo stesso sistema persuasivo presenteranno anche "fantasiosi" politici, siamone certi, voteranno anche questi. Ad alcuni basta presentarsi come involucro, non con la sostanza, nè con il contenuto cerebrale.

12 GENNAIO -  Muore assassinato da due sicari, il sindaco di Palermo Giuseppe Insalaco, forse il primo uomo politico che cercava di mettere in discussione il sistema degli appalti al Municipio del capoluogo siciliano. A suo tempo accusatore di Vito Cincimino.
 Dopo la sua morte sono stati trovati i suoi importanti diari dai quali sono emersi importanti informazioni. Tra l'altro, proprio questi diari hanno iniziato a sollevare alcuni sospetti sull'allora alto funzionario del Sisde Bruno Contrada.
Poche ore dopo il funerale di Insalaco, è assassinato anche un agente collaboratore del vicequestore Cassarà ucciso nell'estate del 1985.

25 GENNAIO - Continua il caos in tutta Italia provocato dai Cobas. Il ministro del lavoro Formica sollecita Goria a regolamentare la materia puntando sulla precettazione.

28 GENNAIO - La richiesta di Formica fa aumentare le manifestazioni dei Cobas che paralizzano i trasporti.

29 GENNAIO - Nei pressi dell'abitazione di De Mita viene arrestato un noto brigatista. La sua cattura sventa i piani di un commando che pedinava da tempo il noto politico avellinese.

Torna inizio anno


  ALLA PAGINA PRECEDENTE

CRONOLOGIA GENERALE