ANNO 1988 (Pagine in costruzione) MESE DI NOVEMBRE

9 NOVEMBRE - Arriva l'ora del dopo Reagan. Negli Stati Uniti, alle elezioni, BUSH conquista la Casa Bianca. E' il 41esimo Presidente americano. L'affermazione nel sud e nei grandi stati industriali è stata decisiva per la vittoria dell'ex vicepresidente. 

12 NOVEMBRE - Tornano a farsi vedere i tre sindacati confederali Cils. Uil, Cgil (ala socialista) non vogliono essere da meno dai Cobas. Organizzano e fanno scendere in piazza a Roma 300.000 lavoratori per chiedere (una generica) equità fiscale. Ma i problemi sono altri e ben più gravi. Non ultimi quelli dentro lo stesso  sindacato. Pizzinato segretario della Cgil, polemizza, poi clamorosamente dà le dimissioni. Lo spostamento del Pci di Occhetto e dell'ala comunista socialisteggiante verso Craxi a Pizzinato non piace. (Ne abbiamo già parlato a inizio anno).

I contrasti di Pizzinato con una parte del sindacato Cgil sono insanabili, le difficoltà organizzative travagliano il suo lavoro. E lui ammette davanti alla Tv che    "Non è più possibile garantire il diritto-dovere di condurre una battaglia politica aperta e leale e di dirigere la Confederazione. Ritengo fondamentale che siano i lavoratori a decidere al di là dei modi scomposti e sguaiati". Chiara l'allusione ai Cobas.

Pizzinato iniziò a essere molto preoccupato già in luglio alla vertenza con la Fiat "Il segretario è molto preoccupato per gli esiti di questa vertenza ed esprime verso Marini (Uil) e Benvenuti (Cisl) un giudizio di insolita durezza: di aver tradito le più elementari regole di convivenza fra sindacati, di essere corsi a firmare separatamente l'accordo con la Fiat. "Una organizzazione col peso e le tradizioni della Cgil non ha alternative in una situazione come questa; noi non possiamo firmare un ultimatum, un "prendere o lasciare".
E' un complotto? "Dico che è in corso una grossa manovra politica che tenta di annullare una delle regole fondamentali di questa democrazia"..."Ci sono forze che lavorano per isolarci" ..."I problemi non si risolvono con una erogazione salariale"
(NB. Anche nel rinnovo dei contratti per i lavoratori dipendenti da imprese artigiane le tre confederazioni si erano spaccate).
Interviene De Micheli (PSI, vice Pres. Cons.) e Formica (PSI min. Lavoro) che si dichiarano preoccupati per questa spaccatura (ma è molto gradita) e che si attiveranno per una mediazione "discreta" (
Da Repubblica,  artic. "Il sindacato si rompe" di Salvatore Tropea, e artic. "Pizzinato: L'ho saputo dalle agenzie" di Vittoria Sivo. Era il 19 luglio 1988). 

Poi sono seguiti gli attacchi a Pizzinato da parte del PCI sull' Unita, infine la "goccia" di Occhetto su  Rinascita che accennava alla "possibilità di un cambiamento al vertice sindacale con un socialista". Per farglielo capire meglio alla rielezione è riconfermato segretario però voti in maggior parte sono dei socialisti (27, contro 17 e 4 astenuti). A questo punto Pizzinato ha "sbattuto la porta". Altro non poteva fare; anche qui "prendere (e cambiare atteggiamento) o lasciare.

Il 29 sarà eletto nuovo segretario BRUNO TRENTIN.

Torna inizio anno

  ALLA PAGINA PRECEDENTE

CRONOLOGIA GENERALE