ANNO 1994 (Pagine in costruzione) MESE DI DICEMBRE

 (dicembre EXTRA >> >> > )
l'avviso di garanzia a Napoli
e "Con la morte nel cuore" 

 17 DICEMBRE - La polemica sulle dichiarazioni di Giuliano Ferrara in televisione, contro il presidente della Repubblica  hanno sollevato un putiferio. Lo ha accusato di complottare, di essere un "Concertatore di una manovra di Palazzo per rapinare voti degli italiani e ribaltare il governo"

SILVIO BERLUSCONI si è dovuto scomodare di persona per fare le scuse a Scalfaro. 
La situazione è molto singolare, perchè il Capo del Governo in persona sconfessa il Portavoce del Governo (Ferrara).
E quest'ultimo subito dopo sconfessa nuovamente "Ho detto la verità. Anzi non l'ho detta tutta".

17-19  DICEMBRE - Il subbuglio c'era già stato a Montecitorio il 14 dicembre. Il Presidente della Camera PIVETTI aveva preso una iniziativa che aveva spaccato il Parlamento. La sua proposta della riforma del sistema televisivo (si era opposta alla scelta di Vittorio Sgarbi a capo della commissione speciale) è stata approvata con i voti del PDS, del PPI  e della Lega che fa parte della maggioranza. 
La crisi è quindi aperta, il voto di fiducia per il governo è ora necessaria dopo l'approvazione  in tempo di record della finanziaria, passata con 240 voti a favore, 160 contrari e 26 astensioni.

21 -22 DICEMBRE - In diretta, in televisione, si assiste al dibattito alla Camera; il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con un discorso pieno di amarezza e abbastanza duro nei confronti dell'alleato Bossi, dichiara che il patto sancito con lui il 27 marzo è stato tradito e chiede di ritornare immediatamente alle urne.
Altrettanto accuse di tradimento sul patto elettorale sono espresse da Bossi. Alla fine della seduta la crisi di governo è aperta; nello stesso giorno il Presidente del Consiglio Berlusconi rassegna le dimissioni. Ed invita i suoi militanti a manifestare in piazza contro "il tradimento". Analogo l'accorato messaggio mandato in onda nelle Tv nazionali con una videocassetta. Questa volta su tutte le TV.

Il 30 DICEMBRE la tensione politica sale quando appare evidente che la situazione politica ha due punti di vista in contraddizione. Scambio di battute infuocate tra il dimissionario Berlusconi e il Presidente della Repubblica Scalfaro,  che ha lui la  facoltà di indire nuove elezioni, ma ha però ravvisato non esserci in Parlamento una maggioranza favorevole del Polo, ma semmai il contrario, quindi esclude un immediato ricorso alle urne.

(Sui giornali viene ricordato che anche in Inghilterra Mayor  - senza ricorrere alle elezioni - ha scalzato dal governo la pluriennale potente Thatcher della sua stessa coalizione) 

(approfondimento in costruzione)

FATTI NAZIONALI
3 - Tangenti: chiesto il rinvio a giudizio di 120 persone, tra cui Paolo Berlusconi, Salvatore Ligresti, Giampiero Cantoni.
4 - Ballottaggi elezioni amministrative: vincono i candidati di centro-sinistra a Massa, Sondrio, Brindisi, Brescia (sindaco Martinazzoli) e della maggioranza a Pescara e Treviso. Vittoria centro-sinistra alle provinciali di Massa e Foggia.
6 - Antoni Di Pietro proprio nel giorno della requisitoria al processo Enimont, quello che ha scoperchiato la pentola della corruzione in Italia,  clamorosamente si dimette dalla magistratura. Il PM è amareggiato perchè la sua attività giudiziaria viene vista sempre in contrapposizione contro qualcosa o contro qualcuno. Le dimissioni saranno respinte ma il 9 sono nuovamente ripresentate, aggiungendo a chi teme che entri in politica, che non ha nessuna intenzione di iniziare questa carriera.
6 - Tangenti: al processo Eni-Sai, Craxi e Citaristi sono condannati a cinque anni e sei mesi, Cusani a cinque anni, Salvatore Ligresti a tre anni.
6 - Muore in Grecia l' attore Gian Maria Volonte'.

7 - Depositata la sentenza della Corte Costituzionale che dichiara illegittima la parte della legge Mammi' che consente di essere titolare di tre concessioni televisive nazionali. E' citato nella sentenza l'articolo 21 della Costituzione che vincola il legislatore a "impedire la formazione di posizioni dominanti"

8 - Il procuratore di Palermo Caselli, per le dimissioni di Di Pietro, critica  ai microfoni del Tg3 l'attacco alla magistratura,  indicando alcuni settori del governo Berlusconi.  Afferma che c'è il pericolo di interferenza nelle delicatissime inchieste giudiziarie già aperte. Poi parla di "delegittimazione" della giustizia, citando le violenti critiche verso i magistrati portate da Sgarbi in Tv, e  che nessuno ha reagito per tutelare le istituzioni. - Secondo Borrelli, ascoltato il 15 dal CSM, anche le dimissioni di Di Pietro  sono da ricondurre a questo clima intimidatorio.

11 - Maroni ministro dell'Interno del governo Berlusconi, fa un vago accenno a una crisi di governo e ipotizza non solo una maggioranza diversa ma anche una diversa guida. Non risparmia forte critiche  per  lo scontro in atto tra governo e magistratura.


12 - Il presidente della prima sezione penale della Corte di Cassazione Arnaldo Valente si dimette dalla magistratura, inviando una lettera al Presidente della Repubblica, deplorando l'atmosfera avvelenata e la campagna diffamatoria montata ai suoi danni.

12 Che ci sia vera crisi, lo segnala la Borsa. Crolla la lira e i titoli "bruciano" in un giorno 10 mila miliardi.

13 - A Milano, il presidente del Consiglio Berlusconi e' interrogato per 7 ore dai giudici del pool ''mani pulite''., riguardo alle tangenti pagate dal gruppo Fininvest alla Guardia di Finanza. Berlusconi reagisce affermando che è solo un teorema senza riscontri, e afferma che non di dimetterà dal governo.
13 - Tutti gli ispettori del ministero della Giustizia annunciano le dimissioni, che saranno poi ritirate il 16.

13 A Palermo viene arrestato Pino Mandalari, accusato di gestire attività economiche dei boss della mafia siciliana tra i quali Totò Riina, e di essere legato alla massoneria, promosso politici mafiosi, corrotto giudici  per "aggiustare" processi di mafia.
14 - A SORPRESA con il voto di Lega e opposizione, la Camera approva la proposta della presidente Pivetti (che ha spaccato il Parlamento per istituire una commissione parlamentare speciale nella nuova riforma del sistema radiotelevisivo. E' bocciata la proposta di affidare la presidenza a VITTORIO SGARBI, presentato dal Forza Italia. Il voto contrario oltre che dall'opposizione viene dalla Lega. Di fatto si è così  quindi formata una nuova maggioranza.
Berlusconi annuncia che appena approvata la finanziaria si dovrà fare il 21 una verifica della maggioranza (che già nel voto espresso non esiste più).
17 - Incontro tra Bossi, Buttiglione e D' Alema: quindi già annunciate due mozioni di sfiducia alla verifica del 21 (una del Pds e una di Ppi-Lega). 
19 - Il Senato approva la Finanziaria.

19 - I Tg di varie emittenti del gruppo Fininvest trasmettono la videocassetta di un accorato  appello di Berlusconi agli elettori contro il 'tradimento'. Il premier invoca il ritorno alle urne degli elettori.

20 - La Camera approva definitivamente la finanziaria 1995. 241 voti a favore, 160 contrari, 26 astensioni.

21 - Nel suo discorso alla Camera, Berlusconi attacca la Lega con durezza, accusandolo di aver tradito gli elettori e afferma che, in caso di dimissioni, gli italiani devono tornare a votare.

22 - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si dimette.

30 - Scontri tra Scalfaro e Berlusconi con un aumento della tensione  per la formazione di un nuovo governo. Il primo dichiara che esiste una chiara nuova maggioranza quindi niente elezioni, mentre  il secondo accusa che è in atto una vera e propria delegittimazione delle Camere.  Scalfaro torna sull'argomento rispondendo che quello di Berlusconi è un "attacco inaudito".

 

FATTI SPORTIVI
1  - Calcio: a Tokyo, Milan sconfitto per 2-0 dal Velez Sarsfield in coppa Toyota (coppa Intercontinentale).
3 - Tennis: la Svezia vince la coppa Davis battendo la Russia.
3 - Ciclismo: lo statunitense Greg Lemond annuncia il ritiro.
7 - Calcio: il Milan si qualifica per i quarti di finale della Coppa dei Campioni.
17 - Calcio: le partite cominciano con 45' di ritardo per uno sciopero del sindacato calciatori.
21 - Calcio: amichevole, Italia batte Turchia 3-1

 (dicembre EXTRA >> >> >
l'avviso di garanzia a Napoli
e "Con la morte nel cuore"