HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

vedi stesso periodo "RIASSUNTI STORIA D'ITALIA"

ANNO 1690

*** L'AUDACE VITTORIO AMEDEO DI SAVOIA
*** IL CUGINO EUGENIO DI SAVOIA
*** LUIGI XIV CONTRO TUTTI


 ITALIA - Il giovane ventitrenne, VITTORIO AMEDEO di Savoia, che recentemente ha preso le redini del governo del ducato, abbandona la pluri-decennale politica filo-francese che gravava sul ducato piemontese dai tempi della fine della guerra del Monferrato, e aderisce alla Grande Alleanza antifrancese (o Lega d'Augusta).
Pur audace e coraggioso è purtroppo ancora giovane; si trova in una posizione isolata (la Spagna confinante pur avendo ricevuta la dichiarazione di guerra di Luigi XIV non si è ancora unita alla coalizione); nè può certo contare su aiuti dall'esterno come gli Asburgo piuttosto lontani, fra l'altro impegnati su più fronti; con i turchi a est e i Francesi a nord e a nord-ovest.
La sua prima battaglia a Staffarda è un disastro. Ma nonostante la sconfitta, il prossimo anno e anche il successivo tenterà coraggiosamente di invadere il Delfinato. Nel '93 subisce un'altra sconfitta a Marsiglia pur con l'aiuto del cugino Eugenio di Savoia alle dipendenze di Leopoldo d'Asburgo. 
Poi nel '95 con rinnovata audacia si azzarda ancora a stringere d'assedio la fortezza francese di Casale, fino al punto di far cedere Luigi XIV a firmare un trattato di pace; riacquista così Pinerolo  promettendogli di uscire dalla coalizione antifrancese.
Una tregua di qualche anno, poi (nel 1701) partecipa alla guerra di successione antifrancese ancora con Eugenio di Savoia che guida le truppe imperiali asburgiche. Con lui sbaraglia le truppe francesi:
Ma subito dopo (1705) subisce dagli stessi francesi una invasione proprio in casa a Torino. A salvarlo ancora una volta il cugino Eugenio; diventato nel frattempo uno dei più bravi condottieri d'Europa; contro quella Francia che quando era giovane cadetto, lui pronipote di Mazzarino, Luigi XIV in persona rifiutò sprezzantemente di farlo entrare nel proprio esercito. Passò così -pur minacciato da emissari del re- a quello di Leopoldo, giusto in tempo per distinguersi a fianco del bravissimo generale Carlo di Lorena, all'assedio turco di Vienna; diventando in brevissimo tempo uno dei più grandi generali del tempo. Luigi XIV ebbe modo di pentirsene
(vedi la sua biografia EUGENIO DI SAVOIA)

*** INGHILTERRA - Insediatisi sul trono d'Inghilterra Maria Stuart e il marito Guglielmo d'Orange, sciolgono il vecchio parlamento, riuniscono il nuovo che durerà cinque anni.
La prima dimostrazione di grande pacificazione viene con l' Act of Grace.  Atto di grazia con il quale viene garantita l'immunità a tutti i seguaci del re deposto, purchè abbiano cessato con lui ogni rapporto.
Seguirà l'anno dopo l'Act of Settlement  con il quale viene esclusa la successione al trono degli Stuart a favore degli Hannover. Inoltre l'atto prevede che tuti i sovrani debbano essere d'ora in avanti, di religione protestante.

*** SPAGNA - Gli spagnoli - pur essendoci alla corte di Madrid una nutrita presenza di filo-francesi (con Don Giovanni al governo dopo il colpo di Stato, e con un re Carlo malaticcio ) entra nella Grande Aleanza anti-francese.
Del resto, ed è molto singolare, è stato proprio Luigi XIV lo scorso anno a dichiarare guerra alla Spagna, oltre che a tutti gli altri della coalizione.

*** FRANCIA - Nella offensiva contro tutti, la Francia forte del proprio potente esercito, guidato dai generali di Luigi XIV,  prosegue nell'occupare territori e città. Le truppe francesi conquistano Liegi;  sconfiggono la coalizione nella battaglia di Fleurus; la flotta navale sconfigge le navi inglesi e olandesi  a Beach Head; poi proseguono e a fine anno marciano verso Mons, nei Paesi Bassi. 

*** GERMANIA - L'imperatore Leopoldo I (1640-1705), che ha già raggiunto i 60 anni, ed è sul trono da 40, si preoccupa di lasciare in degna eredità il trono. Designa come suo successore il figlio GIUSEPPE, eleggendolo re dei Romani, quindi designato alla futura corona imperiale.
Nato nel 1678, quindi 22 enne, Giuseppe succederà degnamente al padre fra breve, nel 1705; continuando con importanti vittorie la lotta contro Luigi XIV nella guerra di successione spagnola, una proficua attività politica imperiale in Germania, accrescendo l'influenza austriaca in Italia.
Ma avrà sempre al suo fianco quel grande generale che abbiamo accennato sopra: Eugenio di Savoia. 

*** COLONIE - Se in Europa francesi e inglesi si scannano, in America i loro cugini e nipoti fanno altrettanto e con più accanimento.
Scatenata la guerra in Europa contro l'Inghilterra, anche in America i francesi nelle colonie inglesi si contrappongono agli insediamenti britannici. Reparti francesi massacrano i coloni inglesi di Schencctady, a Salomon Falls, a Casco Bay. A loro volta gli inglesi vincono i francesi a Port Royal.
Lotta per il dominio dei territori.  Nel mettervi piede ognuno la considera una sua proprietà. Poi dopo aver sterminato i locali a milioni, l'incontentabilità provoca i primi contrasti. O meglio i coloni iniziano ora a sterminarsi fra di loro; sono le prime guerre fratricide.
In gioco ci sono grandi territori, le grandi mandrie allo stato brado, milioni di acri di ricca vegetazione dove nascono i prodotti di ogni genere; ma soprattutto l'idea fissa é sempre quella di scoprire delle grandi miniere di oro e d'argento e arricchirsi subito.
(Coloni - da non confondersi con quelli che lavoravano, quelli invece che crearono i contrasti (fra di loro) erano i "coloni proprietari terrieri", che utilizzavano e strumentalizzavano a piacere i "coloni bifolchi", che sempre coloni bifolchi rimasero. I primi 13 Stati Uniti (del Nord, quindi molto prima della guerra di secessione, nord-sud) si erano fatti guerra per anni per accorparsi gli uni i territori degli altri.

*** HUYGENS enuncia la teoria ondulatoria della luce, ancora molto confusa, ma nella sostanza le sue intuizioni sono molto vicine a quelle che verranno poi confermate nel XX sec.

 CONTINUA ANNO 1691 >