HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICi
PERSONAGGI
E PAESI

ANNO 634 d.C.
( QUI riassunto del periodo ( longobardo ) dal 591 al 652 ) >

(Vedi QUI i singoli periodi in
"RIASSUNTI DELLA STORIA D'ITALIA")

*** ARABIA: IL CALIFFO OMAR

***  ARABIA - Muore Abu Bakr, il successore di Maometto. Gli succede OMAR, anche lui suocero di Maometto.
Sarà questo nuovo Califfo (fino al 644 poi verrà assassinato da uno schiavo persiano) a iniziare l'espansione araba, appena cominciata dal suo predecessore.

Omar secondo califfo dell'impero arabo; appartiene al nucleo più esclusivo dei Quarayshiti della Mecca; alla morte di Abu Bakr é riconosciuto senza discussione da tutti i musulmani e in breve tempo diventa il principale artefice della grande espansione territoriale del giovanissimo stato arabo; conquisterà la Siria, l'Egitto, la Cirenaica, la Tripolitania, e la Palestina; e con la battaglia di Nehavend (642) sconfiggerà definitivamente l'impero sassanide. 
Cercherà con saggezza di amministrare i territori conquistati e cercherà anche di impedire ogni forma di separatismo. Di accuse di malgoverno ne riceverà comunque tante; fra le quali quella di esercitare un potere autocratico; e di non lasciare spazio nemmeno ai più valorosi generali e ai più validi funzionari.
Coscienzioso com'è, forse Omar non agisce così per ambizione personale, quanto per convinzione religiosa e politica. Ma per motivi finanziari e politici, con le numerose campagne militari di conquista, e quindi consistenti introiti di bottino, Omar ritiene giusto organizzare un tesoro di stato, dove vi entra il cosiddetto "quinto" voluto ancora dallo stesso Maometto per far fronte speditamente alle esigenze militari, ai premi e alle paghe dei soldati. L'amministrazione di questo tesoro, sempre più ingente con le nuove conquiste, creeranno invidie nell'altra grande famiglia dei Omayyadi, facente parte della potente aristocrazia meccana che all'inizio dell'Islam era sempre stata alla Mecca la principale antagonista e spesso nemica del Profeta, ma che dopo il suo successo politico non solo si era alleata a Maometto ma si era perfino trasferita a Medina cercando di inserirsi e di contendere la supremazia a quel basso e rozzo ceto medinese che il Profeta aveva creato nella nuova prosperosa città e che era giustamente salito al potere. Con molti elementi della famiglia dei Quarayshiti di cui cui fa parte ora il neoeletto Omar. Ma che gli Omayyadi, avidi di potere e di ricchezze, contrasteranno fino alla sua morte, per poi salire loro al potere; accusati -questo saranno poi le critiche degli oppositori esautorati- di nepotismo e di essere in contraddizione con l'ispirazione ugualitaria dell'Islam. (lo leggeremo nei prossimi capitoli)

Sotto OMAR in questi anni che seguono,  Iran, Siria, e Mesopotamia saranno conquistate dai suoi eserciti: e già nel corso dell'anno iniziano alcune operazioni contro i persiani e i bizantini.  Khalid che guida ora lui l'esercito impegnato a settentrione, soprannominato "la spada di Allah",  inizia una serie di conquiste: la prima l' Iraq.
 E' il primo paese che cade in mano agli arabi. Subito dopo Khalid  guida l'esercito attraverso il deserto siriano, e  18 giorni dopo piomba alle spalle dell'esercito bizantino presso Damasco, da qui si ricongiunge con quello proveniente da sud ed insieme  attaccano con una serie di sistematiche campagne il territorio siro-palestinese. Un grande successo lo ottengono a ovest di Gerusalemme.

Riunite le forze Khalid assume il comando supremo dell'esercito. Una parte di questo guidato da Yazid portandosi nella grande depressione a sud del mar Morto,  sconfigge a Cesarea le truppe del governatore bizantino Sergio.

*** IN FRANCIA DAGOBERTO il re dei franchi fa incoronare il figlioletto SIGIBERTO II di soli tre anni destinandogli l'Austrasia mentre l'altro suo figlio CLODOVEO II, gli destina il regno della Neustria e della Borgogna.

*** IN INGHILTERRA, OSVALD infligge ai britanni una disfatta determinante nella storia della lotta per la conquista del paese. 
Chiama poi con se' numerosi missionari che inizieranno una lenta trasformazione religiosa nel paese. E' presente il missionario AIDANO a Lindisfarne, nel Twedd, dove fonda una abbazia il prossimo anno che diventerà un centro di irradiazione della fede cristiana, controllato però da religiosi irlandesi cattolici.

Bibliografia:
Storia dei popoli Arabi, da Maometto ai nostri giorni
di Albert Hourani, Mondadori 1992
Maometto di Gerhard Konzelmann, Bompiani, 1983
Storia della letteratura araba, Francesco Gabrieli, Nuova Accademia Editrice, 1956

CONTINUA ANNO 635 >